Home » Notizie » Professioni tecniche » INARCASSA, adeguamenti pensioni 2024: aumento dell’8,8 per cento!

Inarcassa e adeguamento contributi 2024

INARCASSA, adeguamenti pensioni 2024: aumento dell’8,8 per cento!

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Nuovi importi per contributi e pensioni per il 2024: cosa cambia per ingegneri e architetti con l’adeguamento INARCASSA secondo l’indice ISTAT

INARCASSA ha annunciato un importante aggiornamento per l’adeguamento pensioni e contributi 2024: l’adeguamento secondo l’indice ISTAT delle pensioni e dei contributi per l’anno corrente è rappresentato da un aumento dell’8,8%, un cambiamento significativo che influenzerà gli aspetti finanziari degli iscritti.

Metodo di rivalutazione pensioni e dinamiche indice ISTAT

Una componente chiave nell’aggiornamento INARCASSA 2024 è il metodo adottato per la rivalutazione delle pensioni. Questo processo avviene annualmente al 1° gennaio e si basa sul 100% della variazione dell’indice nazionale generale annuo dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, calcolato dall’ISTAT.

Calcolo della variazione ISTAT e adeguamento pensioni INARCASSA 2024

La determinazione della variazione ISTAT è un processo preciso. Si confronta il valore medio dell’indice ISTAT per il periodo compreso fra il diciottesimo e il settimo mese antecedente alla data di rivalutazione, con il valore medio dell’indice relativo ai dodici mesi del periodo tra il trentesimo e il diciannovesimo mese antecedente. In sostanza, si osserva un periodo di 12 mesi, che va da luglio del secondo anno precedente a giugno dell’anno antecedente quello in cui avviene la rivalutazione.

Storico delle variazioni dell’indice ISTAT e variazioni pensioni INARCASSA

Per comprendere meglio il contesto e la significatività dell’aumento del 2024, è utile esaminare le variazioni annuali dell’indice ISTAT degli anni precedenti:

  • 2012: +2,70%;
  • 2013: +3,00%;
  • 2014: +1,10%;
  • 2015: +0,20%;
  • 2016: +0,00%;
  • 2017: +0,00%;
  • 2018: +1,10%;
  • 2019: +1,10%;
  • 2020: +0,50%;
  • 2021: +0,10%;
  • 2022: +0,20%;
  • 2023: +4,50%;
  • 2024: +8,80%.

Questo storico mette in luce una variazione significativa per l’anno 2024, che si distacca nettamente dalle tendenze degli anni precedenti, riflettendo un contesto economico e sociale in evoluzione.

Nuovi importi dei contributi 2024

Per l’anno 2024, i contributi minimi subiscono un incremento. Gli ingegneri e architetti dovranno considerare i seguenti importi:

  • € 2.695 per il contributo soggettivo minimo,
  • € 815 per il contributo integrativo minimo.

È fondamentale essere consapevoli di questi cambiamenti per una corretta pianificazione finanziaria e contributiva.

Tetto del reddito pensionabile e pensione minima

Il tetto del reddito pensionabile, oltre il quale non è dovuto alcun contributo, è stato fissato a € 142.650. Questo parametro è cruciale per la pianificazione previdenziale, in quanto definisce il limite massimo di reddito su cui calcolare i contributi.

La pensione minima per l’anno 2024 è stata stabilita a € 12.740, offrendo un quadro più chiaro agli iscritti su cosa aspettarsi in termini di sicurezza finanziaria durante la pensione.

Contributo facoltativo minimo

Per coloro che desiderano aumentare il proprio fondo pensionistico, il contributo facoltativo minimo è ora di € 245. Questa opzione permette una maggiore flessibilità e controllo sul proprio piano pensionistico.

Questi aggiornamenti, in linea con le variazioni dell’indice ISTAT, riflettono le dinamiche economiche attuali e sono fondamentali per garantire una previdenza adeguata agli iscritti di INARCASSA. Per maggiori dettagli su questi cambiamenti e su altri parametri del Regolamento Generale di Previdenza INARCASSA 2024, si consiglia di visitare il sito ufficiale di INARCASSA e di consultare il documento completo del regolamento.

Calcolo del compenso professionale comprensivo di contributi

Può essere di grande aiuto un software per calcolare i compensi per le prestazione professionali completamente gratuito secondo il D.M. 140/2012 che ti permetta anche di:

  • elaborare preventivi adeguati all’importanza dell’opera e dettagliati per singole prestazioni, con tutte le voci di costo comprensive di spese, oneri e contributi
  • determinare i costi delle attività corrispondenti e analizzare i margini di guadagno
  • studiare analiticamente eventuali offerte su ogni categoria di lavoro presente in parcella e sulla prestazione totale
  • stampare automaticamente preventiviconsuntivi contratti

 

Compensus FULL

 

Compensus FULL

 

2 commenti
    • Redazione di BibLus
      Redazione di BibLus dice:

      Franco, grazie a te per l’attenzione! È sempre un piacere cogliere l’apprezzamento dei nostri lettori! Ciao e continua a seguirci!

      Rispondi

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *