testo unico sicurezza aggiornato

Documento di Valutazione dei Rischi obbligatorio dal primo gennaio 2013. Cosa accade a chi non si mette in regola?

Per omessa redazione del DVR arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da 2.500 euro a 6.400 euro.

Il 31 dicembre 2012 scade la possibilità per i datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori di autocertificare l’effettuazione della valutazione dei rischi (art. 29 comma 5 D.Lgs 81/2008).
Pertanto dal primo gennaio 2013 tutte le aziende dovranno redigere il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR).

A questo punto ci si potrebbe chiedere: “cosa accade in caso di violazione?”.

Ecco la risposta:

  • per omessa redazione del DVR: arresto da 3 a 6 mesi o ammenda da € 2.500 a € 6.400.
    La pena è aumentata a 4/8 mesi nelle aziende a rischio di incidente rilevante e con l`esposizione a rischi biologici, cancerogeni/mutageni, atmosfere esplosive
  • per incompleta redazione del DVR con omessa indicazione delle misure ritenute opportune al fine di garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, misure di prevenzione e protezione, DPS, procedure sulle misure da adottare e distribuzione dei compiti e delle responsabilità: ammenda da € 2.000 a € 4.000
  • per incompleta redazione del DVR con omessa indicazione sulla relazione della valutazione di tutti i rischi, l`individuazione delle mansioni che espongono i lavoratori a rischi specifici o richiedono riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza ed adeguata formazione: ammenda da € 1.000 a € 2.000

Clicca qui per scaricare il Testo Unico sulla sicurezza, aggiornato a novembre 2012
Clicca qui per scaricare il Decreto Legge 12 maggio 2012, n. 57

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *