E’ pronto il nuovo disegno di legge sul risparmio del suolo: promozione dell’attività agricola e dei comuni virtuosi

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

class=”bl-sub-title”>Il provvedimento prevede che i terreni che usufruiscono di aiuti di Stato potranno essere utilizzati solo per uso agricolo; inoltre saranno erogati incentivi agli interventi di recupero del patrimonio rurale.

Arriva l’ok del Consiglio dei Ministri al disegno di legge in materia di contenimento del consumo del suolo e riuso del suolo in edificato. L’obiettivo è quello di porre un limite all’eccessiva cementificazione, incentivando il riuso delle strutture già realizzate, al fine di risparmiare i pochi terreni agricoli disponibili.

Lo schema prevede che i terreni che usufruiscono di aiuti di Stato potranno essere utilizzati solo per uso agricolo; inoltre saranno erogati incentivi agli interventi di recupero del patrimonio rurale.
Allo stesso modo, saranno incentivati il risanamento di complessi edilizi situati nei centri storici e interventi di qualificazione dell’ambiente e del paesaggio che abbiano come obiettivo anche la messa in sicurezza delle aree esposte a rischio idrogeologico, soprattutto di quelle più esposte a eventi meteorologici estremi.

Sarà inoltre istituito un registro dei Comuni virtuosi, che al consumo di suolo preferiranno il riuso.
I proventi dei titoli edilizi e delle sanzioni previste sono destinati alla realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria ed interventi di risanamento.
Per controllare il rispetto della norma, sarà istituito un Comitato interministeriale col compito di monitorare il consumo di superficie agricola e realizzare ogni anno un rapporto a livello nazionale.
Il disegno di legge ha già ottenuto il parere favorevole della Conferenza unificata.

Clicca qui per scaricare la bozza del DL sul consumo del suolo
Clicca qui per scaricare il parere della Conferenza Unificata

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *