Home » BIM Topic » BIM ed energia » Edifici ecosostenibili: caratteristiche ed esempi famosi

edifici ecosostenibili

Edifici ecosostenibili: caratteristiche ed esempi famosi

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Materiali riciclabili, raccolta delle acque meteoriche, utilizzo di energia da fonti rinnovabili: ecco alcune delle caratteristiche degli edifici ecosostenibili

Può sembrare una moda del momento ma la progettazione di edifici ecosostenibili, in realtà, diventerà presto lo standard da seguire per la realizzazione di ogni tipo di costruzione. Dagli edifici ad energia zero a quelli passivi, l’obiettivo è ridurre l’impatto ambientale con soluzioni che spaziano tra tradizione e innovazione.

Non restiamo impreparati, dunque, e vediamo cosa si intende per edifici ecosostenibili, quali caratteristiche non possono mancare e quali esempi famosi potremmo prendere come esempio.

Edifici ecosostenibili: cosa sono

Gli edifici ecosostenibili, anche conosciuti come edifici verdi (green buildings) o sostenibili, sono costruzioni progettate e realizzate con l’obiettivo di ridurre al minimo il loro impatto sull’ambiente e promuovere la sostenibilità in tutto il loro ciclo di vita, dalla progettazione alla demolizione, fino al riciclo dei materiali. Questi edifici sono progettati con la massima attenzione al risparmio energetico, all’utilizzo responsabile delle risorse e al comfort degli abitanti.

La progettazione di un edificio ecosostenibile richiede una serie di attenzioni particolari per massimizzare l’efficienza energetica, ridurre l’impatto ambientale e promuovere la sostenibilità.

Tecniche di edilizia sostenibile

Tecniche di edilizia sostenibile

Ecco alcuni aspetti chiave che vengono considerati durante la progettazione di un edificio ecosostenibile:

  • orientamento e design passivo: la disposizione e l’orientamento dell’edificio possono massimizzare l’uso della luce naturale ed ottimizzare la climatizzazione estiva ed invernale. Questo può includere la posizione e la grandezza delle finestre, la forma dell’edificio e l’uso di elementi come schermature frangisole regolabili, tetti verdi, camini di ventilazione, facciata ventilata, doppia pelle, ecc. per ridurre il riscaldamento solare e migliorare la ventilazione naturale;
  • efficienza energetica: utilizzo di materiali isolanti ad alta efficienza, finestre ad alto rendimento energetico, sistemi di riscaldamento e raffreddamento ad alta efficienza e l’integrazione di tecnologie per il controllo automatizzato dei sistemi energetici;
  • fonti di energia rinnovabile: l’installazione di sistemi per la produzione di energia da fonti rinnovabili come pannelli solari, fotovoltaici, pale eoliche o sistemi di cogenerazione può contribuire a ridurre l’uso di energia proveniente da fonti non rinnovabili. In fase di progettazione è necessario il supporto di strumenti e software fotovoltaico che ti permettono di dimensionare gli impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, valutare il corretto posizionamento per massimizzare il rendimento ed ottimizzare i tempi di ritorno dell’investimento iniziale;
  • materiali sostenibili: l’utilizzo di materiali da costruzione a basso impatto ambientale, riciclati e riciclabili o provenienti da fonti rinnovabili può ridurre l’impatto ambientale complessivo dell’edificio. Questo include materiali come legno certificato, calcestruzzo riciclato, isolanti naturali e vernici a basso VOC (Volatile Organic Compounds);
  • gestione delle acque: l’implementazione di sistemi per la raccolta delle acque piovane, il riutilizzo delle acque grigie e la gestione delle acque reflue può ridurre il consumo complessivo di acqua e promuovere la sostenibilità idrica dell’edificio;
  • qualità dell’ambiente interno: utilizzo di materiali non tossici e di basso VOC per garantire un ambiente interno sano e confortevole, insieme a soluzioni per massimizzare la luce naturale e la ventilazione;
  • gestione dei rifiuti: l’integrazione di sistemi per la raccolta differenziata dei rifiuti durante la costruzione e l’utilizzo dell’edificio, nonché la pianificazione per il riciclo e il riutilizzo dei materiali al termine della vita utile dell’edificio;
  • monitoraggio e ottimizzazione: l’installazione di sistemi di monitoraggio e controllo per valutare e ottimizzare l’efficienza energetica, il consumo di acqua e l’ambiente interno dell’edificio nel tempo.

progetto di una casa unifamiliare - orientamento

Integrando questi aspetti nella progettazione di un edificio, è possibile realizzare strutture che riducono l’impatto ambientale e promuovono la sostenibilità a lungo termine. Per avere un valido supporto nella progettazione di edifici sostenibili è possibile applicare la metodologia BIM, utilizzare software per il calcolo energetico ed implementare nel flusso di lavoro piattaforme di BIM management per la gestione dell’intero ciclo di vita delle costruzioni.

Esempi famosi di edifici ecosostenibili

In architettura, gli edifici ecosostenibili sono ormai tantissimi e sono sempre più un esempio per i grandi e piccoli progetti del futuro. Ecco una top ten dei più noti edifici sostenibili nel mondo.

  • One Central Park, Sydney, Australia – complesso residenziale noto per il suo design ecologico, che include pareti verdi verticali, sistemi di riciclo delle acque piovane e un alto livello di efficienza energetica.
  • The Edge, Amsterdam, Paesi Bassi – edificio per uffici caratterizzato da un tetto rivestito di pannelli solari, sistemi di raffreddamento ad acqua di falda e sensori per ottimizzare l’uso delle risorse.
  • The Crystal, Londra, Regno Unito – edificio multifunzionale progettato per massimizzare l’efficienza energetica e l’uso delle fonti rinnovabili, con soluzioni innovative come un tetto fotovoltaico, sistemi di riscaldamento e raffreddamento ad alta efficienza e sistemi di gestione dell’acqua.
  • Bullitt Center, Seattle, Stati Uniti – conosciuto come “l’edificio più verde del mondo”, il Bullitt Center è stato progettato per raggiungere gli standard di costruzione sostenibile più elevati, utilizzando materiali riciclabili, energia solare e una gestione innovativa delle acque piovane.
  • The Change Initiative Building, Dubai, Emirati Arabi Uniti – questo edificio è stato progettato per essere un modello di sostenibilità nel deserto, con un’architettura che massimizza l’efficienza energetica e l’uso delle risorse rinnovabili, tra cui energia solare e riciclo delle acque.
  • Manitoba Hydro Place, Winnipeg, Canada – edificio per uffici che assicura un risparmio energetico del 70% rispetto a strutture simili e delle stesse dimensioni. Disegno, materiali ed esposizione sono stati pensati per sfruttare al meglio le fonti di luce e calore naturali per minimizzare l’impiego di energia. Aperture con triplo vetro, per limitare la dispersione del calore, tetto giardino e un sistema geotermico per riscaldare o raffreddare l’edificio. Il suo fiore all’occhiello però è l’impianto di ventilazione che sfrutta il proprio design e i propri impianti per far respirare aria naturale all’interno degli ambienti.
  • Pixel Building, Melbourne, Australia – completato nel 2010 e progettato dallo Studio 505, è considerato il primo edificio australiano con emissioni nette di anidride carbonica pari a zero. Rappresenta un esempio significativo di architettura sostenibile grazie alle soluzioni tecnologiche adottate per ridurre l’impatto ambientale. L’edificio è dotato di pannelli realizzati con materiale di scarto riciclato, montati su una struttura metallica, che forniscono non solo un’estetica distintiva ma anche illuminazione interna e protezione solare. Dal punto di vista energetico, l’edificio è autosufficiente grazie a un impianto fotovoltaico sul tetto e turbine eoliche visibili sulla facciata. Per ridurre i consumi energetici, l’edificio è dotato di isolamento avanzato, una copertura verde con sistema di raccolta e riutilizzo dell’acqua piovana, e un sistema di ventilazione naturale. Il riscaldamento e il raffreddamento sono gestiti tramite una pompa di calore ad assorbimento acqua-ammoniaca, con un’efficienza superiore alle caldaie a gas convenzionali. Nella scelta dei materiali, si privilegiano quelli riciclati e a basso impatto ambientale, come il calcestruzzo a bassa emissione di anidride carbonica.
  • The Parkroyal on Pickering, Singapore – questo hotel è famoso per il suo design ecologico, che include giardini verticali, pannelli solari e sistemi di raccolta delle acque piovane per l’irrigazione e il raffreddamento.
  • Shanghai Tower, Shanghai, Cina – grattacielo alto 632 metri, che illumina l’intera area circostante tramite turbine eoliche poste in copertura; la vera peculiarità è nel monitoraggio della luce naturale, filtrata attraverso una doppia pelle trasparente, con un risparmio stimabile di circa 556 mila dollari.
  • The Dock, Dublino, Irlanda – questo edificio per uffici è stato progettato con un’attenzione particolare alla sostenibilità e all’innovazione, con soluzioni come un tetto verde, sistemi di illuminazione a risparmio energetico e un design che massimizza l’uso della luce naturale.

Questi sono solo alcuni esempi ma la lista è destinata a crescere e ad essere aggiornata di continuo, data la crescente attenzione dei progettisti al tema dell’ecosostenibilità.

 

TerMus-PLUS

 

TerMus-PLUS

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *