UNI energia assorbita e rilasciata negli impianti di climatizzazione centralizzati

Impianti di climatizzazione centralizzati: ecco la UNI 11879:2022

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Pubblicata la prassi di riferimento sui sistemi di misura dell’energia assorbita e rilasciata negli impianti di climatizzazione centralizzati

Metodologie per la misura dell’energia termica assorbita e rilasciata negli impianti di climatizzazione centralizzati” è il titolo del nuovo documento di normazione UNI riferito agli impianti di condizionamento.

Oggi segnaliamo la:

  • UNI 11879:2022

in vigore dall’8 settembre scorso.

La certificazione energetica degli edifici costituisce ormai un passaggio obbligato in diversi adempimenti. Sottovalutare la predisposizione di questo documento, o la sua maldestra redazione può esporti a severe sanzioni, ma con il software per la certificazione energetica giusto anche quest’obbligo può divenire una piacevole e facile operazione da concludere in tutta tranquillità al riparo da possibili errori.

La UNI 11879:2022 sugli impianti di climatizzazione centralizzati

La norma realizzata dal “CTI – Comitato Termotecnico Italiano” fornisce i requisiti di base per la scelta, l’installazione e l’utilizzo dei sistemi di misura dell’energia assorbita e rilasciata nei sistemi di climatizzazione centralizzati ai fini della ripartizione dei consumi individuali.

La UNI 11879:2022 si applica agli impianti a tutt’aria, idronici, a espansione diretta e misti. Si rimanda alla UNI 10200 ed alla legislazione per i criteri di ripartizione delle spese.

Nel dettaglio, il documento specifica:

  • le particolari condizioni impiantistiche in cui il progettista deve installare i sistemi di contabilizzazione;
  • i metodi e gli strumenti di misura applicabili a tali specifiche condizioni impiantistiche;
  • le criticità e le problematiche di installazione ed utilizzo;
  • le norme esistenti applicabili;
  • il calcolo delle quote di consumo individuale di energia da ripartire per ciascun utente.

Inoltre, gli impianti di climatizzazione sono suddivisi in quattro tipologie ovvero: aeraulici, idronici, a espansione diretta e misti:

  • gli impianti aeraulici a tutt’aria comprendono i sistemi:
    • a portata costante e temperatura variabile;
    • a portata variabile e temperatura costante;
    • multizona;
    • con post riscaldamento ambiente;
  • idronici, sono caratterizzati dalla diversa unità terminale che può essere:
    • a ventilconvettore;
    • a pannelli radianti;
    • a termoventilante;
  • misti, comprendono i sistemi ad aria primaria centralizzata associati a:
    • ventilconvettori;
    • termoventilanti;
    • pannelli radianti;
    • travi fredde attive e passive;
  • a espansione diretta, comprendono gli impianti monoblocco e i multisplit.

In analogia alla UNI 10200, gli impianti termici centralizzati si suddividono in impianti dotati di termoregolazione, per il prelievo volontario di energia termica utile da parte dei singoli utenti; e impianti sprovvisti di termoregolazione.

Nell’ambito degli impianti dotati di termoregolazione, ove il singolo utente può determinare il proprio consumo volontario di energia termica utile mediante azione sui dispositivi di termoregolazione (eventualmente provvisti di programmazione intelligente) è possibile effettuare la distinzione tra impianti provvisti di dispositivi di contabilizzazione diretta e indiretta.

 

La UNI 11879:2022 è scaricabile a pagamento dal sito UNI

 

 

termus
termus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.