Home » Notizie » Opere edili » Il Consiglio dei Ministri dello scorso 10 febbraio 2006 ha varato il “Codice dell’Ambiente”

Il Consiglio dei Ministri dello scorso 10 febbraio 2006 ha varato il “Codice dell’Ambiente”

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Il Codice dell’Ambiente, varato dal Consiglio dei Ministri dello scorso 10 febbraio, è un  Decreto Legislativo che si compone di 318 articoli e 45 allegati.

Il Codice dell’Ambiente, varato dal Consiglio dei Ministri dello scorso 10 febbraio, è un Decreto Legislativo che si compone di 318 articoli e 45 allegati.
Il provvedimento approvato, secondo il ministro dell’Ambiente Matteoli, semplifica, razionalizza e riordina la normativa ambientale esistente in sei settori: rifiuti e bonifiche, acqua, difesa del suolo, inquinamento atmosferico, procedure ambientali e danno ambientale.
Il Codice dell’Ambiente recepisce otto direttive comunitarie, abroga cinque leggi, quattro decreti del Presidente della Repubblica, tre Decreti del Presidente del Consiglio dei ministri e otto decreti ministeriali.
Esso interviene, tra l’altro, sulla valutazioni di impatto ambientale (Via), sulla valutazione ambientale strategica (Vas) e sull’Ippc (Prevenzione e riduzione integrale dell’inquinamento) recependo integralmente quattro direttive comunitarie.
Il Codice inoltre riordina e coordina la normativa su difesa del suolo, lotta alla desertificazione, tutela delle acque e gestione delle risorse.
Recepisce, fra le altre, la direttiva 2000/60/Ce in materia di acque che prevede l’istituzione di Autorità di bacino distrettuali e la definizione dei distretti idrografici, che sono stati definiti in sette:

  • distretto delle Alpi orientali, che comprende i bacini dell’Adige e dell’Alto Adriatico;
  • distretto Padano, che segue la geografica dell’attuale Autorità di bacino del Po;
  • distretto dell’Appennino settentrionale, che comprende il bacino dell’Arno, della Liguria, i bacini meridionali dell’Emilia e quelli settentrionali delle Marche;
  • distretto Appennino centrale, che include il bacino del Tevere, quelli delle Marche meridionali, dell’Umbria e dell’Abruzzo;
  • distretto dell’Appennino meridionale, che include anche tutti i bacini dell’Italia meridionale;
  • distretto idrografico della Sicilia;
  • distretto idrografico della Sardegna.

In materia di rifiuti e bonifiche vengono ridefinite le priorità nella gestione dei rifiuti in conformità con la normativa Ue, è istituita un’Autorità delle acque e dei rifiuti e riconosciuto il ruolo delle Province in materia di rifiuti.

DocumentoDimensioneFormato
Codice dell’Ambiente1,71 MbPDF
Codice dell’Ambiente – Allegati1,91 MbPDF
 
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *