Home » Notizie » BIM e cantiere » Efficienza cantieri: 6 strategie per migliorarla

Efficienza cantieri 6 modi per migliorarla

Efficienza cantieri: 6 strategie per migliorarla

Tempo di lettura stimato: 7 minuti

L’efficienza nei cantieri è fondamentale per completare un progetto in maniera proficua e produttiva. Ecco come migliorarla in 6 semplici mosse

Il settore AEC è forse uno di quelli più soggetto a problematiche legate all’efficienza e lo è soprattutto nella fase di cantierizzazione.

Se il processo edilizio nel suo complesso si può scomporre principalmente in tre momenti (processo progettuale, processo costruttivo, processo gestionale) è in quello costruttivo, in cui si va materialmente a costruire l’opera, in cui si concentrano i rischi maggiori, sia in termini di errori, imprevisti e ritardi che in termini di mancanze di liquidità, risorse e scorte.

In questo articolo approfondiremo cosa si intende per efficienza nei cantieri e perché è importante per il processo di cantierizzazione e come un professionista o un’impresa può migliorarla!

Cosa si intende per efficienza costruttiva?

Il significato della parola efficienza viene spesso confusa con la parola efficacia, se l’efficacia è la capacità di raggiungere un obiettivo prefissato, l’efficienza invece è comunque la capacità di raggiungere un fine prestabilito, ma con la minore quantità di risorse, tempo e forza lavoro.

Applicando ciò nel settore edile, possiamo definire l’efficienza come la capacità di realizzare e completare un’opera, impiegando risorse e tempi ridotti, garantendo però alti livelli di profitto, produttività e qualità.

L’efficienza costruttiva in un cantiere significa che a partire dall’impiego delle proprie risorse, umane ed economiche, si procede a completare un’opera di qualità nei tempi previsti, rispettando le scadenze, soddisfacendo i clienti e massimizzando i guadagni.

Ottenere efficienza costruttiva nei progetti risulta essere molto complesso e ricco di sfide da superare, richiedendo una visione analitica globale ed una grande capacità organizzativa, ma esistono alcuni metodi per migliorarla.

Sfide di efficienza nella costruzione

Per poter ottenere efficienza nel settore costruttivo purtroppo vi sono ancora alcune sfide che le imprese devono superare:

  • processo di pianificazione e gestione: ancora oggi si tende a bypassare la fase di pianificazione delle attività tentando di rimandare sempre tutto alla fase esecutiva e ciò si traduce in una successiva cattiva gestione del cantiere. Ci si trova all’inizio dei lavori senza una consapevole organizzazione degli stessi secondo i requisiti di progetto e si finisce per procedere in maniera disomogenea, causando ritardi, spese maggiori e riduzioni di produttività;
  • capacità di gestione degli imprevisti: gli imprevisti sono sempre presenti, soprattutto nel settore edile. Possiamo ipotizzarne alcuni e programmare azioni per fare in modo che non vi siano conseguenze troppo negative sulle attività, ma non potremo mai, in maniera assoluta definirli tutti in anticipo ed ovviarli. Per questo è molto importante la gestione organizzativa, individuando le priorità ed in base a queste, cercare di programmare le azioni correttive da svolgere in caso di imprevisti evitando di incorrere in gravi rischi;
  • mancanza di manodopera qualificata: spesso non si possono ottimizzare i processi costruttivi se sono gli stessi operai a non averne le capacità, mantenendo un basso rendimento. Non adeguatamente formati nell’utilizzo delle nuove strumentazioni e nei processi d’automazione, sono ancora legati a metodi e materiali tradizionali che purtroppo rallentano troppo lo sviluppo di un progetto costruttivo;
  • comunicazione tra le parti: comunicare con gli stakeholder in maniera proattiva è difficile ma essenziale per evitare fallimenti. La chiave è utilizzare canali di comunicazione e condivisione efficienti che superano barriere di personalità sovrastanti che collimano tra loro.

Strategie per migliorare l’efficienza nella costruzione

Migliorare l’efficienza costruttiva non è semplice e soprattutto non è veloce, richiede tanto impegno e dedizione, ma queste 6 strategie ti possono essere d’aiuto per ottimizzare il tuo modo di lavorare:

  1. migliorare il flusso di pianificazione, decisionale e gestionale;
  2. investire nella formazione;
  3. raggruppare e centralizzare le informazioni;
  4. sviluppare una manutenzione regolare per massimizzare l’uso delle risorse;
  5. gestire efficientemente la catena di approvvigionamento;
  6. sfruttare le tecnologie emergenti per la gestione del cantiere ed aumentare l’efficienza nelle costruzioni.

Vediamo tutto nel dettaglio.

Strategie migliorative efficienza cantieri

Strategie migliorative efficienza cantieri

1. Migliorare il flusso di pianificazione, decisionale e gestionale

Il primo passo per aumentare l’efficienza costruttiva è sicuramente migliorare il flusso di pianificazione; la maggior parte degli errori di costruzione si origina proprio in questa fase.

Programmare le attività da svolgere secondo linee guida condivise, sviluppare capitolati, computi metrici per i materiali, le risorse e le attrezzature, stime della manodopera e prepararsi ai vari intoppi che potrebbero verificarsi stilando piani di sicurezza sono le procedure preliminari da svolgere nella fase di pianificazione.

Il passo successivo è poi quello che ruota intorno al processo gestionale e decisionale.

Un buon manager deve sviluppare capacità decisionale, in modo da comprendere come le decisioni prese in fase esecutiva influenzino il flusso di lavoro e muoversi di conseguenza. Controlli regolari sui cantieri garantiscono chiarezza sui progressi e scelte più consapevoli.

Per la gestione del progetto deve avere grande capacità comunicativa e risolutiva nella gestione dei conflitti tra le parti in gioco e soprattutto deve correggere gli errori che potrebbero alterare la produttività dell’impresa, apportando ritardi e surplus di costi.

Pianificazione nel settore delle costruzioni con usBIM.project

Pianificazione nel settore delle costruzioni con usBIM.project

2. Investire nella formazione

Sviluppare un flusso di programmazione e gestione ottimale non basta se il team di lavoro non è qualificato e formato adeguatamente a farne parte e non possiede le conoscenze, le competenze e le esperienze giuste.

Investire nella formazione dei dipendenti e di ogni operatore che entra in cantiere è importante per evitare l’insorgere di pericoli: il cantiere è pieno di pericoli e non agire tempestivamente causa errori che hanno conseguenze ancora peggiori e molto spesso sono generati dall’incoscienza e dalla poca preparazione professionale degli operai.

Sviluppare periodicamente corsi di formazione e utilizzare strumenti di realtà virtuale diretti alla formazione in cantiere è essenziale per aumentare l’efficienza operativa di un cantiere stesso e migliorarne la sicurezza.

3. Raggruppare e centralizzare le informazioni

I dati e le informazioni costruttive sono la linfa vitale di tutti i progetti; la raccolta e la gestione dei dati aiuta a migliorare la produttività e ad ottimizzare il flusso di lavoro.

Durante l’esecuzione di un’opera si produce una mole elevata di informazioni burocratiche e progettuali che è necessario consultare per prendere decisioni consapevoli sull’avanzamento dei lavori.

Ma se un progetto in genere si compone di elaborati strutturali, architettonici, impiantistici, economici, ambientali, quanto può diventare oneroso dover cercare i documenti di cui si ha bisogno?

Centralizzare i dati in una piattaforma cloud per la gestione della documentazione di cantiere condivisa ed organizzarli in maniera disciplinare richiede sicuramente un lavoro di programmazione maggiore, ma consente di creare un database unico in cui tutti possono attingere, semplificando il processo di gestione e rendendolo più efficiente, riducendo i tempi morti. Così facendo, i documenti potranno essere sempre aggiornati, in base alle eventuali modifiche progettuali ed essere così sempre affidabili e di qualità.

4. Sviluppare una manutenzione regolare per massimizzare l’uso delle risorse

Manutenere le attrezzature periodicamente permette di mantenerle in buone condizioni e aumentarne la durata e consente agli operatori di svolgere il proprio lavoro quotidiano in maniera efficiente ed in totale sicurezza.

L’importanza dei processi di manutenzione è aumentata soprattutto per la crescente complessità dei processi produttivi, che ha portato sempre più manager ad implementare processi di manutenzione predittiva.

L’uso delle moderne tecnologie come l’IoT, l’AI o Big data integrati in software per la manutenzione degli asset per monitorare le prestazioni e le condizioni delle apparecchiature e per analizzare i dati rilevati, permette di riscontrare difetti o problemi e di intervenire immediatamente nella risoluzione degli stessi, evitando l’insorgere di danni maggiori.

Le apparecchiature e le risorse meccaniche necessarie per procedere nell’esecuzione di una costruzione acquisiscono quindi un valore maggiore, riducendo i tempi di inattività improvvisi e migliorando la produttività complessiva.

Manutenzione regolare

Manutenzione regolare con usBIM.maint

5. Gestire efficientemente la catena di approvvigionamento

La catena di approvvigionamento rappresenta per un’impresa edile la rete di collegamento con fornitori, produttori e distributori: acquisire materiali di qualità a prezzi accessibili è molto rilevante nel settore AEC.

Gestire la catena di approvvigionamento significa:

  1. supervisionare tutte le fasi e le operazioni che la compongono;
  2. controllare che ogni operazione sia efficiente e conveniente;
  3. verificare che tutti i materiali siano di qualità e abbiano il visto di conformità;
  4. cercare di aumentare i profitti e di conseguenza il fatturato.

I lunghi tempi di consegna tra l’invio di un ordine e la ricezione dei materiali hanno un enorme impatto sulla tempistica dei progetti, perciò per rendere più efficiente questo processo è importante:

  • studiare bene la catena di approvvigionamento, individuando i punti deboli da rinforzare;
  • mantenere un rapporto propositivo e proficuo con i fornitori, valutare bene quelli più adatti e le loro capacità lavorative;

È essenziale avere sempre più alternative, per quanto l’uso di un solo fornitore possa semplificare logisticamente il flusso di lavoro, esso comporta vari rischi e disagi in caso di ritardi o mancate consegne.

6. Sfruttare le tecnologie emergenti per la gestione del cantiere ed aumentare l’efficienza nelle costruzioni

Se il settore costruttivo è in estremo ritardo nell’adozione delle tecnologie emergenti, è senza ombra di dubbio che tutte quelle imprese che invece ne fanno pane quotidiano nella loro attività siano avanti, in termini economici, organizzativi e di reputazione.

Per aumentare la produttività e l’efficienza del flusso di lavoro giungono sicuramente in aiuto le soluzioni software in grado di supportare tutte le attività di progettazione e gestione, ma per essere realmente di aiuto devono essere accompagnate da una mentalità più aperta al cambiamento ed alle nuove metodologie innovative.

La fase di pianificazione e di programmazione è più rapida se viene sviluppata mediante software BIM: la rappresentazione digitale dell’opera, ricca di informazioni utili all’esecuzione della stessa, consente di visualizzare ed analizzare l’edificio, individuando dettagli e particolari e riscontrando eventuali criticità, che possono essere analizzate e studiate prima di giungere in cantiere, evitando così ritardi inutili.

Per ridurre invece i rischi legati al superamento dei costi, a ritardi, a danni legali e contrattuali tipici della fase esecutiva vera e propria, un construction management software è di grande aiuto per organizzare i compiti all’interno del team, le lavorazioni, le scadenze e la risoluzione di eventuali problematiche in cantiere.

In particolare, potrai condividere con i colleghi report sul cantiere, documenti di trasporto o certificati di rispondenza, sempre archiviati e disponibili e tracciare tutte le problematiche sviluppando procedure sempre più efficienti per la risoluzione immediata. Non ti resta che provare gratuitamente la soluzione e scoprire tu stesso come usBIM.resolver ti aiuta a risolvere problematiche di cantiere in pochi e semplici step!

 

usbim-resolver
usbim-resolver
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *