Home » BIM Topic » BIM e Facility Management » Documenti del Facility Management: materiali, progetti e certificati per gestire meglio la manutenzione

Facility management documents i documenti indispensabili per la manutenzione di una struttura

Documenti del Facility Management: materiali, progetti e certificati per gestire meglio la manutenzione

Tempo di lettura stimato: 10 minuti

Scopri quali sono i documenti fondamentali del Facility Management e quali best practice seguire per la gestione efficace delle strutture

Nell’ambito del Facility Management, l’efficace gestione e manutenzione delle strutture è fondamentale per garantire il corretto funzionamento e la sostenibilità nel lungo termine degli edifici. Uno strumento essenziale in questo processo è la raccolta dei documenti del Facility Management. In questa guida esploreremo i documenti indispensabili e gli strumenti di Facility Management che ogni professionista del settore dovrebbe conoscere e gestire con attenzione.

Introduzione

Prima di entrare nel cuore dell’argomento, facciamo un breve recap sul Facility Management. Per approfondire questo argomento ti consiglio di leggere anche:

Cos’è il Facility Management?

BIM Facility Management: il potere del BIM nella gestione degli asset

Definizione di Facility Management

Hai mai sentito parlare di Facility Management? Forse sì, forse no. In ogni caso, si tratta di una disciplina che riguarda la gestione coordinata e la manutenzione nel tempo delle strutture, degli impianti e dei servizi all’interno di un edificio o di un complesso di edifici. Va da sé che una gestione efficace è essenziale per il benessere dei fruitori e della struttura stessa.
Il Facility Management può essere anche integrato con il BIM al fine di ottimizzare i processi di manutenzione degli asset e garantire una più efficiente gestione del ciclo di vita dell’opera, si parla in questo caso di BIM Facility Management.

Importanza della gestione efficace delle strutture

Perché è così importante il Facility Management? Immagina un hotel di lusso senza personale addetto alla pulizia, o un ospedale senza un sistema di gestione dei rifiuti medici. Impensabile, vero? Ecco perché il Facility Management è così indispensabile nella gestione di qualsiasi tipo di asset. Facciamo qualche esempio utile:

  • prolungamento della vita utile delle strutture: una gestione attenta e sistematica delle strutture contribuisce a preservarne l’integrità nel tempo. La manutenzione regolare e preventiva aiuta a identificare e risolvere problemi prima che si trasformino in guasti maggiori, prolungando così la durata complessiva dell’edificio;
  • ottimizzazione delle risorse: un’adeguata gestione delle strutture mira a ottimizzare l’uso delle risorse, tra cui energia, acqua e materiali. Ciò non solo riduce i costi operativi, ma contribuisce anche alla sostenibilità ambientale, riducendo l’impatto dell’edificio sull’ambiente;
  • sicurezza degli occupanti: un edificio ben gestito offre un ambiente sicuro e salubre per chi lo abita o lo utilizza. I piani di sicurezza, le ispezioni regolari e le procedure di emergenza aiutano a minimizzare i rischi per gli occupanti in caso di situazioni critiche;
  • miglioramento dell’efficienza operativa: un adeguato FM ottimizza le operazioni quotidiane attraverso la pianificazione accurata della manutenzione, la gestione dei servizi di pulizia e l’efficace utilizzo degli spazi. Ciò contribuisce a un ambiente di lavoro più efficiente e produttivo;
  • miglior esperienza dell’utente: grazie a un FM ben gestito, gli utenti dell’edificio, che siano dipendenti, clienti o visitatori, beneficiano di un ambiente confortevole e ben mantenuto. Ciò influisce positivamente sull’immagine dell’organizzazione e sulla soddisfazione degli utenti;
  • adattabilità alle evoluzioni: un buon FM è flessibile e adattabile alle mutevoli esigenze dell’edificio nel tempo. Ad esempio, può facilitare l’implementazione di nuove tecnologie o l’adeguamento degli spazi a nuovi scopi;
  • controllo dei costi: la gestione accurata delle strutture permette di pianificare e allocare i costi in modo più efficace. L’identificazione tempestiva dei problemi e la loro risoluzione prevengono costi imprevisti e spese eccessive.
  • conformità normativa: un adeguato FM assicura che l’edificio sia conforme alle normative vigenti in termini di sicurezza, accessibilità e altre norme applicabili. Ciò riduce il rischio di multe e sanzioni legali.

In sintesi, la gestione efficace delle strutture va oltre la semplice manutenzione. Essa impatta su tutti gli aspetti dell’edificio, dalla sua durata e sicurezza alla qualità dell’ambiente e all’efficienza operativa. Investire nella gestione delle strutture si traduce in benefici a lungo termine per tutte le parti coinvolte.

Documenti del Facility Management: i documenti fondamentali per la gestione delle strutture

Ecco un elenco dettagliato dei principali documenti del Facility management indispensabile per la gestione di un bene:

  • documentazione di progetto dell’edificio: questi documenti rappresentano la base di partenza per il Facility Management. Contengono tutte le informazioni dettagliate sull’architettura, l’ingegneria strutturale e i sistemi impiantistici dell’edificio. Sono essenziali in quanto forniscono le linee guida per la manutenzione e il funzionamento ottimale dell’edificio nel suo ciclo di vita;
  • manuale delle attrezzature e dei sistemi: questo manuale contiene istruzioni dettagliate sull’uso e la manutenzione di tutte le attrezzature e i sistemi presenti nell’edificio, come impianti di riscaldamento, ventilazione, aria condizionata, elettricità, sicurezza, ecc. È fondamentale per garantire che gli operatori e il personale addetto alla manutenzione siano a conoscenza delle procedure corrette;
  • registro della manutenzione programmata: un registro dettagliato delle attività di manutenzione programmata è essenziale per tracciare gli interventi eseguiti nel corso del tempo. Questo documento aiuta a pianificare e programmare interventi futuri, garantendo che le attività di manutenzione siano eseguite regolarmente per prevenire guasti e degrado;
  • registro delle emergenze e degli interventi urgenti: in situazioni di emergenza, è vitale avere un registro che documenti le azioni intraprese e le soluzioni applicate. Questo aiuta a prendere decisioni rapide e informate in situazioni critiche e a ridurre al minimo gli impatti negativi sulla struttura e sulla sicurezza degli occupanti;
  • contratti di manutenzione e garanzia: gli accordi contrattuali con fornitori esterni per servizi di manutenzione e assistenza tecnica devono essere accuratamente conservati. Questi documenti stabiliscono le responsabilità e i termini degli interventi esterni e assicurano che le attività siano svolte in conformità agli standard concordati;
  • piano di gestione delle risorse (energia, acqua, ecc.): in un’ottica di sostenibilità, è importante monitorare e gestire l’uso delle risorse come energia e acqua. Questo piano definisce strategie per ottimizzare il consumo energetico ed idrico dell’edificio nel tempo, riducendo i costi operativi e l’impatto ambientale;
  • rapporti di ispezione e valutazione: documentare ispezioni periodiche e valutazioni dello stato strutturale e impiantistico è fondamentale. Questi rapporti forniscono una panoramica dell’attuale condizione dell’edificio e guidano le decisioni sulla manutenzione preventiva o migliorativa;
  • piani di evacuazione e sicurezza: la sicurezza degli occupanti è di primaria importanza. Mantenere aggiornati i piani di evacuazione e sicurezza, inclusi eventuali cambiamenti nella struttura o nei sistemi, è cruciale per una gestione efficace delle situazioni di emergenza.
Facility Management documents: gestione dei documenti per la manutenzione di un bene

Facility Management documents: gestione dei documenti per la manutenzione di un bene

In conclusione, questi documenti rappresentano la spina dorsale del Facility Management e sono fondamentali per garantire la corretta manutenzione e funzionalità delle strutture nel tempo. La collaborazione tra ingegneri, architetti e imprese edili nella comprensione e nella gestione di tali documenti è essenziale per il successo a lungo termine di qualsiasi edificio. Approfondiamo alcuni essenziali documenti del Facility Management.

Contratti di manutenzione

Il primo passo per una gestione efficace è avere contratti di manutenzione chiari e dettagliati. Questi documenti delineano i termini di servizio, i costi e le responsabilità di tutte le parti coinvolte. I contratti di manutenzione sono accordi formali tra l’entità proprietaria dell’edificio e fornitori esterni di servizi di manutenzione. Questi contratti definiscono le responsabilità e gli obblighi delle parti coinvolte. Sono di vitale importanza perché stabiliscono le aspettative, i livelli di servizio e i termini di intervento. In genere, i contratti di manutenzione coprono una vasta gamma di servizi, come manutenzione degli impianti tecnici, pulizia, sicurezza, giardinaggio e altro. Una chiara definizione delle attività da svolgere, dei tempi di intervento e dei costi associati aiuta a mantenere l’edificio in buone condizioni e a prevenire interruzioni impreviste. I contratti di manutenzione possono essere di vari tipi, ma le best practice per la gestione delle strutture suggeriscono di includere clausole flessibili, che permettano di adattare i servizi alle esigenze specifiche.

Registri di manutenzione

Tenere un registro di tutte le attività di manutenzione effettuate è fondamentale. Questi registri servono non solo come documentazione per il Facility Management, ma anche come base dati per la pianificazione della manutenzione degli edifici futura. I registri di manutenzione sono documenti dettagliati che registrano tutte le attività di manutenzione eseguite sull’edificio e sulle sue componenti. Questi registri includono informazioni quali data dell’intervento, descrizione del problema, interventi eseguiti, materiali utilizzati e chiavi di lettura di apparecchiature come contatori energetici. Tenere aggiornati questi registri è essenziale per monitorare lo stato dell’edificio nel tempo, identificare tendenze di guasti ricorrenti e supportare decisioni di manutenzione future.

Programma di manutenzione preventiva

La prevenzione è meglio della cura. Un programma di manutenzione preventiva ti permette di identificare e affrontare i problemi prima che diventino catastrofi.

Un programma di manutenzione preventiva è una pianificazione sistematica di interventi periodici volti a prevenire il deterioramento e a mantenere in buone condizioni le strutture e gli impianti. Questo programma è basato su una valutazione accurata delle esigenze di manutenzione dell’edificio e dei suoi componenti. La manutenzione preventiva può includere ispezioni regolari, lubrificazione, pulizia, taratura di apparecchiature e sostituzione di componenti soggetti ad usura. L’obiettivo è intervenire prima che si verifichino guasti o degrado significativo, riducendo così il rischio di interruzioni impreviste e costose.

Per approfondire leggi anche Cos’è la manutenzione preventiva?.

Piano di emergenza

Un altro documento cruciale è il piano di emergenza. Avere un piano dettagliato per situazioni di crisi, come incendi o inondazioni, è fondamentale per la sicurezza delle persone e la tutela delle strutture. Un piano di emergenza è un insieme di procedure e protocolli da seguire in caso di situazioni di emergenza o crisi. Questo piano è importante per garantire la sicurezza degli occupanti dell’edificio e per minimizzare i danni materiali. Un piano di emergenza dovrebbe includere informazioni come vie di evacuazione, punti di raccolta, contatti per l’assistenza, procedure di comunicazione interna ed esterna, nonché le responsabilità di ciascun individuo coinvolto. Oltre alle situazioni di evacuazione, un piano di emergenza dovrebbe anche coprire incidenti come incendi, fughe di gas, allagamenti e minacce alla sicurezza.

Best practice per un Facility Management efficace

Un Facility Management (FM) efficace richiede l’applicazione di best practice che assicurino la massima efficienza operativa, il mantenimento delle strutture e la soddisfazione degli utenti. Ecco alcuni principi chiave da seguire per un FM di successo:

  • identificazione delle esigenze: prima di avviare qualsiasi attività di gestione delle strutture, è essenziale comprendere a fondo le esigenze degli occupanti, dei dipendenti e dell’organizzazione nel suo complesso. Questo permette di stabilire priorità, assegnare risorse in modo appropriato e garantire che il Facility Management sia allineato agli obiettivi strategici;
  • pianificazione strategica: intraprendere una pianificazione strategica che definisca gli obiettivi a lungo termine e le priorità del Facility Management. Questo aiuta a guidare le decisioni, l’allocazione delle risorse e l’identificazione delle aree di miglioramento;
  • utilizzo di strumenti tecnologici avanzati: l’adozione di strumenti tecnologici avanzati, come sistemi di gestione computerizzati (CMMS), software integrati con sensori IoT e software di monitoraggio energetico, offre una gestione delle strutture più efficiente ed efficace. Questi strumenti consentono il monitoraggio in tempo reale, la raccolta di dati, l’analisi predittiva e la pianificazione ottimizzata delle attività di manutenzione. I sistemi di gestione computerizzati (CMMS) e le piattaforme IoT possono migliorare la monitoraggio delle attività di manutenzione, ottimizzare l’uso delle risorse e prevedere interventi di manutenzione;
  • applicazione delle normative locali: la conformità alle normative locali, sia in termini di sicurezza che di sostenibilità, è di fondamentale importanza. I regolamenti variano da luogo a luogo, quindi è necessario assicurarsi che l’edificio e le operazioni di FM siano conformi a tutte le normative vigenti. Questo contribuisce a prevenire multe, sanzioni legali e garantisce un ambiente sicuro per gli occupanti;
  • manutenzione preventiva: implementare un programma di manutenzione preventiva ben strutturato. Questo aiuta a prevenire guasti, prolungare la vita utile delle apparecchiature e ridurre gli impatti negativi sulle operazioni;
  • valutazione della performance: monitorare costantemente l’efficacia delle operazioni di FM attraverso indicatori chiave di performance (KPI). Questi KPI possono riguardare la soddisfazione degli utenti, l’efficienza energetica, la percentuale di manutenzioni preventive rispetto a quelle correttive, ecc.;
  • formazione del personale: assicurarsi che il personale coinvolto nella gestione delle strutture sia adeguatamente formato per svolgere le attività in modo sicuro ed efficiente. La formazione costante li mantiene aggiornati sulle nuove tecnologie e le migliori pratiche;
  • sostenibilità: integrare principi di sostenibilità nell’FM. Questo può includere l’ottimizzazione dell’uso delle risorse, l’implementazione di pratiche di riciclo, l’uso di materiali ecologici e l’adozione di sistemi energetici efficienti;
  • collaborazione multidisciplinare: favorire la collaborazione tra diverse figure professionali coinvolte, come ingegneri, architetti, responsabili delle risorse umane e sicurezza. Una visione interdisciplinare migliora la gestione complessiva delle strutture;
  • feedback degli utenti: raccogliere regolarmente il feedback degli utenti dell’edificio. Questo può rivelare aspetti da migliorare e aiuta a mantenere un alto livello di soddisfazione.
  • miglioramento continuo: implementare un ciclo di miglioramento continuo. Analizzare le performance passate, identificare aree di inefficienza e adottare soluzioni migliorative per ottimizzare costantemente l’FM.

Seguendo queste best practice ed organizzando al meglio i documenti del Facility Management, le organizzazioni possono garantire una gestione efficiente, che soddisfa le esigenze degli occupanti, preserva le risorse e contribuisce al successo complessivo dell’organizzazione.

Strumenti per il Facility Management

Nell’era moderna, l’evoluzione tecnologica ha portato a una serie di strumenti avanzati che rivoluzionano il modo in cui il Facility Management (FM) viene condotto. L’utilizzo di queste tecnologie non solo semplifica le operazioni, ma consente anche una gestione più efficiente e basata sui dati delle strutture. Ecco alcuni strumenti chiave per il Facility Management:

  • sistemi di gestione computerizzati (CMMS): i CMMS sono piattaforme software che consentono la gestione centralizzata delle attività di manutenzione. Questi strumenti permettono di pianificare, monitorare e registrare le attività di manutenzione, semplificando la gestione delle risorse e ottimizzando i tempi di intervento;
  • Internet of Thing (IoT): la tecnologia IoT coinvolge l’uso di sensori e dispositivi connessi per raccogliere dati in tempo reale, utilizzando una piattaforma di BIM IoT. Nel Facility Management, gli apparecchi IoT possono monitorare parametri come temperatura, umidità, consumo energetico e altro ancora. Questi dati sono utilizzati per il monitoraggio delle prestazioni, la manutenzione predittiva e l’ottimizzazione delle risorse;
  • software di gestione energetica: questi software consentono la misurazione e l’analisi dei consumi energetici dell’edificio. Monitorare l’uso dell’energia aiuta a identificare sprechi, ottimizzare i sistemi di riscaldamento e raffreddamento e ridurre i costi operativi;
  • Building Information Modeling (BIM): il BIM è un approccio che utilizza modelli digitali 3D per progettare, costruire e gestire le strutture durante il loro intero ciclo di vita. Nel FM, il BIM offre una rappresentazione dettagliata dell’edificio e delle sue componenti, semplificando la manutenzione, le ispezioni e le modifiche. Permette inoltre, ti mantenere sempre aggiornato e consultabile il modello 3D e le informazioni ad esso associate;
  • soluzioni di monitoraggio dei servizi: queste soluzioni consentono il monitoraggio e la gestione dei servizi all’interno dell’edificio, come la pulizia e la manutenzione degli impianti. Aiutano a garantire che le attività siano svolte in conformità con gli standard e i tempi prestabiliti;
  • applicazioni mobile: le app mobili per il FM consentono al personale sul campo di accedere a informazioni importanti, registrare interventi, caricare foto e comunicare direttamente con il team. Questo migliora la comunicazione e accelera i processi di manutenzione;
  • analisi dei dati e intelligenza artificiale: l’analisi dei dati e l’intelligenza artificiale consentono di estrarre informazioni significative dai dati raccolti, identificare modelli e tendenze, nonché supportare decisioni strategiche più informate.
Energy Management Dashboard

Energy Management Dashboard

L’utilizzo di questi strumenti per il Facility Management consente di passare da un approccio reattivo a uno più proattivo e basato sui dati. L’automazione, la previsione e la gestione ottimizzata delle risorse migliorano l’efficienza, riducono i costi e contribuiscono al successo a lungo termine delle strutture.

Tipologie di software

Esistono vari tipi di software per il Facility Management che aiutano anche nella gestione dei documenti del Facility Management, da quelli per la gestione delle risorse energetiche a quelli per la gestione delle aree verdi. L’importante è trovare quello più adatto alle esigenze.

Pianificazione della manutenzione degli edifici

La pianificazione della manutenzione degli edifici è un processo strategico e sistematico che mira a garantire il corretto funzionamento, la sicurezza e la durata a lungo termine delle strutture. Questo processo coinvolge la programmazione delle attività di manutenzione preventive e correttive, la gestione delle risorse e la raccolta di dati per un miglioramento continuo. Una pianificazione accurata può aumentare l’efficienza operativa, ridurre i costi e minimizzare le interruzioni impreviste.

Importanza della pianificazione

La pianificazione è un pilastro fondamentale nella gestione efficace della manutenzione degli edifici. Essa comporta la creazione di una strategia organizzata e ben strutturata per affrontare le sfide legate alla manutenzione, garantendo il funzionamento ottimale delle strutture nel tempo. Ecco alcuni motivi chiave che sottolineano l’importanza della pianificazione nella manutenzione degli edifici:

  • prevenzione di guasti e degrado;
  • prolungamento della vita utile;
  • minimizzazione dei ritardi e dei tempi di inattività;
  • ottimizzazione delle risorse;
  • miglioramento della sicurezza;
  • miglioramento dell’efficienza energetica;
  • miglioramento della soddisfazione degli utenti;
  • conformità alle previsioni normative;
  • previsione dei costi.

Conclusioni

In breve, una gestione efficace delle strutture richiede documenti del Facility Management adeguati, l’applicazione di best practice e l’utilizzo di strumenti tecnologici avanzati.

 

usbim-maint
usbim-maint
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *