Home » Notizie » Impiantistica e Antincendio » Impianto domotico: cos’è, come funziona e costi

Impianto domotico

Impianto domotico: cos’è, come funziona e costi

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

L’impianto domotico è un sistema che consente l’utilizzo di dispositivi utili a gestire l’automazione degli impianti di casa. Scopri come funziona e le diverse applicazioni

Migliorare la qualità della vita all’interno di un edificio è diventato molto più semplice grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie. Un grande contributo è apportato dagli impianti domotici attraverso i quali è possibile ottenere un incremento delle prestazioni dei vari impianti installati nel proprio immobile. 

Nella progettazione di un impianto domotico occorre considerare le caratteristiche dell’abitazione, le funzioni richieste al sistema domotico in relazione alle proprie esigenze, gli schemi delle connessioni, l’elaborazione dei layout e degli schemi impianti ecc.

Se vuoi essere guidato passo passo nella realizzazione del tuo progetto puoi usare il software per la progettazione di impianti domotici con cui puoi prevedere le entità domotiche, effettuare i collegamenti elettrici di tali entità, inserire le entità sulle piantine e tracciare i cavi di collegamenti; ottieni, in questo modo, disegni planimetrici e il computo metrico dell’impianto.

impianto domotico

Pianta impianto domotico – Impiantus-ELETTRICO

Analizziamo nel dettaglio cos’è un impianto domotico, quali sono i principali ambiti di applicazione e quali sono i pro e contro.

Cos’è un impianto domotico: significato

Iniziamo dalla definizione di domotica. Il termine domotica trae origine dal latino domus, che significa casa e dal suffisso ticos che si riferisce alle discipline di applicazione.

Si tratta, quindi, di una disciplina dedicata allo studio dell’applicazione di quelle tecnologie che sono state pensate per migliorare la qualità della vita di ciascuno di noi.

A seconda della sua configurazione architettonica, un impianto domotico può assumere diverse forme:

  • distribuito: in cui ogni dispositivo opera in modo autonomo o può comunicare con gli altri, ampliando così le funzionalità complessive del sistema;
  • centralizzato: in cui ogni dispositivo dipende dalla centralina di controllo che svolge un ruolo centrale nella gestione delle operazioni del sistema;
  • misto: che combina l’utilizzo della tecnologia wireless con quella a fili (cablata), offrendo una soluzione che sfrutta al meglio entrambe le modalità di connessione.

La comunicazione all’interno di un impianto domotico è facilitata da un mezzo di trasmissione conosciuto come bus di campo. Mediante la linea fisica, costituita da questo bus, si realizza la comunicazione tra i moduli e i dispositivi a loro dedicati. 

Impianto domotico casa: come funziona e applicazioni

Un impianto domotico rappresenta un insieme di dispositivi progettati per gestire l’automazione degli impianti domestici consentendo il controllo remoto. Questa funzionalità è resa possibile grazie a una centralina di controllo e ai sistemi interconnessi ad essa attraverso protocolli wireless.

Un impianto domotico offre un vasto campo di applicazioni che contribuiscono a creare una rete di dispositivi smart e migliorano significativamente la qualità della vita domestica.

I principali ambiti di utilizzo della domotica comprendono:

  • controllo di elettrodomestici: consente di gestire l’accensione, lo spegnimento e la programmazione a distanza delle funzioni di elettrodomestici come ad esempio la lavatrice, lavastoviglie ecc.;
  • riscaldamento/raffreddamento: consente di programmare e regolare la temperatura del sistema di riscaldamento;
  • sicurezza e videosorveglianza: consente di monitorare internamente ed esternamente di un’abitazione in tempo reale;
  • illuminazione: consente la possibilità di gestire accensione, spegnimento e regolazione delle luci;
  • smart speaker: questi dispositivi controllabili vocalmente consentono di ricevere informazioni su vari argomenti, come meteo, traffico o notizie, offrendo un’interazione avanzata e intuitiva;
  • sistemi di irrigazione smart: consentono di automatizzare l’irrigazione del giardino in base agli orari o ai sensori di umidità e pioggia;
  • sistema allarme: capaci di rilevare eventuali fughe di gas, la presenza di fumo o allagamenti.

Schema impianto domotico

Lo schema dell’ impianto domotico è una rappresentazione ideale dell’impianto. I principali elementi di un impianto domotico sono: 

  • la centralina che gestisce i segnali provenienti dai comandi e definisce le azioni da compiere sui dispositivi periferici;
  • i dispositivi periferici che comunicano tra di loro attraverso un linguaggio noto come protocollo di comunicazione.

I dispositivi di trasmissione possono essere di ingresso o di uscita. Quelli di uscita sono dotati di sensori e vengono usati dall’utente per gestire l’intero impianto. 

Schema impianto domotico

Schema impianto domotico – Impiantus-ELETTRICO

Impianti domotici: pro e contro

I vantaggi di un impianto domotico possono essere così riassunti:

  • risparmio energetico: grazie alla gestione ottimale delle fonti energetiche, un impianto domotico consente un notevole risparmio sui consumi;
  • interfacce utente intuitive: le interfacce user-friendly sono progettate appositamente per semplificare l’interazione con gli impianti;
  • controllo totale sugli ambienti: attraverso un pannello touch screen è possibile avere un controllo completo sia degli ambienti interni che esterni della casa;
  • controllo a distanza: la possibilità di gestire l’impianto da remoto tramite tablet o smartphone offre un livello aggiuntivo di comodità.

L’unico possibile svantaggio di un impianto domotico può essere quello relativo ai costi elevati associati all’istallazione. 

Le energie rinnovabili e l’impianto domotico: binomio vincente 

Domotica ed energie rinnovabili costituiscono un binomio vincente per l’efficienza energetica e la sostenibilità degli edifici. Un impianto domotico integrato con fonti rinnovabili consente il monitoraggio dettagliato della produzione e del consumo energetico, ottimizza l’uso dell’energia, si integra con sistemi di accumulo, adatta il consumo alle segnalazioni della rete elettrica, supporta la ricarica intelligente dei veicoli elettrici e consente il controllo remoto attraverso dispositivi digitali.

Quanto costa un impianto domotico?

I costi di un impianto domotico variano in base alla grandezza dell’immobile e al tipo di impianto che si intende progettare. La dimensione dell’area coinvolta e la quantità di sistemi integrati nell’impianto sono tutti fattori che influenzano i costi complessivi.

impiantus-elettrico
impiantus-elettrico
 
 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *