Dal Fisco: ok agevolazione prima casa per residente all'estero

Dal Fisco: ok agevolazione prima casa per residente all’estero

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Via libera all’agevolazione prima casa per un cittadino residente all’estero senza trasferimento della residenza, a condizione che sia una “prima casa” acquistata in Italia

Un cittadino italiano residente in Olanda e iscritto all’AIRE intende acquistare da un’impresa costruttrice una casa in Italia, dove non possiede altri immobili. Ha diritto alle agevolazioni prima casa (aliquota Iva ridotta al 4%) anche se non trasferisce la residenza nel Comune di ubicazione dell’immobile?

Questa il nuovo quesito avanzato da un contribuente al Fisco (FiscoOggi) in merito all'”agevolazione prima casa”.

La risposta dell’Agenzia delle Entrate è positiva: il cittadino italiano emigrato all’estero può usufruire dell’agevolazione, ossia delle imposte agevolate sull’acquisto di una casa di abitazione (ad eccezione di quelle di categoria catastale A1, A8 e A9), senza dover necessariamente trasferire entro 18 mesi dalla data di acquisto la propria residenza in Italia; condizione necessaria è che l’immobile sia acquistato come “prima casa” in Italia (Nota II-bis della Tariffa Parte 1 Articolo 1 del Dpr n. 131/1986), a prescindere dalla sua ubicazione sul territorio nazionale.

Il principio ribadito dal Fisco richiama quanto già espresso nella circolare n. 38/2005 (riportata in allegato) e dalla risposta n. 627/2021 dell’Agenzia delle Entrate.

Ricodiamo, infine, che per avere le agevolazioni devono ricorrere le altre condizioni indicate nella lettera b) e c) della citata Nota II-bis, ossia che:

  • che nell’atto di acquisto l’acquirente dichiari di non essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del comune in cui e’ situato l’immobile da acquistare;
  • che nell’atto di acquisto l’acquirente dichiari di non essere titolare, neppure per quote, anche in regime di comunione legale su tutto il territorio nazionale dei diritti di proprietà, usufrutto, uso, abitazione e nuda proprietà su altra casa di abitazione acquistata dallo stesso soggetto o dal coniuge con le agevolazioni.

 

Clicca qui per scaricare la circolare n. 38/2005

 

factus
factus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.