precompilata 2022

Dichiarazione dei redditi 2022: tutti gli sconti nella nuova guida delle Entrate

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Le istruzioni utili per la presentazione della dichiarazione dei redditi 2022. Debutta il bonus musica e l’agevolazione prima casa under 36

L’Agenzia delle Entrate ha aggiornato la guida “Tutti gli sconti della precompilata 2022“, la consueta raccolta di istruzioni e documenti di prassi, alla luce delle più importanti novità normative ed interpretative intervenute relativamente all’anno d’imposta 2021, nonché delle risposte ai quesiti posti dai contribuenti in sede di interpello o di consulenza giuridica.

Questa edizione, a differenza della precedente (vedi articolo: Precompilata 2021: la guida delle Entrate), non affronta le tematiche relative alle detrazioni fiscali per interventi su immobili, che verranno trattate in una circolare separata, ma si sofferma su alcune delle novità introdotte, come il bonus musica e l’agevolazione prima casa under 36.

Ricordiamo che molti sono i bonus in edilizia, dal bonus ristrutturazioni al Superbonus! Per non perdere l’opportunità ed orientarti correttamente ti consiglio di consultare le tabelle specifiche per ogni bonus e scaricare la guida PDF che risponde a tutte le tue domande.

Precompilata 2022: la guida dell’Agenzia delle Entrate

Pubblicata la raccolta dei documenti di prassi e delle istruzioni per la predisposizione della dichiarazione dei redditi e per l’apposizione del visto di conformità.

La guida contiene, infatti, tutte le norme sulle agevolazioni fiscali ed i chiarimenti che l’amministrazione finanziaria ha fornito nel corso degli anni, in un unico documento.

Obiettivo

Il vademecum ha l’obiettivo di fornire tutte le istruzioni per la predisposizione della dichiarazione dei redditi, al fine di fruire delle agevolazioni fiscali in materia di IRPEF, e per l’apposizione del visto di conformità; nonché di fare il punto sulle principali novità, dal bonus musica fino al bonus prima casa under 36.

A chi si rivolge

La guida è un utile strumento a supporto di tutti i contribuenti, operatori dei Centri di assistenza fiscale (CAF), professionisti abilitati all’apposizione del visto di conformità sulle dichiarazioni presentate e della stessa Agenzia delle Entrate, ai fini dello svolgimento delle attività di assistenza e controllo documentale.

Struttura e contenuti della guida

Il documento, tratto dalla circolare n. 24/E del 7 luglio 2022 su detrazioni e deduzioni, fa il punto delle disposizioni normative e delle indicazioni di prassi relative alle spese che danno diritto a:

  • deduzioni dal reddito,
  • detrazioni d’imposta,
  • crediti d’imposta

Si sofferma, inoltre, su:

  • la documentazione che il contribuente deve fornire al (CAF) o al professionista abilitato,
  • i documenti da conservare (da parte del CAF o professionista abilitato) per la successiva produzione all’Amministrazione finanziaria.

I contenuti, suddivisi per aree tematiche come in una rubrica a colori, sono caratterizzati da collegamenti rapidi; in questo modo il lettore può individuare facilmente i temi di suo interesse e consultare agevolmente con un semplice click le questioni di interesse, senza dover passare in rassegna tutto il documento.

Nel presente documento, ricordiamo, NON vengono trattate le detrazioni fiscali relative agli interventi su immobili (come: recupero del patrimonio edilizio, sisma bonus, bonus verde, bonus facciate, ecobonus e Superbonus), che saranno oggetto di trattazione in un prossimo e separato documento di prassi.

La guida si suddivide nelle seguenti sezioni:

  • aspetti generali;
  • spese sanitarie;
  • interessi passivi sui mutui;
  • spese di istruzione;
  • erogazioni liberali;
  • premi di assicurazione;
  • contributi previdenziali ed assistenziali;
  • crediti d’imposta;
  • altre detrazioni.

Chiudono la guida una serie di modelli sulle autocertificazioni, quali:

  • dichiarazione sostitutiva resa dal contribuente;
  • dichiarazione sostitutiva resa da soggetti terzi in relazione a oneri fruiti dal contribuente.

Le novità nella guida AE 2022

Tra le recenti novità analizzate nella guida il bonus musica e bonus prima casa under 36.

Bonus musica

Si tratta di una detrazione IRPEF del 19% riconosciuta a partire dalla dichiarazione dei redditi 2022 per l’iscrizione e l’abbonamento di ragazzi dai 5 ai 18 anni a:

  • conservatori di musica;
  • istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM) legalmente riconosciute ai sensi della legge 21 dicembre 1999, n. 508;
  • scuole di musica iscritte nei registri regionali;
  • cori, bande e scuole di musica riconosciuti da una pubblica amministrazione, per lo studio e la pratica della musica.

La detrazione spetta fino ad un massimo di 1.000 euro di spesa per ciascun iscritto, a condizione che il contribuente non superi il limite di reddito pari a 36.000 euro, e spetta anche se le spese sono state sostenute per i familiari fiscalmente a carico, quali i figli, e può essere ripartita tra gli aventi diritto, ad esempio i genitori.

Bonus prima casa under 36

Tra le novità, anche le istruzioni relative al bonus prima casa under 36: il credito d’imposta in materia di IVA da indicare in dichiarazione.

Come noto, l’agevolazione per l’acquisto della prima casa, riconosciuta fino al 31 dicembre 2022, spetta a coloro che:

  • non hanno ancora compiuto trentasei anni di età nell’anno in cui l’atto è rogitato;
  • hanno un ISEE il cui valore non supera euro 40.000 annui.

A livello operativo, è nella prima dichiarazione dei redditi successiva all’acquisto che può essere fatto valere il credito d’imposta, ma anche in quella relativa al periodo d’imposta dell’acquisto stesso.

Nel dettaglio, il credito d’imposta maturato dal contribuente under 36 (pari all’Iva corrisposta) per l’acquisto della “prima casa” assoggettato ad Iva non è richiedibile a rimborso, ma può essere utilizzato:

  • in diminuzione dalle imposte di registro, ipotecaria, catastale, sulle successioni e donazioni dovute sugli atti e denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito

oppure

  • in diminuzione delle imposte sui redditi delle persone fisiche dovute in base alla dichiarazione da presentare dopo la data dell’acquisto agevolato

oppure

  • limitatamente all’importo non fruito con le altre modalità citate, in compensazione.

Per essere guidato passo dopo passo, dall’emissione della fattura alla conservazione sostitutiva, ed averle sempre archiviate sul tuo PC, ti consiglio il software che ti offre 6 mesi di fatture elettroniche gratis.

 

 

factus
factus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.