fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica: dal primo luglio 2022 obbligo anche per i forfettari

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Dal primo luglio 2022 scatterà l’obbligo della fatturazione elettronica anche per il regime forfettario

Mancano pochi giorni per il nuovo obbligo di fatturazione elettronica anche per i contribuenti del regime forfettario.

L’obbligo scatta dal primo luglio, ma coinvolgerà tutti i forfettari e le sanzioni non scatteranno nell’immediato. In questo articolo provo a fare chiarezza sui nuovi obblighi normativi.

Ma ti anticipo che la fatturazione elettronica ti permetterà di rendere più veloce tale processo e per questo motivo ti consiglio un software per la fatturazione elettronica con 6 mesi di fatture elettroniche GRATIS! Questo strumento ti consentirà:

  • di emettere e ricevere fatture elettroniche in numero illimitato;
  • di avere una spesa certa e conveniente;
  • la conservazione sostitutiva più sicura.

Cosa succederà dopo il primo luglio?

Il nuovo obbligo si applicherà da venerdì primo luglio 2022 per quasi tutti i lavoratori in regime forfettario che dovranno abbandonare la vecchia fattura cartacea tradizionale per adeguarsi a quella elettronica.

Assisteremo quindi ad un cambio di regole per i forfettari che nel 2021 hanno conseguito ricavi o percepito compensi superiori a 25.000 € e a partire dal primo gennaio 2024 per i soggetti restanti.

Chi sono i soggetti interessati?

L’art 18 del dlgs 30/2022 contenenti novità su efficienza energetica, fatturazioni e pagamenti, estende l’obbligo della fatturazione ai seguenti contribuenti fino adesso esclusi:

  • regime di vantaggio;
  • regime forfettario;
  • le associazioni che hanno esercitato l’opzione di cui alla legge n. 398/91 che nel periodo d’imposta precedente hanno conseguito, dall’esercizio di attività commerciali, proventi per un importo non superiore a euro 65.000.

I soggetti esclusi?

Sono esonerati dall’obbligo:

  • i contribuenti che non hanno superato la soglia di fatturazione dei 25.000 € e potranno continuare ad emettere fatture cartacee;
  • gli operatori del settore sanitario che, per i noti vincoli in materia di privacy, non possono emettere fattura elettronica per le prestazioni professionali i cui dati sono da inviare al Sistema tessera sanitaria (art. 10-bis, D.L. n. 119/2018);
  • i piccoli produttori agricoli (l’esclusione riguarda l’obbligo di fatturazione in generale, ai sensi dell’art. 34, comma 6, D.P.R. n. 633/1972).

Cosa prevede il regime forfettario?

Ricordiamo che il regime forfettario prevede rilevanti semplificazioni ai fini IVA e ai fini contabili e consente, altresì, la determinazione forfetaria del reddito da assoggettare a un’unica imposta in sostituzione di quelle ordinariamente previste, nonché di accedere ad un regime contributivo opzionale per le imprese.

In estrema sintesi, il regime forfettario si articola nel seguente modo:

  • tassazione agevolata che varia dal 15% al 5%, in base ai vari requisiti;
  • limite massimo dei ricavi o compensi pari a 65.000 €.

Infine, ti ricordo che puoi utilizzare gratis per ben 6 mesi il software per la fatturazione elettronica, facile da usare e completo di tutti gli strumenti utili che ti necessitano, l’unico software in grado di guidarti passo dopo passo, dall’emissione della fattura alla conservazione sostitutiva, con il vantaggio di avere sempre software e archivi sul tuo PC.

 

factus
factus

 

2 commenti
  1. riccardo CASASSO
    riccardo CASASSO dice:

    io sto utilizzando factus da anni per via della fatture alla PA con licenza 14079999. Da oggi posso continuare tranquillamente per i privati oppure devo aggiornare il programma in mio possesso. Che differenza c’e’ tra una fattura elettronica alla PA e una ad un privato?
    rif mail per risposta rc.lb@libero.it
    saluti
    casasso riccardo

    Rispondi
    • Nicola Furcolo
      Nicola Furcolo dice:

      Ciao Riccardo, se già hai FacTus, non hai problemi. Potrai continuare a fatturare come stai facendo ora.
      Ciao

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.