Impiantistica e Antincendio

Autorimesse: la guida INAIL sulla progettazione antincendio

INAIL ha pubblicato la guida sulla regola tecnica verticale V.6 relativa alle misure antincendio delle autorimesse

La nuova guida sulla progettazione antincendio delle autorimesse è frutto della collaborazione tra INAIL, Vigili del Fuoco e Consiglio Nazionale degli Ingegneri.

Prima di scoprire il contenuto del documento, è bene ricordare che nella progettazione antincendio degli edifici ci sono tutta una serie di obblighi progettuali che a volte possono risultare difficili da tener sott’occhio nella loro complessità. A tal proposito ti consiglio un software integrato per la progettazione antincendio e la gestione dei documenti obbligatori richiesti dai Vigili del Fuoco.

La guida autorimesse prevenzione incendi

A seguito dell’emanazione del Codice, il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ha iniziato ad implementare la Sezione V (Regole tecniche verticali), che originariamente prevedeva solamente tre RTV (V.1 Aree a rischio specifico, V.2 Aree a rischio per atmosfere esplosive e V.3 Vani degli ascensori). Nel tempo ha emanato una serie di ulteriori specifiche RTV mirando, nel lungo termine, a sostituire gradualmente l’attuale corpo normativo sugellando, a regime, il passaggio dall’approccio prescrittivo tradizionale a quello basato sulla ormai nota metodologia prestazionale del Codice, per tutte le attività normate.
Sono state pertanto emanate, ad oggi, le seguenti RTV:

  • V.4 Uffici
  • V.5 Attività ricettive turistico-alberghiere
  • V.6 Autorimesse
  • V.7 Attività scolastiche
  • V.8 Attività commerciali
  • V.9 Asili nido
  • V.10 Musei, gallerie, esposizioni, mostre, biblioteche e archivi in edifici tutelati
  • V.11 Strutture sanitarie
  • V.12 Altre attività in edifici tutelati
  • V.13 Chiusure d’ambito degli edifici civili
  • V.14 Edifici di civile abitazione
  • V.15 Attività di intrattenimento e di spettacolo a carattere pubblico.

Avendo il D.M. 12 aprile 2019 determinato alcune modifiche al codice di prevenzione incendi, come la fine del cosiddetto “doppio binario”. Per le attività soggette e non normate non esiste più la possibilità di scegliere il criterio progettuale da utilizzare tra il Codice e i preesistenti criteri tecnici.

L’utilizzo del Codice è pertanto ormai obbligatorio; tuttavia, tale “doppio binario” permane esclusivamente per le attività per le quali è presente una regola tecnica verticale di tipo tradizionale ancora vigente, ad eccezione delle autorimesse. Ad esempio, ad oggi, è possibile progettare un’attività uffici secondo la V.4 oppure utilizzando il D.M. 22 febbraio 2006; viceversa, essendo stato abrogato il D.M. 1 febbraio 1986 , un’autorimessa può essere progettata unicamente mediante l’applicazione della V.6.

Autorimesse prevenzione incendi e l’esempio trattato dalla guida

La guida analizza due diverse metodologie per la prevenzione antincendio e cioè le differenze tra l’approccio prescrittivo e quello prestazionale e cosa prevede il Codice di prevenzione incendi

Nella guida viene considerato, quindi, un esempio di progettazione di un’autorimessa esistente utilizzando entrambe le norme:

  • il D.M. 1 febbraio 1986 (abrogato) “Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l’esercizio di autorimesse e simili” nei soli casi di cui all’art. 2 commi 3 o 4 del D.M. 12 aprile 2019;
  • la V.6, “nuova” regola tecnica verticale, che integra, in base alle proprie specificità, le imprescindibili e ineludibili indicazioni fornite dalla regola tecnica orizzontale costituita dal Codice,

per poi mettere a confronto i due risultati.

Il documento si conclude con una panoramica sul D.M. 1 febbraio 1986 e sulla Regola Tecnica Verticale V.6.

 

 

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione: il punto della situazione

Cosa sono le opere di urbanizzazione a scomputo e a quali norme bisogna fare riferimento.…

23 Aprile 2024

Calastrelli ed angolari per il rinforzo dei pilastri

Verifica, dimensionamento e caratteristiche dei calastrelli per il miglioramento sismico delle strutture esistenti in cemento…

22 Aprile 2024

Offerta di gestione informativa: cos’è l’OGIBIM

Cos'è l'offerta di gestione informativa (OGI) BIM secondo il nuovo codice dei contratti pubblici e…

22 Aprile 2024

Costo della manodopera, sanzioni se non si verifica la congruità

Nuove sanzioni in caso di negligenza per la mancata verifica di congruità sia in appalti…

22 Aprile 2024

Esoscheletri occupazionali: uno sguardo al Rapporto Tecnico UNI/TR 11950

Scopri il rapporto tecnico UNI/TR 11950 sulla sicurezza e salute nell'uso degli esoscheletri occupazionali. Un…

22 Aprile 2024

Sospetti di collusione: l’identità delle relazioni tecniche negli appalti pubblici

Le relazioni tecniche d'appalto identiche tra aziende possono celare collusioni e influenzare le gare pubbliche.…

22 Aprile 2024