Caldaie-a-biomassa-vademecum

Ecobonus per caldaie a biomassa, aggiornato il vademecum Enea

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Dall’Enea tutte le informazioni utili per l’utilizzo dell’Ecobonus nel caso d’impianti con generatori di calore alimentati da biomasse combustibili

Con il nuovo vademecum Enea si ricorda che è agevolabile la sostituzione o la nuova installazione di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (caldaie a biomassa).

I vademecum dell’Enea

Il presente documento è parte di una serie di vademecum redatti dall’Enea per supportare la rigenerazione e l’efficientamento energetico del patrimonio edilizio del nostro Paese.

Ecco gli articoli di BibLus-net che sintetizzano i contenuti dei vademecum (disponibili in allegato agli articoli):

Il vademecum sulle caldaie a biomassa

Beneficiari

Possono accedere alla detrazione tutti i contribuenti che:

  • sostengono le spese di riqualificazione energetica;
  • possiedono un diritto reale sulle unità immobiliari costituenti l’edificio.

Tutti i contribuenti, in alternativa all’utilizzo diretto della detrazione fiscale, possono optare per la cessione del credito.

Edifici agevolabili

Accedono alla detrazione gli interventi su edifici che, alla data d’inizio dei lavori, siano“esistenti, ossia accatastati o con richiesta di accatastamento in corso, e in regola con il pagamento di eventuali tributi.

Entità dell’agevolazione

Sia nel caso in cui l’intervento si configuri come sostituzione totale o parziale del vecchio generatore termico o sia nel caso si configuri come nuova installazione sugli edifici esistenti, una caldaia a biomassa è agevolata al 50%.

L’aliquota di detrazione è pari, quindi, al 50% delle spese totali sostenute dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2020.

Il limite massimo di detrazione ammissibile è pari a 30.000 euro per unità immobiliare.

Requisiti delle caldaie a biomassa

Non è richiesto il requisito del possesso di un impianto di riscaldamento (come per altri interventi), ma solo che gli edifici siano accatastati o con richiesta di accatastamento in corso.

Il generatore di calore deve possedere i seguenti requisiti:

  • un rendimento utile nominale minimo non inferiore all’85%;
  • la certificazione ambientale di cui al D.M. 07/11/2017 n. 186, in attuazione del D.Lgs. 152/2006 (art. 290, comma 4), in base al punto 1 dell’allegato 2 del D.Lgs. 28/2011;
  • il rispetto di normative locali per il generatore e per la biomassa;
  • conformità alle norme UNI EN ISO17225-2 per il pellet, UNI EN ISO17225-4 per il cippato e UNI EN ISO 17225-5 per la legna.

Spese ammissibili

Si possono portare in detrazione le spese sostenute per:

  • smontaggio e la dismissione dell’impianto di climatizzazione invernale esistente;
  • fornitura e posa in opera di tutte le apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche ed elettroniche, delle opere idrauliche e murarie necessarie per la sostituzione, a regola d’arte, dell’impianto termico esistente con un generatore di calore a biomassa;
  • prestazioni professionali (produzione della documentazione tecnica necessaria, direzione dei lavori etc.).

Documentazione

Entro 90 giorni dalla data di fine dei lavori o di collaudo delle opere è obbligatorio inviare all’Enea la scheda descrittiva dell’intervento, redatta da un tecnico abilitato, attraverso l’apposito portale relativo all’anno in cui sono terminati i lavori.

La documentazione tecnica da conservare è:

  • scheda Enea;
  • asseverazione (nei casi in cui è richiesta);
  • schede tecniche dei generatori installati;
  • copia della dichiarazione di conformità ai sensi del D.M 37/08 e il libretto di impianto.

Infine la documentazione di tipo amministrativo:

  • delibera assembleare di approvazione di esecuzione dei lavori;
  • fatture relative alle spese sostenute;
  • ricevute dei bonifici recanti la causale del versamento;
  • stampa della e-mail inviata dall’Enea contenente il codice CPID che costituisce garanzia che la scheda descrittiva dell’intervento è stata trasmessa.

 

Clicca qui per scaricare il vademecum caldaie a biomassa

 

impiantus-libretto

 

1 commento
  1. Giovanni Pizzi
    Giovanni Pizzi dice:

    Buongiorno, quindi l ecobouns per le caldaie a biomassa, si ferma al 50% ! a questo punto è piu’ vantaggioso accedere al conto termico !

    Giovanni

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *