I ponteggi di facciata: la guida Inail

I ponteggi di facciata: la guida Inail

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Dall’Inail un’analisi dei requisiti previsti dalle norme italiane ed europee per quanto riguarda i ponteggi metallici fissi di facciata

Grazie alla ripresa che il settore dell’edilizia sta vivendo negli ultimi mesi, le detrazioni sono state un vero volano in tal senso, si sente parlare spesso di ponteggi di facciata: strutture temporanee di servizio, impiegate per i lavori lungo le pareti degli edifici e collegate all’edificio mediante ancoraggi.

Guida Inail sui ponteggi in facciata

A tal riguardo segnaliamo la pubblicazione dell’Inail, “Ponteggi di facciata: analisi dei requisiti previsti nella legislazione italiana e nelle norme tecniche UE”, che illustra le indicazioni contenute nell’art. 131 del dlgs n. 81/2008 e l’evoluzione del progresso tecnico.

Infatti, come introdotto nel documento:

Un ponteggio fisso è un’attrezzatura provvisionale di accesso e di servizio costituita da tubi e giunti o da elementi portanti prefabbricati, collegati fra loro, la cui costruzione e impiego è disciplinata in Italia dalle norme contenute nella Sezione V – Ponteggi Fissi del d.lgs. 81/08 (articoli 131-137).

Obiettivo della guida

Il documento ha lo scopo di mettere a confronto e valutare le differenze tra i requisiti previsti per i ponteggi di facciata nella legislazione italiana rispetto a quelli indicati nelle norme tecniche europee UNI EN; proprio partendo da queste differenze, infatti, è possibile stabilire il significato di evoluzione del progresso tecnico (comma 5 dell’articolo 131 del dlgs 81/2008).

Secondo le definizioni dell’Istituto Treccani, l’”evoluzione del progresso tecnico” è inteso come: processo di creazione e acquisizione di nuove conoscenze attraverso i processi tipici dell’innovazione e della diffusione di nuove e migliori tecnologie e può derivare dall’aumento di conoscenze e capacità o dal miglioramento della qualità o delle caratteristiche di uno o più fattori produttivi.

In questo senso, l’eventuale entrata in vigore di una nuova norma tecnica o di uno standard CEN o UNI potrebbe essere considerata come un’evoluzione.

Normativa italiana: dlgs n. 81/2008

Nella premessa del documento si riportano le indicazioni normative relative ai ponteggi di facciata.

In particolare, l’art. 131 del dlgs n. 81/2008 prevede su richiesta del fabbricante il rilascio da parte del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (MLPS) dell’autorizzazione alla costruzione ed all’impiego per ogni tipo di ponteggio, già prevista dal dpr n. 164/1956 ma con validità illimitata nel tempo.

Ai sensi del dlgs 81/2008 (art. 131 comma 5), l’autorizzazione è soggetta a rinnovo ogni 10 anni al fine di verificare l’adeguatezza del ponteggio all’evoluzione del progresso tecnico, con conseguente verifica dei criteri e delle modalità di rilascio delle autorizzazioni ministeriali.

La circolare 10/2018, Rinnovo delle autorizzazioni alla costruzione e all’impiego di ponteggi, ai sensi dell’articolo 131, comma 5, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni, fornisce una prima applicazione a quanto espresso nel citato comma 5.

L’Inail ricorda, inoltre, che detta domanda deve essere accompagnata da una relazione nella quale devono essere specificati i seguenti elementi:

  • descrizione degli elementi che costituiscono il ponteggio, loro dimensioni con le tolleranze ammissibili e schema dell’insieme;
  • caratteristiche di resistenza dei materiali impiegati e coefficienti di sicurezza adottati per i singoli materiali;
  • indicazione delle prove di carico, a cui sono stati sottoposti i vari elementi;
  • calcolo del ponteggio secondo varie condizioni di impiego;
  • istruzioni per le prove di carico del ponteggio;
  • istruzioni per il montaggio, impiego e smontaggio del ponteggio;
  • schemi-tipo di ponteggio con l’indicazione dei massimi ammessi di sovraccarico, di altezza dei ponteggi e di larghezza degli impalcati per i quali non sussiste l’obbligo del calcolo per ogni singola applicazione.

Norme europee: UNI EN 12810 e UNI EN 12811

Ad oggi le norme UNI EN 12810 e UNI EN 12811 costituiscono la più alta espressione dell’innovazione tecnologica in materia di ponteggi in ambito europeo.

La prima, specifica i requisiti prestazionali e i requisiti generali per la progettazione costruttiva e valutazione per i sistemi di ponteggi di facciata prefabbricati; la seconda, invece, specifica i requisiti prestazionali e i metodi di progettazione strutturale e generale per ponteggi di accesso e di lavoro.

Sono uno dei riferimenti per consentire un aggiornamento dell’intero settore e un confronto con gli altri Paesi europei. Esse, inoltre, sono utili per “verificare l’adeguatezza del ponteggio all’evoluzione del progresso tecnico (ai sensi del comma 5, articolo 131, del dlgs 81/200).

Concludiamo riportando quanto analizzato dalla guida in merito alle norme europee:

  • Requisiti previsti nelle norme UNI EN
  • Serie base di configurazioni del ponteggio
  • Classificazione
  • Designazione
  • Componenti del sistema
  • Classi di larghezza
  • Altezza libera di passaggio
  • Aree di lavoro
  • Protezione laterale
  • Rivestimento
  • Basette e basette regolabili
  • Spinotti
  • Giunzioni tra montanti con sezioni cave
  • Giunti
  • Accesso tra livelli
  • Impalcati
  • Collegamenti
  • Requisiti di progettazione strutturale

 

Clicca qui per scaricare la guida

 

certus-pn
certus-pn

 

6

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.