Home » Notizie » Sicurezza Cantieri e Luoghi di Lavoro » UNI EN ISO 45001:2023: gestione sicurezza sul lavoro

UNI ISO 45001

UNI EN ISO 45001:2023: gestione sicurezza sul lavoro

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

La UNI ISO 45001 specifica i requisiti per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro. Scopri tutti i dettagli

La norma UNI EN ISO 45001, dal titolo “Sistemi di gestione per la salute e sicurezza sul lavoro – Requisiti e guida per l’uso“, è in vigore dal 12 marzo 2018 ed è stata aggiornata nel 2023.

Su proposta UNI, la norma è stata adottata a livello CEN (Comitato europeo di normazione) ed dal 1° marzo 2024 tutti gli enti di normazione europei hanno l’obbligo di recepirla nei loro cataloghi.

A questo proposito va ricordato che nel recepimento del documento normativo, la UNI EN ISO 45001 ha una specifica appendice nazionale che aiuta a fornire una corretta relazione con il nostro quadro legislativo.

E tu come gestisci la sicurezza nella tua azienda? Bella domanda per un sistema di lavoro che spesso deve affrontare contemporaneamente la sicurezza di attività eterogene, ed è per questo che vorrei consigliarti un software gestione sicurezza sul lavoro intelligente che non si limita a gestire attività sconnesse fra loro (come accade in altre procedure software), ma la sicurezza dell’azienda nella sua organicità, facendo della norma stessa l’algoritmo di funzionamento del sistema di gestione.

UNI EN ISO 45001:2023, obiettivi e campo di applicazione

La UNI EN ISO 45001:2023 indica i requisiti per un sistema di gestione per la salute e per la sicurezza sul lavoro, fornendo una guida per il suo utilizzo al fine di consentire alle organizzazioni di predisporre luoghi di lavoro sicuri e salubri, prevenendo lesioni e malattie correlate al lavoro e migliorando proattivamente le proprie prestazioni relative alla sicurezza sul lavoro.

Si applica a qualsiasi organizzazione indipendentemente dalle dimensioni dal tipo e dall’attività che voglia istituire, attuare e mantenere un sistema di gestione per:

  • migliorare la salute e la sicurezza sul lavoro;
  • eliminare i pericoli;
  • minimizzare i rischi per la sicurezza sul lavoro;
  • cogliere le relative opportunità;
  • prendere in carico le non conformità associate alle proprie attività.

La norma facilita l’organizzazione a raggiungere risultati attesi del suo sistema di gestione per la sicurezza sul lavoro:

  • miglioramento continuo delle prestazioni relative alla sicurezza sul lavoro;
  • soddisfacimento dei requisiti legali e di altri requisiti;
  • raggiungimento degli obiettivi per la sicurezza sul lavoro.

UNI EN ISO 45001: indice e contenuti

Riportiamo di seguito la struttura della UNI EN ISO 45001:2023:

  • Introduzione
  • Scopo e campo di applicazione
  • Riferimenti normativi
  • Termini e definizioni
  • Contesto dell’organizzazione
  • Leadership e partecipazione dei lavoratori
  • Pianificazione
  • Supporto
  • Attività operative
  • Valutazione delle prestazioni
  • Miglioramento

Inoltre:

  • Appendice A – guida all’utilizzo del documento;
  • Appendice NA – chiavi di lettura dei requisiti della norma in applicazione della legislazione nazionale vigente.

UNI ISO 45001 2018: gestire la sicurezza sul lavoro grazie al Plan-Do-Check-Act

Ogni organizzazione è responsabile della salute e della sicurezza sul lavoro dei lavoratori. Tale responsabilità include anche la promozione e la protezione della loro salute fisica e mentale. Adottare un sistema di gestione per la sicurezza sul lavoro è utile per predisporre un luogo di lavoro salubre e sicuro. Inoltre in questo modo si riesce anche a fornire un quadro per la gestione dei rischi e delle opportunità per la sicurezza sul lavoro, adottando misure preventive e protettive efficaci.

Il sistema di gestione per la sicurezza sul lavoro si basa sul concetto di Plan-Do-Check-Act (PDCA). Nello specifico esso può essere applicato ad un sistema di gestione e a ciascuno dei singoli elementi:

  • Plan (pianificare): stabilire e valutare i rischi e le opportunità per la sicurezza sul lavoro e altri rischi e opportunità, stabilire gli obiettivi e i processi per la SSL necessari ad assicurare i risultati in conformità alla politica per la SSL dell’organizzazione;
  • Do (fare): attuare i processi come pianificati;
  • Check (verificare): monitorare e misurare le attività e i processi relativi alla politica e agli obiettivi per la SSL e riportare i risultati;
  • Act (agire): intraprendere azioni per migliorare in modo continuo le prestazioni in termini di sicurezza sul lavoro per raggiungere i risultati prefissati.

Nel pianificare il sistema di gestione per la sicurezza sul lavoro, l’organizzazione deve considerare i seguenti fattori:

  • contesto;
  • parti interessate;
  • campo di applicazione del proprio sistema di gestione per la SSL.

In questo modo può determinare i rischi e le opportunità che è necessario affrontare per fornire assicurazione che il sistema di gestione per la SSL possa conseguire i risultati attesi, per
prevenire o ridurre gli effetti indesiderati e per conseguire un miglioramento continuo.

Per gli adempimenti necessari alla sicurezza dei luoghi di lavoro e per non sbagliare con il rischio di incappare in pesanti sanzioni, ti consiglio di affidarti ad un software per la redazione del DVR, DUVRI, PEE, che ti consente di fare la valutazione dei rischi in modo professionale e semplice partendo dal disegno dei luoghi di lavoro. Potrai, inoltre, accedere a relazioni sempre aggiornate secondo la normativa vigente ed evitare così di commettere errori.

 

CerTus-LdL

 

CerTus-LdL

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *