Categorie Varie e brevi

Flat tax e prestazioni occasionali: le novità per i professionisti

Pubblicato da
Alfonso Roma
?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

La legge di bilancio 2023 introduce importanti novità per i professionisti: flat tax al 15%, stop all’obbligo di POS e prestazioni occasionali fino a 10.000 euro

Con cadenza annuale arrivano gioie, timori ed incertezze legate alla consueta legge di bilancio da approvare entro fine anno. Nella bozza del ddl 2023 approvato nel quinto consiglio dei ministri di lunedì 21 novembre 2023 si evidenziano importanti novità per i professionisti e non solo.

In prima analisi, famiglie ed imprese costituiscono l’obiettivo principale a cui è rivolto lo stanziamento dei 2/3 del valore complessivo della manovra finanziaria per far fronte al caro energia.

Prima di scoprire le principali misure rivolte ai professionisti italiani e non solo, ti consiglio un software per preparare in maniera semplice e veloce preventivi chiari e professionali, in linea con il DM 140/2012.

In particolare questo strumento ti consente di fare:

  • calcolo preventivi e parcelle;
  • calcolo corrispettivi per lavori pubblici;
  • calcolo compensi per il superbonus;
  • gestione offerte;
  • e molto altro.

Flat tax

Flat tax: facciamo un salto nel passato per rinfrescare la storia di questa “tassa piatta”.

L’idea di una tassa piatta fu proposta nel 1994 dal governo Berlusconi, ma soltanto nel 2004 si iniziano ad intravedere i primi risultati con l’entrata in vigore dell’Ires (imposta sul reddito delle società).

In realtà la Costituzione prevede all’art. 53 che:

Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.
Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.

Cos’è

La flat tax viene definita come una tassa piatta che sostituisce gli scaglioni IRPEF. Il nuovo tema è tornato alla ribalta dopo la vittoria del centro destra e riguarderebbe una tassazione fiscale unica per tutti i soggetti sotto una determinata soglia di reddito, basato su un’aliquota fissa, al netto di eventuali deduzioni fiscali o detrazioni.

A chi si rivolge

La flat tax trova il suo spazio nel disegno di legge di bilancio 2023 (ancora non approvata) con l’art 12; tale disposizione prevede che i contribuenti persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni, diversi da quelli che applicano il regime forfetario, potranno applicare in sede di dichiarazione dei redditi 2024, in luogo delle aliquote per scaglioni di reddito stabilite dall’articolo 11 del TUIR, un’imposta sostitutiva dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e relative addizionali, calcolata applicando un’aliquota del 15% su:

  • una base imponibile, comunque non superiore a 40.000 euro;
  • pari alla differenza tra il reddito d’impresa e di lavoro autonomo determinato nel 2023 e il reddito d’impresa e di lavoro autonomo, d’importo più elevato, dichiarato negli anni dal 2020 al 2022, decurtata di un importo pari al 5% di quest’ultimo ammontare.

Regime forfettario

Ricordiamo che la legge di stabilità del 2015 introdusse il regime forfetario destinato agli operatori economici di ridotte dimensioni. Tale regime prevede rilevanti semplificazioni ai fini IVA e ai fini contabili consentendo, altresì, la determinazione forfetaria del reddito da assoggettare a un’unica imposta in sostituzione di quelle ordinariamente previste, nonché di accedere ad un regime contributivo opzionale per le imprese.

Il nuovo disegno di legge di bilancio 2023 approvato solo in consiglio dei ministri innalza tale soglia, portandola da 65.000 a 85.000 euro. Inoltre, si prevede che il regime forfetario cessa di avere applicazione dall’anno stesso in cui i ricavi o i compensi percepiti sono superiori a 100.000 euro.

Nuovo limite per prestazioni occasionali

Modificata la disciplina in merito alle prestazioni occasionali: il limite di 5.000 euro viene innalzato a 10.000 euro (modificato l’articolo 54 bis, comma 1, lettera b, del dl  n. 50/2017).

POS per pagamenti sotto i 60 euro

Il ddl prevede l’abolizione dell’obbligo del POS per i pagamenti sotto i 60 euro. In sostanza sé tale legge verrà approvata, i negozianti potranno rifiutare i pagamenti di piccoli importi.

 

 

Alfonso Roma

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da
Alfonso Roma

Articoli recenti

Superbonus 90/110%: crediti pagabili e non pagabili

Superbonus 110%/90% e nuovi dubbi sui crediti pagabili e non pagabili: proviamo a fare chiarezza…

2 Febbraio 2023

Superbonus e cessione dei crediti a Province e Regioni

Superbonus, tra mozioni ed emendamenti, ecco le nuove proposte di Regioni e Province per far…

2 Febbraio 2023

Assegno unico universale 2023: tutte le novità introdotte

La legge di Bilancio 2023 ha confermato e rimodulato l'assegno unico universale 2023. Ecco le…

2 Febbraio 2023

Valutazione del rischio cancerogeno: cos’è, quando e come farla

Valutazione del rischio cancerogeno e mutageno: cos'è, quando e chi deve effettuarla? Il modello PDF…

2 Febbraio 2023

Tregua fiscale: come regolarizzare le irregolarità formali

Ecobonus: nessuna tregua fiscale o sanatoria in caso di tardive o omesse comunicazioni all'Enea. I…

2 Febbraio 2023

Anac: ok alla variante in corso d’opera per il caro materiali

Via libera alla variante in corso d'opera anche per contratti non legati all'attuazione del PNRR.…

2 Febbraio 2023

Utilizzando il sito accetti implicitamente l'uso dei cookie per migliorare la navigazione e mostrare contenuti in linea con le tue preferenze.

Informazioni