BIM e sicurezza

Disegno del ponteggio: tutto su tipologie e soluzioni innovative

Come si disegna un ponteggio? Quali sono le tipologie disponibili? Come sceglierle? Ecco la guida tecnica che ti aiuta passo passo

I ponteggi esistono da moltissimo tempo, forse fin da quando l’uomo ha cominciato a costruire in elevazione. Da allora, tali strutture hanno contribuito alla possibilità di espressione nell’architettura di diverse generazioni.

Prima dell’innovazione rappresentata dall’introduzione dei tubi di metallo nei primi anni del 1900, i ponteggi facevano ampio ricorso a rami, assi di legno o bambù, collegati con funi, chiodi e articolati giochi di incastro. Questi sistemi rudimentali, seppur efficaci, richiedevano una maestria artigianale considerevole nella loro costruzione.

In questo articolo scopriremo le diverse tipologie di ponteggio, le soluzioni più innovative e tutti i vantaggi legati all’utilizzo di specifici software per la progettazione dei ponteggi, con tutti gli aspetti legati alla sicurezza, alla documentazione prevista per il montaggio, l’uso e lo smontaggio, le verifiche tecniche.

Disegno di un ponteggio realizzato con CerTus-PN

Cosa sono i ponteggi?

Il ponteggio, conosciuto anche come impalcatura, costituisce una componente fondamentale nell’ambito delle costruzioni, rappresentando una struttura reticolare temporanea con impalcati. La sua importanza è cruciale in ogni contesto in cui si svolgono lavori in quota, definiti come attività condotte a un’altezza superiore a 2 metri. La principale finalità del ponteggio è prevenire la caduta di persone e materiali dall’alto, garantendo un ambiente di lavoro sicuro ed efficiente.

La struttura del ponteggio può essere realizzata utilizzando una varietà di materiali, tra cui legno, alluminio e acciaio, in base alle esigenze specifiche del progetto. Posizionato attorno all’edificio, il ponteggio svolge un ruolo cruciale nel supportare il posizionamento di materiali e nel facilitare l’accesso degli operai alle diverse parti della struttura. La sua versatilità e adattabilità lo rendono uno strumento indispensabile per ottimizzare il progresso dei lavori edili.

La sicurezza riveste un ruolo preminente nell’utilizzo dei ponteggi, e la loro installazione richiede competenze specializzate. È essenziale che il processo di allestimento sia supervisionato da figure professionali in grado di garantire una realizzazione impeccabile, seguendo il progetto fornito da un tecnico abilitato. Questo approccio non solo assicura la corretta funzionalità del ponteggio, ma soprattutto salvaguarda l’incolumità degli operatori che vi lavorano. Tutto questo deve essere già previsto in fase di progetto e dettagliato con un disegno del ponteggio in modo tale da limitare al massimo i rischi.

Il disegno del ponteggio

Il disegno del ponteggio si riferisce ai disegni tecnici e ai piani di progettazione per le strutture di sostegno utilizzate nelle costruzioni.

Per ottenere un risultato ottimale è importante considerare i seguenti aspetti:

  • Scopo: Il disegno del ponteggio è fondamentale per garantire la sicurezza e la stabilità dei ponteggi durante i lavori di costruzione o manutenzione.
  • Componenti: Questi disegni includono tipicamente dettagli dei componenti del ponteggio, come telai, diagonali, piattaforme e le loro connessioni, fornendo una visione completa della progettazione del ponteggio.
  • Regolamenti: Un disegno esecutivo del ponteggio è necessario per i progetti di ponteggi. Questo disegno deve essere redatto da un tecnico qualificato ed è una parte essenziale per garantire la conformità alle normative sulla sicurezza.
  • Software: Esistono strumenti software specializzati che agevolano la creazione di disegni di ponteggi, calcoli e la preparazione dei documenti PiMUS (Piano di Montaggio e Uso Sicuro), che sono essenziali per la conformità alla sicurezza.
  • Proiezioni: Il disegno del ponteggio dovrebbe includere proiezioni che mostrano come il ponteggio verrà allestito sul cantiere, sia su piani che su prospetti. Nel caso si costruisca il modello BIM del ponteggio tutti gli elaborati 2D del disegno possono essere ottenuti dal modello 3D.
  • Servizi Professionali: Molte aziende offrono servizi relativi alla progettazione dei ponteggi e possono fornire disegni e relazioni di calcolo per i ponteggi al fine di garantire la sicurezza e la conformità alle normative.

In sintesi, il disegno del ponteggio  è un disegno tecnico e un piano di progettazione per le strutture di sostegno dei ponteggi, fondamentale per garantire la sicurezza e la conformità alle normative nei progetti di costruzione. Dovrebbe essere preparato da professionisti qualificati e potrebbe coinvolgere strumenti software specializzati.

Qual è la distinzione tra il disegno e la progettazione di un ponteggio?

La differenza fondamentale è che il disegno del ponteggio è sempre obbligatorio e spetta al Capo Cantiere realizzarlo, mentre la progettazione è affidata a un ingegnere o architetto iscritto all’albo professionale.

In quale situazione è richiesta la realizzazione del progetto per il ponteggio?

La necessità di redigere tale documento sussiste in ogni cantiere in cui si utilizza un ponteggio per condurre i lavori. La responsabilità della sua elaborazione ricade sul datore di lavoro, il quale deve valutare attentamente la complessità del ponteggio impiegato e considerare le condizioni di sicurezza, come stabilito dall’articolo 136 del decreto legislativo 81/08.

Chi è responsabile della firma del disegno esecutivo del ponteggio?

La firma spetta al tecnico abilitato per la progettazione del ponteggio. Per quanto riguarda la firma del PiMUS, essa può essere apposta da diverse figure, tra cui il preposto alla sicurezza con esperienza, il RSPP (Responsabile del Servizio di Prevenzione Protezione) e l’ASPP (Addetto al Servizio di Prevenzione Protezione).

Quali documenti devono essere sempre presenti durante l’installazione di un ponteggio?

È essenziale che siano inclusi i seguenti documenti:

  • Libretto e Autorizzazione ministeriale.
  • Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio ponteggi (Pi.M.U.S.).
  • Disegno esecutivo del ponteggio.
  • Progetto (disegno esecutivo con relazione di calcolo).
  • Registro di Controllo.
  • Documentazione di cantiere: ponteggi e castelli di carico.

Disegno Esecutivo nei Ponteggi: contenuti e finalità

Il disegno esecutivo dei ponteggi rappresenta un elemento cruciale nel garantire la sicurezza e la corretta esecuzione delle operazioni edili. Questo documento, generalmente preparato da un ingegnere o un architetto abilitato, svolge un ruolo fondamentale nell’assicurare la conformità del ponteggio alle normative vigenti. La sua importanza è evidente sia nei casi in cui è richiesto un progetto completo, come per i ponteggi di altezza superiore a 20 metri o quelli per i quali non sono disponibili configurazioni strutturali specifiche, sia quando si tratta di ponteggi che rientrano negli schemi-tipo esentati dal progetto.

In presenza di un progetto, il disegno esecutivo deve essere firmato dall’ingegnere o dall’architetto incaricato e deve contenere tutti gli elementi necessari per definire il ponteggio in termini di carichi, sollecitazioni e dettagli esecutivi. Al contrario, quando non è richiesto un progetto, il disegno esecutivo deve almeno includere informazioni cruciali come i sovraccarichi massimi per metro quadrato di impalcato e l’indicazione degli appoggi e degli ancoraggi.

L’elaborato grafico deve rispettare le convenzioni grafiche standard e deve essere rappresentato a scala adeguata, garantendo una comprensione completa della configurazione del ponteggio. Parti come piante, prospetti e sezioni devono essere chiaramente rappresentate, evidenziando sia le parti sezionate sia quelle in proiezione. La quotatura è un aspetto essenziale del disegno, che fornisce informazioni dettagliate sulle dimensioni dell’oggetto rappresentato.

L’uso della tecnologia BIM (Building Information Model) può semplificare notevolmente la preparazione del disegno esecutivo, consentendo la creazione di modelli tridimensionali dettagliati e la generazione automatica di documenti correlati come il Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio (Pi.M.U.S.) e il calcolo di resistenza e stabilità, se necessario. Inoltre, i moderni software di modellazione consentono una visualizzazione 3D completa del ponteggio, facilitando il controllo e la diagnostica degli errori.

È importante sottolineare che la mancanza, la carente elaborazione o la non-esibizione del disegno esecutivo possono comportare sanzioni penali, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo n. 81/2008 e successive modifiche. Pertanto, la corretta preparazione e la disponibilità del disegno esecutivo sono fondamentali per garantire la sicurezza e la legalità nei cantieri edili.

Le tipologie dei ponteggi

La scelta della tipologia di ponteggio rappresenta una decisione cruciale, legata a diversi fattori specifici del cantiere, dell’opera e dello spazio disponibile. Le principali tipologie di ponteggi includono:

  • ponteggi a tubi e giunti,
  • ponteggi a telai prefabbricati,
  • ponteggi a montanti,
  • ponteggi traversi prefabbricati,

ciascuna con caratteristiche uniche e applicazioni specifiche.

Ponteggi a tubi e giunti

Il ponteggio a tubi e giunti rappresenta una delle soluzioni più antiche, caratterizzata dal collegamento di tubi attraverso giunti, creando una struttura altamente modulare e flessibile. La sua storia radicata si manifesta nella sua ampia versatilità, che, tuttavia, si accompagna a diversi aspetti critici.

Questo sistema consente il collegamento di tubi di varie lunghezze, offrendo la possibilità di adattare la struttura a qualsiasi facciata o manufatto. La sua flessibilità intrinseca lo rende adatto a una vasta gamma di applicazioni, comprese costruzione, restauro, industria navale ecc.

Vantaggi

  1. Elevata flessibilità: la modularità del sistema consente un’adattabilità straordinaria a varie forme di facciate o manufatti.
  2. Adattabilità dimensionale: la possibilità di collegare tubi di diverse lunghezze consente di lavorare in posizioni variabili.

Svantaggi

  1. Tempi lunghi di montaggio: il processo di assemblaggio richiede tempi prolungati a causa della necessità di connettere numerosi pezzi.
  2. Manodopera specializzata: l’installazione richiede personale altamente specializzato per garantire una corretta esecuzione.
  3. Costi complessivi elevati: nonostante il costo d’acquisto del ponteggio sia inizialmente basso, il montaggio risulta dispendioso, influenzando i costi complessivi.

Progetto di un ponteggio realizzato con CerTus-PN

Ponteggi a telai prefabbricati

Il ponteggio a telai prefabbricati rappresenta una soluzione costruttiva costituita da telai metallici standard di altezza e profondità predefinite, sui quali vengono fissati assi e parapetti. Questo sistema è noto per la sua rapidità di montaggio e costi contenuti, tuttavia, la sua limitata flessibilità lo rende più adatto a strutture lineari e meno complesse. L’integrazione con pezzi di tubo e giunto può essere necessaria per configurazioni specifiche.

Il ponteggio a telai prefabbricati trova il suo impiego prediletto nelle ristrutturazioni e nelle costruzioni poste su terreni regolari e non accidentati. La sua struttura predefinita limita la possibilità di adattarsi a configurazioni irregolari, motivo per cui spesso richiede integrazioni aggiuntive mediante tavole di legno o tubi giunti.

Vantaggi

  1. Facilità e velocità di montaggio: la predisposizione dei telai prefabbricati consente un assemblaggio rapido, riducendo notevolmente i tempi di montaggio.
  2. Costi contenuti: rispetto ad altre tipologie di ponteggi, questa soluzione offre un vantaggio economico significativo.

Svantaggi

  1. Limitata flessibilità: la struttura a moduli con misura fissa impedisce infinite configurazioni, rendendolo meno adattabile a strutture irregolari.
  2. Necessità di integrazioni aggiuntive: per superare limitazioni strutturali, possono essere richieste tavole di legno o tubi aggiuntivi.

Ponteggi a montanti e traversi prefabbricati (multidirezionali)

Il ponteggio a montanti e traversi prefabbricati, comunemente noto come ponteggio multidirezionale, costituisce una soluzione avanzata che fonde la flessibilità del sistema a tubi e giunti con la velocità di montaggio tipica dei telai prefabbricati. Questo sistema si distingue per la sua capacità di adattarsi a superfici irregolari e complesse, rendendolo particolarmente adatto per ristrutturazioni complesse e costruzioni con facciate non lineari.

Il processo di assemblaggio di questo ponteggio implica il collegamento di tubi metallici verticali a dischetti perforati, offrendo la flessibilità necessaria per connettere tubi orizzontali e diagonali di diverse misure. Questa configurazione lo posiziona idealmente a metà strada tra i telai prefabbricati e il sistema a tubi e giunti, combinando le loro migliori caratteristiche.

Vantaggi

  1. Flessibilità e adattabilità dimensionale: il ponteggio multidirezionale offre un’elevata versatilità, consentendo di adattarsi facilmente a varie configurazioni architettoniche.
  2. Semplicità e rapidità di montaggio: rispetto ad altre soluzioni, il processo di assemblaggio è più rapido, contribuendo a ridurre i tempi operativi complessivi.

Svantaggi

  1. Costi di acquisto superiori: l’innovazione e la complessità della struttura portano a costi iniziali più elevati rispetto ad alcune tipologie di ponteggi.
  2. Richiede manodopera specializzata: il montaggio richiede competenze specializzate, aumentando la dipendenza da manodopera altamente qualificata.
  3. Documentazione e autorizzazioni: come per ogni tipo di ponteggio, è richiesta una vasta documentazione e autorizzazioni per garantirne la sicurezza e la conformità normativa.

Visualizzazione in 3D di un ponteggio

Soluzioni innovative: ponteggi elettrici per lavori verticali

Nei moderni contesti edilizi, accanto alle tipologie tradizionali di ponteggi, emergono soluzioni innovative che rivoluzionano il concetto di accesso alle superfici verticali. In particolare, i ponteggi elettrici si distinguono per la loro mobilità lungo la facciata, offrendo soluzioni flessibili e versatili per una vasta gamma di applicazioni. Tra le principali categorie si annoverano quelli sospesi su funi, auto-sollevanti e le piattaforme aeree autogru.

Ponteggio mobile

Questa tipologia di ponteggio è costituita da gruppi di sollevamento elettrici collegati a moduli verticali (traliccio colonna) ed elementi orizzontali (travi). La sua struttura modulare consente dimensioni flessibili, con l’opzione di un singolo gruppo di sollevamento (monocolonna) o due gruppi (bicolonna) per piattaforme più lunghe. La versatilità di questa soluzione permette di lavorare su strutture irregolari, grazie a parti telescopiche e piani di lavoro addizionali.

Vantaggi

  • Conformità alle norme europee, garantendo sicurezza e velocità nel montaggio/smontaggio.
  • Trasporto sicuro di persone e materiali.
  • Comando elettrico per movimentazione senza sforzo.
  • Elevata precisione nella posizione di lavoro.
  • Accesso a altezze considerevoli con costi di montaggio proporzionalmente bassi.

Svantaggi

  • Non ottimale per strutture piccole e basse.
  • Limitato adattamento a forme irregolari.
  • Necessità di carico/scarico da camion per i gruppi di sollevamento.

Ponteggio sospeso con funi

Questi ponteggi si compongono di piattaforme modulari sostenute da funi e azionate da argani elettrici. Richiedono una superficie piana (solitamente sul tetto) per l’installazione della struttura di supporto (travi, contrappesi e fissaggi).

Vantaggi

  • Montaggio rapido senza ancoraggi.
  • Peso leggero della piattaforma.
  • Adatti a raggiungere altezze e strutture complesse.
  • Soluzione ideale quando il montaggio dal basso è difficile.

Svantaggi

  • Richiedono manodopera esperta.
  • Limitazioni in carichi e lavorazioni ad alta pressione.

Come fare il disegno di un ponteggio

Dopo aver spiegato cosa sono i ponteggi e quali sono le diverse tipologie, puoi vedere un video che ti mostra come operare facilmente con un software per progettare ponteggi. Inoltre ti consiglio anche di vedere gli altri video tutorial che ti aiuteranno passo passo a disegnare i tuoi ponteggi in maniera semplice e sicura.

 

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Decreto PNRR 4: novità su sicurezza e incentivi per digitalizzazione e svolta green

Patenti a punti, credito di imposta per investimenti digitali ed energetici, controlli sui cantieri superbonus:…

19 Aprile 2024

Sostituzione infissi: edilizia libera o titolo abilitativo?

La sostituzione di infissi è edilizia libera? Guida normativa, agevolazioni fiscali, obblighi e suggerimenti pratici…

18 Aprile 2024

Distanza tra pareti finestrate. E se tra le pareti insiste un altro fabbricato?

La Cassazione ribadisce che la distanza tra pareti finestrate va rispettata sulle intere facciate, anche…

18 Aprile 2024

Inarcassa e sospensione dall’Albo: nuove regole in arrivo

La sospensione dall'Albo per un anno non comporta la cancellazione dalla Cassa. Cosa cambia per…

18 Aprile 2024

Bilancio di esercizio: cos’è? Ecco un esempio

Tutto sul bilancio di esercizio: definizione, tipologie, composizione e file di esempio (altro…)

18 Aprile 2024

Relazione a struttura ultimata: cos’è e quando si fa

Cos'è e quando si fa la relazione a struttura ultimata: ecco il modello PDF da…

18 Aprile 2024