Sicurezza

Impianti di abbattimento polveri: ecco la UNI 11304-3:2022

Pubblicato da
Giuseppe De Luca
?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

È disponibile la prassi di riferimento sui requisiti minimi e di progettazione degli impianti di filtrazione delle nebbie oleose. I dettagli da UNI

La qualità della aria degli ambienti di lavoro e la sicurezza di chi vi soggiorna per parecchie ore al giorno è l’argomento al centro di una nuova norma elaborata da UNI attraverso la commissione “Ambiente”:

  • UNI 11304-3:2022 “Impianti di abbattimento polveri, nebbie oleose, aerosol e composti organici volatili (VOC) – Requisiti minimi prestazionali e di progettazione – Parte 3: Impianti di filtrazione delle nebbie oleose, trattate con filtro a bordo macchina con re immissione all’interno del luogo di lavoro“.

La UNI 11304-3:2022 sugli impianti di abbattimento delle nebbie oleose

Il documento definisce lo stato dell’arte di natura tecnica e progettuale sui requisiti prestazionali e di progettazione dei depuratori d’aria a matrice filtrante per l’abbattimento di nebbie oleose e fumi presenti nelle emissioni aeriformi di processi industriali.

La UNI 11304-3:2022:

  • descrive i principi di funzionamento e la classificazione degli impianti di filtrazione delle nebbie oleose, indicando i requisiti minimi progettuali e prestazionali degli stessi;
  • fornisce un riferimento per gli utilizzatori e i costruttori di tali impianti che consenta loro di progettare e utilizzare strutture che corrispondano a requisiti prestazionali e tecnici di elevata compatibilità ambientale.

La norma è parte di una serie composta da più documenti che trattano differenti tipologie impiantistiche quali:

  • la Parte 1: Depolveratori a secco a matrice filtrante;
  • la Parte 2: Impianti di trattamento VOC (composti organici volatili).

In futuro potrebbero essere messe allo studio altre parti relative a ulteriori tipologie impiantistiche.

Gli impianti trattati dalla UNI 11304-3:2022 sono classificati secondo i seguenti tipi di pretrattamento:

  • centrifugo con filtro finale ad alta / altissima efficienza (EPA oppure HEPA);
  • meccanico con filtro finale ad alta/ altissima efficienza (EPA oppure HEPA);
  • elettrostatico con filtro finale ad alta/ altissima efficienza (EPA oppure HEPA).

I pretrattamenti possono essere combinati nello stesso impianto di abbattimento prima del filtro finale ad alta/altissima efficienza. L’impianto di abbattimento deve essere dotato di un dispositivo di controllo della funzionalità.

Sono escluse dalla UNI 11304 parte 3 le applicazioni relative al condizionamento e alla ventilazione degli ambienti per le quali si rimanda alle specifiche norme della serie UNI EN ISO 16890.

 

La UNI 11304-3:2022 è scaricabile a pagamento dal sito UNI

 

 

 

Giuseppe De Luca

Giuseppe lavora in ACCA dal 2019. E’ autore di BibLus BIM e si occupa di progettazione architettonica e BIM. E’ specializzato in restauro e conservazione beni culturali.

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da
Giuseppe De Luca

Articoli recenti

Superbonus 90/110%: crediti pagabili e non pagabili

Superbonus 110%/90% e nuovi dubbi sui crediti pagabili e non pagabili: proviamo a fare chiarezza…

2 Febbraio 2023

Superbonus e cessione dei crediti a Province e Regioni

Superbonus, tra mozioni ed emendamenti, ecco le nuove proposte di Regioni e Province per far…

2 Febbraio 2023

Assegno unico universale 2023: tutte le novità introdotte

La legge di Bilancio 2023 ha confermato e rimodulato l'assegno unico universale 2023. Ecco le…

2 Febbraio 2023

Valutazione del rischio cancerogeno: cos’è, quando e come farla

Valutazione del rischio cancerogeno e mutageno: cos'è, quando e chi deve effettuarla? Il modello PDF…

2 Febbraio 2023

Tregua fiscale: come regolarizzare le irregolarità formali

Ecobonus: nessuna tregua fiscale o sanatoria in caso di tardive o omesse comunicazioni all'Enea. I…

2 Febbraio 2023

Anac: ok alla variante in corso d’opera per il caro materiali

Via libera alla variante in corso d'opera anche per contratti non legati all'attuazione del PNRR.…

2 Febbraio 2023

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze.

Informazioni