Home » Notizie » Rinnovabili ed edilizia sostenibile » Energie rinnovabili: cosa sono e quali sono

Energie rinnovabili

Energie rinnovabili: cosa sono e quali sono

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Le energie rinnovabili sono tutte quelle che derivano da risorse naturali e che si generano in maniera costante secondo cicli naturali. Scopri quali sono

Per fonti rinnovabili si intendono tutte le forme di energia provenienti dal mondo naturale che hanno la capacità di rigenerarsi a fine ciclo. Le fonti energetiche rinnovabili e la produzione di energia da esse, dipendono in modo significativo dalle condizioni meteorologiche e climatiche. Sole, vento e acqua non forniscono una fonte costante di energia, il che rende la gestione della produzione di energia un compito complesso.

Per questo potrebbe tornarti utile usare il software per la progettazione di impianti fotovoltaici in grado di guidarti nella distribuzione di energia attraverso calcoli dinamici basati su dati climatici affidabili e nella simulazione economica di qualsiasi impianto (impianti fotovoltaici, pannelli solari, sonde geotermiche).

Cosa sono le energie rinnovabili?

Le fonti di energia rinnovabile sono fonti energetiche che sfruttano le risorse naturali in modo sostenibile, non inquinano l’ambiente e non si esauriscono nel corso dell’uso poiché sono in grado di rigenerarsi attraverso cicli naturali.

Le energie rinnovabili hanno guadagnato importanza anche in Italia, emergendo come una chiara scelta per il futuro dell’approvvigionamento energetico. Offrono un’opportunità per ottenere energia pulita ed economica con un notevole impatto positivo sulla sostenibilità e l’efficienza energetica.

L’adozione di modelli di bioedilizia, come le case passive, consente di combinare la sostenibilità energetica con la costruzione di edifici altamente efficienti dal punto di vista energetico.

Energie rinnovabili quali sono

Le principali fonti di energia rinnovabile sono:

  • energia solare;
  • energia eolica;
  • energie geotermica;
  • energia da biomasse;
  • energie idroelettrica;
  • energia marina.

Energia solare

Una delle fonti di energia rinnovabile più conosciute ed efficienti è l’energia solare. Questa fonte di energia viene ampiamente sfruttata tramite l’installazione di impianti solari o fotovoltaici. Questi impianti sono dotati di pannelli che catturano l’energia radiante del sole e la convertono in energia elettrica.

Questa energia può essere utilizzata per il riscaldamento degli ambienti, il riscaldamento dell’acqua, l’illuminazione e persino per alimentare sistemi di raffreddamento industriali. Gli impianti fotovoltaici sono noti per la loro versatilità e facilità d’installazione. Possono essere collocati su tetti di condomini o abitazioni private, consentendo un’ampia gamma di applicazioni.

Oltre all’energia solare fotovoltaica, l’energia solare può essere sfruttata tramite energia solare termica e termodinamica. Il solare termico fa riferimento agli impianti in cui la radiazione solare diventa calore, alimentando un fluido termovettore che, a sua volta, riscalda l’acqua nei serbatoi. Per questo può essere importante un software per la progettazione di impianti solari termici che puoi utilizzare gratuitamente per il calcolo e il dimensionamento di impianti solari termici a circolazione forzata.

Nel solare termodinamico, invece, vengono utilizzati specchi per convogliare il calore del sole verso caldaie, consentendo così il funzionamento di impianti termoelettrici.

Energia eolica

L’energia eolica è l’energia proveniente dal vento che diventa fonte di energia meccanica ed elettrica attraverso gli aerogeneratori. Le pale rotanti catturano l’energia del vento, generando energia meccanica che viene poi convertita in elettricità attraverso un generatore.

Energia da biomasse

L’energia da biomasse deriva dalla combustione di sostanze organiche come alberi, piante, animali, residui agricoli, rifiuti industriali e urbani. Negli impianti a biomassa, questo materiale biodegradabile genera vapore che alimenta turbine e alternatori.

Energia idroelettrica

L’energia idroelettrica è l’energia prodotta dai moti dell’acqua. Le onde, le maree, le cascate naturali e artificiali, i fiumi e altri percorsi naturali producono energia cinetica che viene poi trasformata in elettricità grazie all’ausilio di turbine.

Energia marina

L’energia marina sfrutta il movimento delle correnti, delle maree e delle onde per generare energia elettrica. Il funzionamento di questa fonte energetica è analogo a quello dell’energia eolica: pale o turbine vengono messe in movimento grazie ai moti delle masse d’acqua, generando energia meccanica che successivamente viene convertita in energia elettrica.

Energia geotermica

L’energia geotermica sfrutta il calore naturale della terra generato da elementi come il potassio, il torio e l’uranio, presenti negli strati più profondi della crosta terrestre. Attraverso impianti geotermici, le sonde strategicamente posizionate convertono questa risorsa in elettricità.

Energie rinnovabili vantaggi e svantaggi

L’utilizzo delle fonti rinnovabili comporta numerosi vantaggi che evidenziano chiaramente il motivo per cui queste forme di energia stanno guadagnando sempre più rilevanza.

Tra i principali vantaggi vi sono:

  • assenza di emissioni inquinanti: le fonti rinnovabili, a differenza dei combustibili fossili, non producono emissioni inquinanti o gas serra che contribuiscono al cambiamento climatico;
  • inesauribilità e costante disponibilità: le fonti rinnovabili sono costantemente disponibili nel futuro, garantendo un approvvigionamento energetico continuo;
  • assenza del problema dello smaltimento dei rifiuti: a differenza delle fonti di energia non rinnovabile che generano rifiuti radioattivi o tossici, le fonti rinnovabili non comportano il problema dello smaltimento di rifiuti pericolosi;
  • vantaggi economici: gli investimenti in queste tecnologie possono portare a significativi risparmi sui costi energetici a lungo termine;
  • efficienza energetica: le diverse fonti rinnovabili possono essere combinate e integrate in modo sinergico per migliorare l’efficienza energetica complessiva.

Tuttavia, è importante riconoscere che ci sono anche alcuni svantaggi nell’utilizzo di fonti rinnovabili, tra cui:

  • requisiti di spazio: alcuni tipi di impianti, come quelli fotovoltaici su larga scala, richiedono una vasta estensione di suolo;
  • costi iniziali e manutenzione: gli impianti di energia rinnovabile richiedono investimenti iniziali significativi per l’installazione e la manutenzione;
  • impatto ambientale: alcuni progetti di energia rinnovabile, come le dighe idroelettriche, possono comportare alterazioni dell’habitat naturale e impattare la fauna locale;
  • riqualificazione lavorativa: il passaggio a fonti rinnovabili richiede una riqualificazione delle competenze per i lavoratori del settore energetico.

Energie rinnovabili e non rinnovabili: differenze

A differenza delle energie rinnovabili, le fonti di energia non rinnovabile sono esauribili, il che significa che il loro utilizzo comporta una progressiva riduzione delle risorse naturali disponibili. Ad esempio, l’uso del petrolio, del gas naturale e del carbone per scopi come il riscaldamento o la produzione di energia elettrica richiede l’estrazione di materie prime e porta al graduale esaurimento delle riserve disponibili.

Un aspetto fondamentale da considerare è l’impatto ambientale. Mentre le fonti rinnovabili generano poche emissioni di gas serra e hanno un impatto limitato sugli ecosistemi naturali, le fonti non rinnovabili, in particolare quelle di origine fossile, producono ingenti emissioni di gas serra e provocano un significativo inquinamento dell’aria, del suolo e dell’acqua. L’estrazione, la produzione e il trasporto di queste risorse contribuiscono all’alterazione dell’ambiente.

Le principali fonti di energia non rinnovabile includono:

  • petrolio;
  • gas naturale;
  • carbone.

Energia rinnovabile ed energia sostenibile

Energia rinnovabile ed energia sostenibile si riferiscono a due forme energetiche differenti.

Il concetto di energia rinnovabile, come abbiamo visto, è legato a fonti energetiche che non si esauriscono nel tempo (energia idroelettrica, solare, eolica, marina e geotermica) e si rigenerano naturalmente senza rilasciare sostanze nocive nell’atmosfera.

L’energia sostenibile, invece, non si riferisce soltanto alle fonti inesauribili, ma anche al modo in cui esse vengono generate, distribuite ed utilizzate in modo responsabile nel tempo.

Energie rinnovabili: tutte le novità

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità riguardanti le fonti di energia rinnovabile ti suggerisco di approfondire i seguenti argomenti:

solarius-pv
solarius-pv
2 commenti
  1. Dorotea Giuliodori
    Dorotea Giuliodori dice:

    Nel ringraziarvi per i vostri articoli, sempre interessanti e veramente utili, suggerisco quanto segue.
    Il d.lgs. 28/2011 nelle definizioni di cui all’art. 2, specifica che per “energia da fonti rinnovabili” si intende energia eolica, solare, aerotermica, geotermica, idrotermica (le pompe di calore utilizzano questi tre ultimi tipi di energia) e oceanica, idraulica, biomassa, gas di discarica, gas residuati dai processi di depurazione e biogas.
    Tra l’altro, l’art. 15 del d.lgs. 28/2011 stabilisce i requisiti professionali degli installatori di impianti energetici a fonti rinnovabili, includendo tra essi anche le pompe di calore.
    Riterrei pertanto utile un ulteriore articolo di approfondimento che, oltre alle principali fonti citate in questo articolo, parli anche delle altre fonti rinnovabili di cui sopra e, tra l’altro, chiarisca che le pompe di calore vanno intese come impianti a energie rinnovabili (cosa che comporta per l’installatore il possesso del patentino FER).
    Grazie e cordiali saluti

    Rispondi
    • Redazione di BibLus
      Redazione di BibLus dice:

      Grazie Dorotea per il tuo suggerimento che di certo terremmo in considerazione, continua a seguirci per ulteriori approfondimenti.

      Rispondi

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *