Home » Notizie » Rinnovabili ed edilizia sostenibile » Energia sostenibile: cos’è, esempi e vantaggi

Energia-sostenibile

Energia sostenibile: cos’è, esempi e vantaggi

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

L’energia sostenibile è il processo di produzione, distribuzione e consumo di energia progettato nel rispetto dell’ambiente. Scopri cos’è e perché è importante

L’energia sostenibile è un concetto sempre più diffuso per la salvaguardia ambientale e, in un mondo guidato da sostenibilità, l’edilizia del futuro deve investire in pratiche costruttive sostenibili che garantiscono benefici per l’ambiente e apportano una serie di vantaggi economici.

Per sfruttare al meglio le tecnologie sostenibili nel settore dell’edilizia (impianti fotovoltaici, pannelli solari, etc.) è però fondamentale progettarle adeguatamente e dimensionarle in modo tale da soddisfare il fabbisogno energetico richiesto dagli utenti.

Possono tornarti così utili innovativi software per la progettazione di impianti fotovoltaici o software per la progettazione di impianti geotermici che ti guidano nella progettazione e distribuzione di energia mediante calcoli dinamici e la simulazione economica di impianti alimentati da fonti energetiche sostenibili.

Analizziamo il concetto di energia sostenibile, le principali fonti e in che modo il loro utilizzo consente di migliorare il settore dell’edilizia.

Cos’è l’energia sostenibile: significato

L’energia sostenibile è quel tipo di energia legato al concetto di sviluppo sostenibile, ossia sviluppo economico che coinvolge anche la salvaguardia ambientale per le generazioni future.

Il concetto di energia sostenibile si articola attorno a tre pilastri fondamentali, ciascuno dei quali contribuisce a costruire un quadro di sviluppo a lungo termine:

  • produzione di energia rinnovabile;
  • utilizzo, efficienza e risparmio energetico;
  • impatto ambientale minimo.

La prima componente si delinea dal punto di vista della produzione energetica, un ambito strettamente legato all’impiego di fonti rinnovabili. Questo significa utilizzare l’energia solare, eolica, idroelettrica, geotermica e altre risorse che non solo sono inesauribili, ma limitano al minimo l’impatto negativo sull’ambiente circostante. In un contesto edilizio, ciò si traduce nella creazione di strutture alimentate da fonti pulite e sostenibili.

La seconda chiave si rivolge all’utilizzo dell’energia, evidenziando l’importanza dell’efficienza e del risparmio energetico. Non si tratta solo di produrre energia pulita, ma di farlo in modo intelligente ed economicamente sostenibile.

L’ultima chiave si concentra sull’impatto ambientale, affrontando la questione dell’inquinamento. In un mondo orientato verso la sostenibilità, l’obiettivo è ridurre al minimo l’emissione di sostanze nocive nell’atmosfera, creando un equilibrio armonioso tra la produzione e l’ambiente. Ciò richiede una progettazione attenta, tecnologie a basso impatto e una costante attenzione alla riduzione delle emissioni di carbonio.

Differenza tra energia rinnovabile e sostenibile

I concetti di “energia rinnovabile” ed “energia sostenibile” sono utilizzati tra loro come sinonimi, generando confusione e fraintendimenti. In realtà i due termini fanno riferimento a due diversi tipi di energia.

L’energia rinnovabile si riferisce a quelle fonti energetiche che non conoscono esaurimento nel tempo. Queste fonti, come l’energia idroelettrica, solare, eolica, marina e geotermica, si rigenerano naturalmente e non comportano il rilascio di sostanze nocive nell’atmosfera.

L’energia sostenibile, invece, si estende oltre la mera produzione energetica. Non è solamente una questione di fonti inesauribili, ma anche di come tali risorse vengono prodotte, distribuite ed utilizzate in maniera responsabile, contribuendo a un quadro più ampio di benessere sociale ed ecologico. L’energia sostenibile abbraccia i concetti di sviluppo sostenibile e di ottimizzazione degli usi energetici.

Fonti di energia sostenibile

Le fonti di energia sostenibili sono le risorse naturali con un tasso di rinnovamento uguale o superiore al tasso di consumo e diventano, quindi, i pilastri portanti di un approccio sostenibile alla produzione energetica con un impatto ridotto sull’ambiente.

Le principali fonti di energia sostenibile sono:

  • energia solare;
  • energia eolica;
  • energia da biomasse;
  • energia idroelettrica;
  • energia marina;
  • energia geotermica.

Energia solare

L’energia solare è l’energia proveniente dall’irraggiamento solare per la produzione di energia termica ed elettrica.

Può essere sfruttata tramite energia solare fotovoltaica, termica e termodinamica.

Il fotovoltaico è il maestro dell’effetto fotovoltaico, dove la radiazione solare si converte in elettricità attraverso pannelli fotovoltaici. Qui, i semiconduttori, colpiti dalle particelle di luce solare, generano corrente continua, successivamente trasformata in corrente alternata per uso, immessa nella rete pubblica o immagazzinata per essere sfruttata quando l’impianto non produce.

Il solare termico fa riferimento agli impianti in cui la radiazione solare diventa calore, alimentando un fluido termovettore che, a sua volta, riscalda l’acqua nei serbatoi. Per questo può essere importante un software per la progettazione di impianti solari termici da sperimentare gratuitamente per il calcolo e il dimensionamento di impianti solari termici a circolazione forzata con metodo “F-Chart” e con calcolo dinamico.

Il solare termodinamico è la tecnologia con cui l’energia solare è trasformata prima in calore e poi in elettricità. Grazie a specchi riflettenti e fluidi termovettori ad alta temperatura, si genera infatti un flusso di energia che, attraverso una turbina e un alternatore, diventa elettricità.

Energia eolica

L’energia eolica è l’energia proveniente dal vento, che diventa fonte di energia meccanica ed elettrica.

Gli impianti eolici catturano l’energia del vento attraverso gli aerogeneratori, qui le pale rotanti generano energia meccanica e, tramite un generatore, la trasformano in elettricità.

Energia da biomassa

L’energia ottenuta dalla biomassa è il risultato dei processi di combustione di sostanze organiche come alberi, piante, animali, residui agricoli o industriali e rifiuti urbani.

Negli impianti a biomassa, questo frammento biodegradabile di prodotti e rifiuti genera vapore che alimenta turbine e alternatori.

Energia idroelettrica

L’energia idroelettrica deriva dalle precipitazioni atmosferiche e dalla potenza gravitazionale delle masse d’acqua. Attraverso centrali delle fluenti, a bacino o ad accumulo, l’acqua in discesa muove turbine e generatori, trasformando l’energia cinetica in elettricità.

Energia marina

L’energia marina sfrutta il movimento delle correnti, delle maree e delle onde marine per generare energia elettrica. Il funzionamento di questa fonte energetica è analogo a quello dell’energia eolica: pale o turbine vengono messe in movimento grazie ai moti delle masse d’acqua, generando energia meccanica che successivamente viene convertita in energia elettrica.

Energia geotermica

L’energia geotermica sfrutta il calore naturale della terra, affiorando dalla crosta terrestre verso il nucleo. Negli impianti geotermici, le sonde collocate strategicamente convertono questa risorsa in elettricità.

Vantaggi delle energie sostenibili

Investire in energia sostenibile non è solo un atto ecologico, ma è un’opportunità che apporta una serie di benefici che possono migliorare la qualità della vita e l’economia.

I principali vantaggi dell’uso di fonti energetiche sostenibili sono:

  • risparmio energetico: l’uso di fonti sostenibili permette di ridurre sprechi di energia;
  • risparmio economico e investimenti a lungo termine: la maggior parte delle tecnologie e delle infrastrutture sostenibili richiede un investimento iniziale, ma nel tempo, i costi operativi ridotti e i risparmi energetici genereranno rendimenti economici considerevoli;
  • benefici ambientali: l’utilizzo di energie sostenibili porta benefici ambientali tangibili come la riduzione delle emissioni inquinanti e l’uso responsabile delle risorse naturali che contribuiscono alla lotta contro il cambiamento climatico e preservano l’ecosistema per le generazioni future;
  • valorizzazione degli immobili: gli edifici costruiti con un approccio sostenibile spesso godono di una maggiore valorizzazione sul mercato immobiliare;
  • accesso a incentivi e agevolazioni fiscali: l’integrazione di tecnologie sostenibili consente l’accesso a vari incentivi fiscali e agevolazioni, tra cui crediti d’imposta, sconti fiscali o finanziamenti agevolati (Superbonus, Ecobonus, etc.). Per gestire adeguatamente le pratiche degli incentivi fiscali per l’introduzione di tecnologie sostenibili, ti consiglio di utilizzare il software per la gestione dei bonus edilizi che ti consente di gestire in sicurezza le pratiche delle agevolazioni in maniera facile e veloce.

Energia sostenibile: esempi di tecnologie sostenibili in edilizia

Il settore edilizio abbraccia sempre più le tecnologie sostenibili come leva fondamentale per un futuro costruito su principi di eco-compatibilità e rispetto dell’ambiente.

Le tecnologie sostenibili più innovative che stanno trasformando il settore dell’edilizia sono:

  • isolamenti termici avanzati che consentono di ridurre significativamente la dispersione di calore, migliorando il comfort interno e riducendo la dipendenza da sistemi di riscaldamento o raffreddamento intensivi;
  • materiali ecocompatibili e riciclabili che contribuiscono a minimizzare l’impatto ambientale della costruzione e favoriscono l’economia circolare;
  • sistemi di riscaldamento e raffreddamento sostenibili che riducono l’energia necessaria per mantenere una temperatura confortevole;
  • smart building e automazione, con l’integrazione di sensori intelligenti e piattaforme IOT e sistemi di gestione energetica centralizzati che permettono di ottimizzare il consumo energetico, adattandolo alle reali esigenze degli occupanti e delle condizioni ambientali;
  • impianti fotovoltaici avanzati che sfruttano al massimo il potenziale solare rispettando anche il design architettonico (ad esempio tetti e pareti fotovoltaici);
  • sistemi di illuminazione a LED e a basso consumo che non solo riducono il consumo di energia, ma offrono anche un’illuminazione di alta qualità e personalizzabile;
  • utilizzo di materiali fotocatalitici che contribuiscono a purificare l’ambiente e a mantenere gli edifici più sani;
  • tecniche di costruzione modulari e prefabbricate, un approccio innovativo che permette una maggiore precisione nella progettazione e una gestione più efficiente delle risorse.

Tendenze e prospettive future

L’edilizia sostenibile continua a evolversi con le tendenze attuali e future. L’innovazione tecnologica, insieme a politiche ambientali più stringenti, sta plasmando il futuro del settore.

Come visto, l’integrazione di tecnologie sostenibili non solo contribuisce alla riduzione dell’impatto ambientale, ma dimostra che la sostenibilità può andare di pari passo con l’innovazione e l’estetica architettonica.

In sintesi, l’edilizia sostenibile è il pilastro per un futuro più verde e resiliente. Dalle fonti di energia sostenibile all’efficienza energetica e alle tecnologie avanzate, ogni passo conta.

Per progettare edifici dotati di tecnologie sostenibili, come impianti fotovoltaici, ti consiglio di utilizzare il software fotovoltaico che ti guida nella corretta progettazione per sfruttare la massima produzione di energia solare, a seconda della località di installazione, e di distribuire correttamente l’energia prodotta in base ai consumi per l’uso sostenibile della risorsa.

 

Solarius-PV

 

Solarius-PV
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *