Opere edili

Doppi infissi: il caso delle finestre contestate in condominio

Il Tribunale di Milano interviene su un contenzioso condominiale riguardante l’installazione di doppie finestre che mette in discussione il decoro architettonico di un edificio. Ecco le implicazioni legali legate al caso!

Nel contesto delle controversie condominiali, il tema del decoro architettonico assume un ruolo di primaria importanza, come dimostra il caso in esame riguardante l’installazione di nuove finestre su un edificio condominiale senza l’autorizzazione dell’assemblea. Il procedimento legale, innescato dall’azione di un condomino contro la controparte, si è focalizzato sull’illegittimità dell’intervento e sul suo impatto sul carattere architettonico dell’edificio. È il caso affrontato dal Tribunale di Milano nella sentenza n. 4340/2024.

Ma prima di scoprire il verdetto dei giudici sui doppi infissi installati sulla facciata condominiale, ti ricordo che per la valutazione e richiesta del giusto documento teso a legittimare la realizzazione di un progetto, hai un valido alleato nel software per i titoli edilizi che, attraverso una procedura guidata ed in base alla tipologia dei lavori, ti consente di gestire in modo chiaro ed ordinato i molteplici moduli edilizi sempre aggiornati.

Posso installare un nuovo infisso esterno in aggiunta a quello originario senza l’autorizzazione del condominio?

Un condomino veniva citato in giudizio presso il tribunale per ottenere la rimozione di doppie finestre installate in sovrapposizione a quelle esistenti sulla facciata senza autorizzazione da parte dell’assemblea condominiale con violazione del decoro architettonico e della sicurezza dello stabile.

Durante le udienze il condominio sottolineava la necessità di ripristinare il decoro architettonico originale, richiedendo la rimozione delle finestre non autorizzate e il risarcimento del danno subìto. Il giudice esaminava attentamente le prove presentate, inclusa una perizia redatta da un architetto, per valutare se l’installazione delle nuove finestre violasse effettivamente il decoro architettonico dell’edificio.

Per il Tribunale di Milano i doppi infissi, se in contrasto con le linee caratterizzanti il decoro architettonico, vanno rimosse

Per i giudici si tratta di stabilire se l’installazione delle doppie finestre comporta una violazione del decoro architettonico e della stabilità costituendo innovazione non autorizzata a detta del condominio oppure sia da considerarsi opera volta ad un migliore godimento delle parti comuni come sostenuto dal convenuto condomino.

Essi premettono che:

In tema di lesione del decoro architettonico e della stabilità dell’edificio, in punto di diritto, deve evidenziarsi che, come noto costituisce innovazione lesiva del decoro architettonico del fabbricato condominiale, come tale vietata, non solo quella che ne alteri le linee architettoniche, ma anche quella che comunque si rifletta negativamente sull’aspetto armonico di esso, a prescindere dal pregio estetico che possa avere l’edificio.

La relativa valutazione spetta al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità, ove non presenti vizi di motivazione. (Cass Civ n. 10350 del 11/05/2011).

Ed ancora:

Per decoro architettonico del fabbricato, ai fini della tutela prevista dall’art. 1120 c.c., deve intendersi l’estetica data dall’insieme delle linee e delle strutture ornamentali che costituiscono la nota dominante ed imprimono alle varie parti dell’edificio, nonché all’edificio stesso nel suo insieme, una sua determinata, armonica, fisionomia, senza che occorra che si tratti di edifici di particolare pregio artistico (cfr., in tal senso, da ultimo, Cassazione civile , sez. II, 14 dicembre 2005, n. 27551; nonché già Cassazione civile , sez. II, 23 ottobre 1993, n. 10513; Cassazione civile , sez. II, 8 giugno 1995, n. 6496; Cassazione civile , sez. II, 29 luglio 1995, n. 8381).

Nel caso in esame, puntualizzano i giudici, appare evidente dalla documentazione in atti che l’installazione della doppia finestra da parte della convenuta altera in modo rilevante il caratteristico motivo architettonico della facciata dell’edificio condominiale, in quanto la tipologia di costruzione dell’edificio, caratterizzata dalla presenza di linee rette e spigoli a 90°, non viene rispettata nella realizzazione delle doppie finestre.

Conclusioni e accoglimento della richiesta di rimozione dei doppi infissi

La sentenza finale ha stabilito che l’installazione delle doppie finestre, per i motivi poc’anzi menzionati, era contraria alle norme sul decoro architettonico, ordinando alla controparte la rimozione delle opere non autorizzate. Tuttavia, la richiesta di risarcimento danni è stata respinta per mancanza di prove sufficienti.

Questo caso evidenzia l’importanza di rispettare le norme condominiali e di ottenere le autorizzazioni necessarie prima di effettuare interventi che possano influenzare il carattere architettonico di un edificio condominiale. La tutela del decoro architettonico non solo preserva l’aspetto estetico degli edifici, ma contribuisce anche al mantenimento della coesione e dell’armonia all’interno della comunità condominiale.

 

Per maggiore approfondimento, leggi anche questi articoli di Biblus:

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Obbligo di rimozione amianto per privati: quando vige?

Scopri tutto sull'obbligo di rimozione amianto per privati: regolamentazioni, procedure, sanzioni e bonus disponibili per…

20 Giugno 2024

Il principio DNSH negli investimenti PNRR in fognatura e depurazione

Vademecum del MASE per il rispetto del principio DNSH negli investimenti in fognatura e depurazione…

20 Giugno 2024

Appalti pubblici: tutto quello che devi sapere

Appalti pubblici: definizione, tipologie, normativa, fasi, metodi di aggiudicazione, durata e documenti. Tutto quello che…

20 Giugno 2024

Impianti antincendio: tipologie e caratteristiche

Gli impianti antincendio sono sistemi progettati per combattere tempestivamente un incendio, ma quali tipologie comprendono…

20 Giugno 2024

Pergolato senza permesso: cosa prevede la normativa

È possibile installare un pergolato senza permesso? A quali condizioni? Scopri cosa prevede la normativa…

20 Giugno 2024

Tettoia: tra pertinenza, accessorio e nuova costruzione

Una tettoia quando di dimensioni impattanti sul territorio non può risultare né come pertinenza né…

20 Giugno 2024