Home » BIM Topic » BIM e GIS » Ruolo e usi del GIS nelle smart city

Ruolo e usi del GIS nelle smart city

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Il GIS ha un ruolo preciso in ogni fase del city life cycle. Scopri quali sono gli usi del GIS nelle Smart City e che ruolo ha nella fase di management


Le Smart Cities o Città Intelligenti sono spazi urbani che applicano le Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ICT) e l’Internet of Things (IoT) per ottimizzare e migliorare le infrastrutture e i servizi ai cittadini rendendoli più efficienti e sostenibili.

Per una implementazione efficiente di uno Smart City Project è necessario però lo sviluppo di un sistema digitale in grado di gestire e visualizzare i dati geospaziali in un ambiente user-friendly. La soluzione a questa necessità risiede nell’implementazione del Geographic Information System (GIS) che offre funzionalità avanzate e user-friendly per i progetti di smart city.

Il GIS svolge un ruolo primario nelle diverse fasi del ciclo di vita una città, anche in quella di manutenzione dove l’utilizzo della tecnologia GIS e di city asset management software consentono una gestione del facility urbano più smart.  Approfondiamo quindi insieme il ruolo e gli usi del GIS nelle IOT smart cities.

Può il GIS essere utilizzato nella progettazione di una città?

Non solo la risposta a questa domanda è affermativa ma possiamo anche dire che, nel momento in cui si intraprende la progettazione di una città, il fattore determinante per la buona riuscita di un progetto così complesso è proprio una piattaforma cloud comune che consenta l’integrazione, il coordinamento e il funzionamento sinergico dei diversi partecipanti all’ecosistema delle smart city.

Un sistema informativo centralizzato basato sul GIS – acronimo di Geographical Information System – integra non solo tutti gli stakeholder, ma anche tutti gli aspetti degli smart city processes – a partire dalla concettualizzazione, pianificazione e sviluppo fino alla manutenzione.

GIS in smart city

GIS per le Smart City

Di seguito vediamo come il GIS è utile per tutte le fasi del ciclo di vita una città:

  • acquisizione (acquire): in questo primo passaggio si intercettano i siti giusti per lo sviluppo della città e se ne individuano i confini legali;
  • pianificazione e progettazione (planning and design): in questa fase l’integrazione del GIS con gli strumenti di progettazione, tra cui il Building Information Modeling (BIM), offre maggiori e potenti capacità di analisi progettuali e stima dei tempi e dei costi;
  • costruzione (construct): nella fase di costruzione è possibile integrare i software di project and financial management con il GIS in modo da fornire un unico punto di accesso a tutti i documenti e a tutti i file esecutivi;
  • manutenzione (maintain): in quest’ultima fase è possibile potenziare l’attività manutentiva integrando le informazioni tecniche del modello digitale geolocalizzato, con informazioni manutentive e relative a scadenze.

Quali sono gli usi del GIS nelle IOT smart city?

Per essere sicuri di realizzare uno Smart City Project efficiente, serio e lungimirante, non si può prescindere dall’uso del GIS e della progettazione integrata, requisiti che sappiamo poter trovare nella metodologia BIM. L’uso integrato di GIS e BIM consente di affrontare tutte le fasi del ciclo di vita di un asset urbano, dalla pianificazione alla manutenzione, in modo efficace e risparmiando tempi e costi.

Gli usi integrati del GIS e del BIM sono legati ai requisiti di progettazione dell’asset urbano e alle componenti del patrimonio comunale da gestire successivamente, tali usi saranno dunque:

  1. Costruzione del modello digitale:
    il primo passo consiste nella realizzazione del modello digitale della città in cui si descrivono le varie componenti urbane. La combinazione di GIS e BIM fornisce un potente strumento per la costruzione del modello digitale urbano con dati georeferenziati e la visualizzazione di questi dati in un ambiente user-friendly. Per sfruttare a pieno i vantaggi dell’integrazione BIM-GIS nella progettazione di smart city ti consiglio di utilizzare gratuitamente il BIM-GIS software.
  2. Catalogazione di tutti gli asset urbani:
    grazie a specifici city asset management software è possibile individuare e catalogare gli asset urbani ed è chiaro come questo ne semplificherà notevolmente la fase di gestione e manutenzione.
  3. Informatizzazione degli impianti urbani:
    l’integrazione tra GIS e BIM permette di geolocalizzare gli asset, tra cui appunto tutti gli impianti urbani, e arricchire il modello digitale con contenuti informativi necessari per gestire la successiva fase di management.
  4. Geolocalizzazione delle attività manutentive e dei luoghi di intervento:
    grazie all’utilizzo della tecnologia GIS è possibile individuare direttamente sulle cartografie le reti degli impianti urbani e accedere al contenuto informativo che le riguarda, compresa la geolocalizzazione del programma manutentivo.

Qual è il ruolo del GIS nel management delle smart city?

Integrare il GIS nella gestione delle smart cities consente si intraprendere iniziative “intelligenti” che favoriscono la sostenibilità, l’ottimizzazione e il risparmio delle risorse.

Vediamo nel dettaglio in quali aspetti della Smart City Management il GIS dà il suo prezioso contributo:

  • Gestione dell’energia (Energy management):
    quello della gestione energetica è un tema sempre attuale e sotto l’occhio attento di tutti i progettisti. Chiaramente quando la questione energetica assume una scala così grande come quella di una città, ricercarne una gestione smart ha un’importanza da non sottovalutare. Una gestione energetica intelligente all’interno di un sistema urbano contribuisce infatti alla riduzione dell’inquinamento luminoso e fino ad un 30% di risparmio sui costi di energia.
  • Gestione delle risorse idriche (Water resources management):
    l’uso dell’acqua è, soprattutto oggi con l’incalzante minaccia del cambiamento climatico, un aspetto da affrontare nel modo più responsabile e smart possibile. Studi hanno dimostrato come circa il 16% dell’acqua potabile viene sprecata ogni anno a causa di guasti nelle reti. Una gestione “GIS based” aiuterebbe certamente a ridurre questa percentuale.
  • Gestione del sistema dei trasporti (Mobility management):
    un altro servizio urbano sul quale il GIS può intervenire è quello della mobilità urbana, tanto privata come pubblica. Il mobility management basato sull’utilizzo della tecnologia GIS convertirebbe il sistema dei trasporti cittadini in un servizio efficiente, sicuro e soprattutto sostenibile.
  • Gestione dei rifiuti urbani (Waste management):
    non dimentichiamo poi la raccolta, il trasporto e la gestione dei rifiuti solidi urbani, in uno scenario in cui, con l’aumento della popolazione e del suo sviluppo economico, aumenta anche la quantità di rifiuti generati e in cui dunque assume sempre maggiore importanza una loro gestione sostenibile.
  • Creazione dei piani di manutenzione (Management plan):
    grazie all’integrazione del GIS e della metodologia BIM è possibile creare piani automatici di manutenzione, tanto ordinaria quanto straordinaria, e registrare e gestire le richieste di assistenza e manutenzione.

 

GIS in smart city - Il GIS nella fase di management

Il GIS nella fase di management

Anche per il facility urbano esistono software professionali che consentono una gestione delle città, facile, sostenibile e intelligente. Ti consiglio per questo di provare il city asset management software che utilizza la tecnologia GIS per gestire gli impianti di illuminazione pubblica, le reti cittadine e le attività di manutenzione tutto in un’unica piattaforma!

 

usbim-maint
usbim-maint
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *