In Gazzetta il decreto per accelerare la realizzazione delle opere del PNRR

In Gazzetta il decreto per accelerare la realizzazione delle opere del PNRR

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Credito d’imposta dell’80% e contributi a fondo perduto per l’efficientamento energetico e sismico di agriturismi, strutture ricettive, parchi tematici, porti turistici, terme, fiere e stabilimenti balneari. E tanto altro…

E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 265 del 6 novembre 2021) il decreto legge 152/2021 contenente disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose.

Il decreto legge 152/2021

Di seguito analizziamo i contenuti principali del decreto legge di interesse per i professionisti ed il mondo delle costruzioni.

Contributi e crediti d’imposta per le attività turistiche (art. 1)

Con il fine di migliorare la qualità dell’offerta ricettiva in attuazione della misura M1C3 del Piano nazionale di ripresa e resilienza si prevede un contributo, sotto forma di credito di imposta fino all’80%, delle spese sostenute per:

  1. incremento dell’efficienza energetica delle strutture e di riqualificazione antisismica;
  2. interventi di eliminazione delle barriere architettoniche;
  3. interventi edilizi di cui all’articolo 3, comma 1, lettere b), c), d) ed e.5), del DPR n. 380/2001, funzionali alla realizzazione degli interventi di cui alle lettere a) e b);
  4. realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali, relativi alle strutture di cui all’articolo 3 della legge 24 ottobre 2000, n. 323;
  5. spese per la digitalizzazione previste dall’articolo 9, comma 2, del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2014, n. 106;

realizzati a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto (ossia il 7 novembre) e fino al 31 dicembre 2024.

Gli incentivi sono riconosciuti:

  • alle imprese alberghiere;
  • alle strutture che svolgono attività agrituristica;
  • alle strutture ricettive all’aria aperta;
  • alle imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale;
  • agli stabilimenti balneari;
  • ai complessi termali;
  • ai porti turistici;
  • ai parchi tematici.

Per tali attività è riconosciuto altresì un contributo a fondo perduto non superiore al 50% delle suddette spese, comunque non superiore al limite massimo di 100.000 euro.

Il contributo a fondo perduto è riconosciuto per un importo massimo pari a 40.000 euro che può essere aumentato anche cumulativamente:

  1. fino ad ulteriori 30.000 euro, qualora l’intervento preveda una quota di spese per la digitalizzazione e l’innovazione delle strutture in chiave tecnologica ed energetica di almeno il 15% dell’importo totale dell’intervento;
  2. fino ad ulteriori 20.000 euro, qualora l’impresa o la società abbia i requisiti previsti dall’articolo 53 del decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, per l’imprenditoria femminile, per le società cooperative e le società di persone, costituite in misura non inferiore al 60% da giovani, le società di capitali le cui quote di partecipazione sono possedute in misura non inferiore ai due terzi da giovani e i cui organi di amministrazione sono costituiti per almeno i due terzi da giovani, e le imprese individuali gestite da giovani, che operano nel settore del turismo. Ai fini della presente lettera, per giovani si intendono le persone con età compresa tra i 18 anni e 35 anni non compiuti alla data di presentazione della domanda;
  3. fino ad ulteriori 10.000 euro, per le imprese la cui sede operativa è ubicata nei territori delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

L’ammontare massimo del contributo a fondo perduto è erogato in un’unica soluzione a conclusione dell’intervento.

Finanziamenti nel settore turistico (art. 2)

Per l’attuazione della misura M1C3, del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), nell’ambito del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, di cui all’articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662, è istituita una “Sezione Speciale Turismo” per la concessione di garanzie ai soggetti di cui all’articolo 1, comma 4, e ai giovani fino a 35 anni di età che intendono avviare un’attività nel settore turistico;

il fondo avrà una dotazione di:

  • 100 milioni di euro per l’anno 2021;
  • 58 milioni di euro per l’anno 2022;
  • 100 milioni di euro per l’anno 2023;
  • 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2024 e 2025;
  • una riserva del 50% dedicata agli interventi volti al supporto degli investimenti di riqualificazione energetica.

Semplificazione delle procedure per infrastrutture ferroviarie e giudiziarie (art. 5 e 6)

Al fine di semplificare e agevolare la realizzazione dei traguardi e degli obiettivi stabiliti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza sono previste una serie di modifiche e semplificazioni inerenti gli appalti per infrastrutture ferroviarie.

E’ inoltre previsto, per interventi relativi alle infrastrutture ferroviarie e di edilizia giudiziaria, che l’affidamento della progettazione ed esecuzione dei relativi lavori può avvenire anche sulla base del progetto di fattibilità tecnica ed economica di cui all’articolo 23, comma 5, del decreto legislativo 50/2016, a condizione che detto progetto sia redatto secondo le modalità e le indicazioni di cui all’articolo 48, comma 7, quarto periodo.

Alloggi per studenti universitari (art. 15)

Si prevede che in materia di edilizia residenziale universitaria siano promossi prioritariamente:

  • la ristrutturazione;
  • la trasformazione, anche attraverso interventi di demolizione e ricostruzione;
  • l’acquisto di strutture ed immobili esistenti;

con la finalità di perseguire elevati standard ambientali nella costruzione e nella gestione degli interventi.

I progetti devono prevedere, a pena di inammissibilità, il numero dei posti letto attesi.

Con successivo decreto del Ministro dell’università e della ricerca sono individuati i progetti ammessi a finanziamento e sono assegnate le relative risorse, con conseguente individuazione ed assegnazione dei posti letto riferiti ai singoli progetti.

Valutazione ambientale strategica – VAS (art. 18)

Con l’obiettivo di ridurre e razionalizzare i tempi del procedimento di valutazione ambientale strategica, l’art. 18 del decreto legge prevede alcune modifiche alla normativa in materia (dlgs n. 152/2006).

Interventi comunali (art. 20/23)

Il decreto legge 152/2021, prevede le seguenti misure in favore dei Comuni:

  • art. 20 – Interventi comunali in materia di efficientamento energetico, rigenerazione urbana, mobilità sostenibile e messa in sicurezza degli edifici e valorizzazione del territorio;
  • art. 21 – Piani integrati;
  • art. 22 – Misure per agevolare la realizzazione degli interventi finanziati con le risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza volti a fronteggiare il rischio di alluvione e il rischio idrogeologico;
  • art. 23 – Utilizzo risorse del Fondo Sviluppo e Coesione ed estensione delle procedure PNRR.

In particolare l’art.20 prevede uno stanziamento di 500 milioni per il triennio 2022/2024, di cui:

  • 100 milioni per il 2022;
  • 200 milioni all’anno nel biennio 2023-2024.

Tali fondi sono destinati agli investimenti dei Comuni, previsti dalla legge di Bilancio 2020, per progetti di efficientamento energetico e  sviluppo territoriale sostenibile, tra cui anche la messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale.

L’art. 21 assegna risorse per i piani di rigenerazione urbana delle città metropolitane, in attuazione della misura M5C2 del PNRR, per un ammontare complessivo pari a 2.493,79 milioni di euro per il periodo 2022-2026.

I progetti oggetto di finanziamento, il cui costo totale non può essere inferiore a 50 milioni di euro, devono riguardare la:

  • manutenzione per il riuso e la rifunzionalizzazione ecosostenibile di aree pubbliche e di strutture edilizie pubbliche esistenti per finalità di interesse pubblico;
  • il miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale e ambientale, con particolare riferimento allo sviluppo e potenziamento dei servizi sociali e culturali e alla promozione delle attività culturali e sportive;
  • interventi finalizzati a sostenere progetti legati alle smart cities, con particolare riferimento ai trasporti ed al consumo energetico.

Infine l’art. 22 prevede che sarà emanato un DPCM per finanziare interventi contro il rischio idrogeologico.

Scuole innovative (art. 24)

Al fine di attuare le azioni del PNRR relative alla costruzione di scuole innovative dal punto di vista architettonico e strutturale, altamente sostenibili e con il massimo dell’efficienza energetica, inclusive e in grado di garantire una didattica basata su metodologie innovative e una piena fruibilità degli ambienti didattici, è prevista l’indizione di un concorso di progettazione.

Tale concorso, indetto dal Ministero dell’istruzione per le aree geografiche o dagli enti locali individuati a seguito della procedura selettiva, è articolato in due gradi.

Il primo grado è finalizzato alla presentazione di proposte di idee progettuali , il secondo grado, cui accedono le migliori proposte di idee progettuali, è volto alla predisposizione di progetti di fattibilità tecnica ed economica per ciascuno degli interventi individuati a seguito della procedura selettiva.

L’intera procedura del concorso di progettazione deve concludersi entro 160 giorni dalla pubblicazione del bando di concorso. Al termine del concorso di progettazione, tali progetti di fattibilità tecnica ed economica divengono di proprietà degli enti locali che attuano gli interventi.

Ai vincitori del concorso di progettazione è corrisposto un premio ed è affidata, da parte dei suddetti enti locali, la realizzazione dei successivi livelli di progettazione, nonché la direzione dei lavori.

 

Clicca qui per scaricare il decreto legge 152/2021

 

usBIM.superbonus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.