Home » BIM Topic » Rinnovabili ed edilizia sostenibile » Finestre fotovoltaiche: cosa sono, tipologie e costi

Finestre fotovoltaiche

Finestre fotovoltaiche: cosa sono, tipologie e costi

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Le finestre fotovoltaiche hanno vetri progettati per convertire la luce del sole in energia elettrica. Scopri come funzionano e quali sono i vantaggi

Con il termine finestre fotovoltaiche si intendono dei pannelli fotovoltaici trasparenti che possono essere impiegati, appunto, come finestre. Si tratta di una soluzione ancora poco diffusa che non solo migliorano l’efficienza, ma impattano poco sotto il profilo estetico, a differenza dei sistemi tradizionali.

Prima di procedere all’installazione delle finestre fotovoltaiche è necessario valutare due fattori: la trasparenza e l’efficacia. Le finestre fotovoltaiche, in alcuni casi, possono offrire una trasparenza paragonabile a quella delle tradizionali finestre. Quindi, prima di effettuare una scelta, è opportuno considerare il fabbisogno di luce dell’ambiente (che può cambiare in base alla presenza di altre finestre).

Per quanto riguarda, invece, l’efficacia, le finestre fotovoltaiche producono molto meno energia rispetto ai pannelli fotovoltaici. Vi è quindi il rischio di installare un elemento con aspettative specifiche e ottenere un risultato differente e meno soddisfacente.

Per valutare questi aspetti, può tornarti utile un software fotovoltaico professionale, che consente di progettare qualsiasi tipologia di installazione, ricavare analisi economiche approfondite sulla redditività effettiva dell’impianto e valutare i reali benefici dell’investimento.

Cosa sono le finestre fotovoltaiche e come funzionano

Le finestre fotovoltaiche sono delle vere e proprie finestre costituite da vetri fotovoltaici in grado ci assorbire le radiazioni solari per generare l’energia elettrica necessaria a soddisfare il fabbisogno di un’unità abitativa.

Sono formati da due lastre di vetro tra le quali sono inseriti dei materiali otticamente attivi: le celle fotovoltaiche in silicio amorfo, monocristallino o policristallino. Il loro impatto visivo è impercettibile in quanto viene applicato un gel trasparente contenente silicio amorfo. Questo gel può essere applicato sulla superficie di ciascun vetro o inserita nell’intercapedine di una vetrocamera. Tale procedimento trasforma i pannelli in semiconduttori, conferendo loro una trasparenza tale da renderli adatti all’uso come finestre.

La scelta di dove applicare il gel influisce significativamente sui risultati in termini di produttività. Infatti, nel caso in cui il gel venga applicato direttamente sulla superficie del vetro, la finestra fotovoltaica può generare fino a 100 Watt per metro quadrato. Se, invece, viene applicato nell’intercapedine, la produzione può raggiungere anche i 300 Watt al metro quadrato, quasi triplicando l’efficienza.

Tipologie di finestre fotovoltaiche

Una finestra fotovoltaica può essere classificata in base al grado di trasparenza in:

  • finestra con vetri trasparenti: garantiscono le prestazioni di una finestra tradizionale e lasciano passare sia la luce che il calore;
  • finestra con vetri semitrasparenti: consentono il passaggio di una luce relativamente scura ma garantiscano una produzione elevata di energia elettrica. Impediscono l’assorbimento di calore e raggi infrarossi;
  • finestra con vetri colorati: capaci di conferire all’edificio un tocco di eleganza differente mantenendo le stesse prestazioni.

Oltre al grado di trasparenza, una finestra fotovoltaica può essere differenziata anche in base al materiale impiegato. In questo contesto, si distinguono le seguenti tipologie di finestre a celle fotovoltaiche:

  • cristalline: presentano una doppia lastra di vetro temperato con celle al silicio monocristallino o policristallino nella loro intercapedine. In alcuni casi, possono includere anche celle in silicio amorfo a film sottile. Uno strato di polivinile di butirrale tiene separate le celle dal vetro, agendo come una resina progettata per trattenere i frammenti in caso di rottura. Il risultato è un vetro trasparente;
  • in silicio amorfo: appaiono oscurati, ma la luce che filtra è sufficiente per illuminare l’ambiente interno. Le celle fotovoltaiche utilizzate sono in silicio amorfo con uno spessore di 0,3 micron;
  • a celle solari organiche: sono composte da polimeri reattivi alla luce grazie alla presenza del carbonio. Le celle organiche sono stampate su rotoli sottilissimi e possono essere applicate su diverse superfici.

Finestre fotovoltaiche: vantaggi e svantaggi

Le finestre fotovoltaiche contribuiscono al miglioramento dell’efficienza energetica dell’abitazione e si integrano in modo armonioso con un sistema di casa domotica. Inoltre, non compromettono l’irraggiamento naturale della residenza, specialmente se si opta per vetri cristallini.

Tuttavia, come qualsiasi dispositivo, le finestre a energia solare presentano alcuni svantaggi:

  • mantenendo una posizione verticale fissa, la loro produzione di energia è inferiore rispetto ai tradizionali pannelli fotovoltaici posizionati sui tetti;
  • impossibilità di orientare e inclinare i vetri in base all’irraggiamento solare, riducendo di fatto il potenziale di produzione di energia elettrica;
  • incapacità di gestire ombreggiamenti;
  • necessità di sostituire l’intera finestra fotovoltaica in caso di rottura di una cella solare;
  • costo superiore rispetto al tradizionale pannello fotovoltaico.

Quanto costano le finestre fotovoltaiche?

I vetri fotovoltaici trasparenti presentano un costo che varia da 0,90 €/Watt fino a 7 €/Watt. Il costo è influenzato dalla qualità e dalla tipologia del vetro fotovoltaico, che può essere a base di silicio amorfo, organica, grafene, ecc. Di contro, un pannello fotovoltaico tradizionale da 350 Watt ha un costo compreso tra i 200 € e i 400 €, a seconda della qualità delle celle utilizzate.

Questo si traduce in un costo per modulo fotovoltaico che oscilla tra 0,50 €/Watt e 1,15 €/Watt, risultando notevolmente inferiore rispetto a quello delle finestre fotovoltaiche.

Entrambi i costi devono essere integrati con quelli della posa in opera, i quali possono variare in base alla complessità dell’installazione e alla struttura necessaria per supportare finestre e pannelli.

Solarius-PV

 

Solarius-PV
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *