Guide sicurezza caldo: ecco due utili guide per la sicurezza dei lavoratori e non solo…

Arriva il caldo! Ecco due utili guide per la sicurezza dei lavoratori e non solo…

Arriva il caldo! Ecco la lista di controllo SUVA da utilizzare in cantiere per valutare se i lavoratori sono realmente al sicuro e l’opuscolo di Coldiretti e Asl sui rischi legati al caldo

Come ogni anno, in questo periodo ricordiamo ai nostri lettori che nella stagione estiva aumentano gli infortuni per i lavoratori che svolgono lavori fisici all’aperto, come lavori in quota o nei campi. Il caldo, infatti, può avere effetti nocivi sulla salute e la sicurezza dei lavoratori, quali la diminuzione delle prestazioni mentali e fisiche.

Le persone più colpite sono quelle che svolgono lavori fisici all’aperto.

In particolare, nei giorni di “canicola” (il periodo di caldo afoso e opprimente nelle ore centrali della giornata) i tipici malori dovuti al caldo possono manifestarsi con sintomi quali vertigini, mal di testa e affaticamento.
Da non dimenticare, inoltre, il Ramadan: gli effetti nocivi del caldo sulla salute dei lavoratori sono ancor più pericolosi se, come nel caso delle comunità islamiche, deve essere rispettato il divieto di consumare cibo e acqua, dall’alba al tramonto. Il Ramadan, infatti, va dal 20 luglio al 18 agosto, proprio durante i giorni più caldi dell’anno.
In occasione della stagione estiva riproponiamo 2 guide sulla sicurezza contro il caldo:

  • la lista di controllo del SUVA da utilizzare in cantiere al fine di poter valutare se i lavoratori sono realmente al sicuro
  • l’opuscolo di Coldiretti e Asl, tradotto in 4 lingue (tra cui l’arabo), con le indicazioni sui rischi legati al caldo e i sintomi per individuarli e prevenirli

 

Clicca qui per scaricare la check list SUVA
Clicca qui per scaricare l’opuscolo di Coldiretti e Asl

 

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Per ulteriori approfondimenti, rinviamo i lettori al precedente articolo “Arriva il caldo! Ecco due utili guide per la sicurezza dei lavoratori“. […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *