geometra donna e geometra uomo con casco e progetto

Esonero contributivo autonomi, firmato il decreto

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Il Ministro del Lavoro ha firmato il decreto interministeriale per l’esonero contributivo dei lavoratori autonomi e dei professionisti previsto dalla legge di Bilancio 2021

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali rende noto che:

Il Ministro del Lavoro, Andrea Orlando, ha firmato il decreto interministeriale per l’esonero contributivo dei lavoratori autonomi e dei professionisti, ricevuto ieri dal Mef con le osservazioni, prontamente recepite stamattina.

Gli uffici del ministero hanno già avviato una interlocuzione con l’Inps per dare corso agli ulteriori passaggi necessari a garantire la massima tutela della platea interessata dal provvedimento.

Esonero contributivo dei lavoratori autonomi e dei professionisti

Ricordiamo che l’esonero per i professionisti autonomi è stato previsto dalla legge di Bilancio 2021 (legge 178/2020) all’art. 1, comma 20, con un apposito fondo.

La legge di Bilancio 2021 prevede una dotazione finanziaria iniziale per la misure di 1.000 milioni di euro per l’anno 2021.

La misura è destinata a finanziare l’esonero parziale dal pagamento dei contributi previdenziali dovuti da:

  • lavoratori autonomi;
  • professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS);
  • professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza di cui al dlgs 30 giugno 1994, n. 509, e al dlgs 10 febbraio 1996, n. 103 (tra cui INARCASSA).

I professionisti/lavoratori che possono richiedere tale esonero, devono avere:

  • percepito nel periodo d’imposta 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro;
  • subìto un calo del fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli dell’anno 2019.

Sono esclusi dall’esonero i premi dovuti all’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL).

La reazione dell’associazione degli enti di previdenza privati

Per il presidente dell’associazione degli enti di previdenza privati (Adepp):

Finalmente lo Stato utilizza per i professionisti le tasse versate dalle loro Casse di previdenza. Dopo esserci tanto battuti, il miliardo di euro destinato all’esonero contributivo dei professionisti iscritti agli Ordini è una vittoria e un atto di giustizia.

prosegue poi:

Ogni anno gli enti di previdenza privati versano mezzo miliardo di imposte sui contributi ricevuti dagli iscritti e questa manovra, sommata agli 1,2 miliardi ottenuti con il reddito di ultima istanza, è come se rappresentasse il recupero di quattro anni di fiscalità indebita.

Speriamo che il Governo voglia dare continuità a quest’azione emergenziale, usando le tasse versate dagli enti di previdenza privati anche per finanziare l’iscro, cioè l’indennità di disoccupazione di cui si sta discutendo al tavolo del lavoro autonomo, per i propri professionisti.

 

Clicca qui per scaricare la legge di Bilancio 2021

 

compensus
compensus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *