elaborati-grafici-di-progetto-incompleti

Elaborati grafici incompleti rispetto alla relazione tecnica: niente demolizione!

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Un’opera non descritta nei grafici di progetto ma menzionata nella relazione tecnica non può essere demolita! Lo sostiene il Tar Lombardia

Cosa accade quando i grafici tecnici non corrispondono alla relazione tecnica? In particolare, un’opera non inserita nei grafici, ma menzionata nella relazione, può essere demolita?

A questi interessanti quesiti risponde il Tar Lombardia con la sentenza n. 1470/2020.

Il caso

Un privato presentava presso il Comune una DIA (dichiarazione di inizio attività), ora SCIA (segnalazione certificata di inizio attività), per il completamento della recinzione esistente e la posa di nuovo cancello carraio/pedonale per la corretta delimitazione della proprietà privata.

Trascorsi 30 giorni dalla presentazione della DIA, e senza aver avuto alcuna notifica dal Comune, procedeva con i lavori.

Successivamente alla messa in opera del cancello, il Comune ne ordinava la demolizione perché non indicato nei grafici.

Il privato impugnava presso il Tar l’ordinanza di demolizione, lamentando che:

  • erano trascorsi 30 giorni di tempo dalla presentazione della DIA: il Comune entro questo tempo avrebbe dovuto esercitare il ritiro del titolo in autotutela invece di emettere direttamente l’ordinanza di demolizione come atto di repressione;
  • contrariamente a quanto affermato dall’amministrazione comunale, il cancello carraio e pedonale era stato adeguatamente riportato sia nell’elaborato grafico che nella relazione tecnica allegati alla DIA;
  • il Comune non avrebbe svolto alcuna indagine e/o accertamento in ordine all’effettiva sussistenza della dichiarazione mendace di cui si discute.

La sentenza del Tar Lombardia

Per il Tar le opere oggetto della contestazione:

  • risultavano riportate unicamente nella relazione tecnica allegata al progetto;
  • non venivano rappresentate graficamente in modo esplicativo, così come disciplinato dal regolamento edilizio vigente;
  • quanto riportato nei grafici non consentiva le necessarie verifiche tecniche da parte dell’UTC.

Per i giudici le opere in oggetto erano state denunciate dal proprietario, anche se la descrizione dei cancelli era contenuta soltanto nella relazione tecnica, e non nei grafici.

Inoltre è onere del Comune di verificare tutta la documentazione presentata e di chiedere eventuali integrazioni documentali come riportato dall’art. 20 (Procedimento per il rilascio del permesso di costruire), comma 5, del dpr 380/2001; la norma, valida per il rilascio del permesso di costruire, è applicabile a tutti i titoli edilizi.

Il ricorso è, quindi, accolto.

 

Per maggiore approfondimento leggi anche questo articolo di BibLus-net: “La relazione tecnica prevale sui grafici di progetto?” (la relazione tecnica prevale rispetto ai grafici in caso di discordanza).

 

Clicca qui per scaricare la sentenza del Tar Lombardia

 

praticus-ta

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *