Home » BIM Topic » BIM e architettura » Design biofilico: la sintesi perfetta tra natura e architettura

Design biofilico

Design biofilico: la sintesi perfetta tra natura e architettura

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Ecco come il design biofilico può migliorare il tuo benessere. Idee innovative per un ambiente più sano e armonico

L’architettura contemporanea è chiamata a rispondere a sfide sempre più complesse, dall’eco-sostenibilità alla costruzione di città verticali e strutture in grado di resistere a condizioni climatiche estreme. In questo contesto, molti professionisti si stanno rivolgendo a un elemento essenziale e universale: la natura. Questa esperienza è al centro del design biofilico, un approccio innovativo all’architettura e al design che cerca di portare la natura negli ambienti interni, creando spazi armonici e salutari. In questo articolo esploreremo cos’è il design biofilico, cosa implica e quali sono i motivi del suo crescente successo, vedremo alcuni progetti realizzati in Italia, come incorporarlo nei progetti edilizi e i vantaggi che offre.

Se desideri anche tu incorporare il design biofilico in un tuo progetto edilizio devi affidarti ad un software di progettazione architettonica 3D che coniughi bene architettura, interior design e progettazione del verde.

sede acca interni - design biofilico

sede ACCA – interni

Cosa è il design biofilico?

Per comprendere appieno il design biofilico, dobbiamo tornare alle sue radici nella ‘biophilia’, o ‘amore per la natura’, concetto introdotto per la prima volta da Erich Fromm, uno psicanalista che sosteneva l’esistenza di un legame innato tra l’essere umano e la natura stessa. Il design biofilico è un approccio che mira a creare spazi interni ispirati dalla bellezza e dalla funzionalità dei sistemi naturali. Si basa sull’idea che, incorporando elementi naturali negli ambienti in cui viviamo e lavoriamo, possiamo migliorare il benessere fisico e mentale. Questo design si concentra sulla creazione di connessioni tra le persone e l’ambiente che le circonda. L’obiettivo è quello di creare un equilibrio tra il nostro ambiente costruito e il mondo naturale, portando la natura dentro le pareti degli edifici.

Caratteristiche del design biofilico

Il design biofilico si basa su diversi principi, tutti volti a ricreare i meccanismi naturali in cui l’essere umano è originariamente immerso. Stephen Kellert, uno dei pionieri di questo approccio, li ha definiti nei seguenti modi:

  1. Luce: La luce naturale influenza il comfort e il benessere delle persone. Il design biofilico promuove l’uso di ampie lucernari e finestre che contribuiscono a un ambiente luminoso.
  2. Piante: Le piante sono essenziali per ridurre lo stress, favorire la produttività e migliorare il benessere fisico. Nel design biofilico, la vegetazione è integrata sia negli interni che negli esterni degli edifici.
  3. Animali: L’interazione con gli animali viene ricreata tramite l’uso di acquari o giardini, promuovendo la stimolazione mentale e la calma.
  4. Paesaggi naturali: Il design biofilico crea paesaggi naturali sfruttando ampie vedute o giardini per aumentare il benessere degli occupanti.
  5. Tempo meteorologico: Permettere agli occupanti di osservare le condizioni meteorologiche contribuisce alla loro consapevolezza e stimolazione mentale attraverso ampie finestre.
  6. Aria: Il design biofilico assicura che gli occupanti percepiscano la temperatura, l’umidità e la ventilazione dell’ambiente in modo costante.
  7. Acqua: L’uso di corpi d’acqua, come fontane e acquari, contribuisce a ridurre lo stress e favorire la produttività.
  8. Fuoco: L’elemento fuoco, se incorporato con attenzione, può rendere l’ambiente piacevole procurando calore, vivacità e movimento.

Tutti questi elementi si integrano con materiali naturali, colori ispirati alla natura e immagini di paesaggi, creando un ambiente armonioso.

Benefici del design biofilico nell’architettura e nell’edilizia

Il design biofilico non offre solo vantaggi per la salute e il benessere degli occupanti, ma si estende anche a vantaggi ambientali ed economici. Elementi vegetativi come piante e alberi possono ridurre le emissioni totali degli edifici, mentre strade alberate riducono il calore assorbito dalla superficie stradale. Dal punto di vista economico, il design biofilico può aumentare le vendite nei negozi e favorire la produttività sul luogo di lavoro. Inoltre, può contribuire a ridurre i tassi di criminalità in alcune situazioni. Dal punto di vista della salute, questa pratica sembra ridurre la depressione e il dolore dei pazienti ricoverati in ospedale, accelerando la guarigione.

Il design biofilico come approccio innovativo

La progettazione biofilica è molto più di una tendenza; è un approccio innovativo che si integra perfettamente con la progettazione sostenibile. Questo approccio mette l’accento sull’importanza di rispettare l’ambiente naturale, non solo nella costruzione, ma anche nell’uso quotidiano degli spazi. Integrando elementi naturali, come piante e illuminazione naturale, nella progettazione, possiamo ridurre l’impatto ambientale degli edifici e migliorare la qualità della vita delle persone.

Progettare con il design biofilico: linee guida

Per incorporare il design biofilico in un progetto edilizio, ci sono alcune linee guida utili da seguire. Spazio quindi ai colori della natura, tonalità chiare che ricordano la natura circostante, come i verdi delle foglie o i toni terrosi della terra. Materiali naturali come il legno e i tessuti grezzi possono essere utilizzati per creare una sensazione di calore e comfort. Inoltre, l’illuminazione naturale è essenziale. Grandi vetrate e l’uso intelligente della luce solare possono migliorare notevolmente la qualità degli spazi interni.

La progettazione biofilica può essere organizzata in tre categorie: Natura nello spazio, Analoghi naturali e Natura dello spazio, fornendo un contesto per comprendere e consentire l’inserimento ponderato di una ricca diversità di strategie nell’ambiente costruito.

  1. La Natura nello Spazio: rientrano in questa categoria le caratteristiche percettive di un ambiente quali le viste su elementi naturali e la qualità della luce naturale, così come le  caratteristiche che portano negli spazi interni elementi naturali quali l’acqua o le piante
  2. Analogie della  Natura: portare negli ambienti evocazioni indirette della natura quali materiali naturali, colori, oggetti, forme e immagini
  3. La Natura dello Spazio: sono le caratteristiche dello spazio che influenzano la percezione umana e possono influire sul sistema nervoso autonomo quali “la prospettiva”, ovvero una vista senza ostacoli, “il rifugio” inteso come luogo per ritirarsi dalle principali attività e staccare la spina, e il “mistero”, cioè angoli dello spazio abitato che possono stimolare la curiosità.

I 14 pattern del design biofilico

Le quattordici caratteristiche (pattern) basate su ricerche scientifiche e ritenute necessarie per realizzare ambienti biofilici basandosi su ricerche scientifiche sono:

Natura nello spazio

  • Connessione visiva con la natura
  • Connessione non visiva con la natura
  • Stimoli sensoriali non ritmici
  • Variabilità termica e del flusso d’aria
  • Presenza d’acqua
  • Luce dinamica e diffusa
  • Connessione con i sistemi naturali

Analoghi naturali

  • Forme e pattern biomorfici
  • Connessione materiale con la natura
  • Complessità e ordine

Natura dello spazio

  • Prospettiva
  • Rifugio
  • Mistero
  • Rischio/Pericolo

Esempi di applicazione del design biofilico

Il design e l’architettura biofilica stanno gradualmente trovando più impiego in Italia, a fronte dei numerosi benefici che offrono. Esempi celebri di applicazione sono:

il Bosco Verticale a Milano, famoso complesso di torri progettato da Stefano Boeri che ospita oltre 800 alberi, 5.000 arbusti e 15.000 piante, tutti distribuiti in base all’esposizione degli edifici rispetto alla luce solare. La vegetazione delle due torri permette di assorbire polveri sottili e CO2, producendo al contempo ossigeno e umidità.

la Balena di Guastalla, un asilo nido progettato per stimolare i sensi dei bambini attraverso il design. Una struttura su un unico livello con ampie vetrate che favoriscono l’illuminazione naturale, mentre i numerosi pannelli in legno lamellare creano uno spazio accogliente.  L’ambiente è ricco di stimoli sensoriali come forme, colori e odori, che offrono ai bambini numerosi spunti creativi. (Leggi l’articolo e vedi la ricostruzione del progetto)

progetti di edifici scolastici

progetti di edifici scolastici – ispirato al progetto asilo nido La Balena – MC Architects – interno – rendering realizzato con Edificius

Altro esempio di applicazione di design biofilico è rappresentato dalla sede di ACCA software, un edificio in armonia con il territorio, autosufficiente ed a energia zero, in grado di garantire la sostenibilità ambientale delle attività e l’energia necessaria per il mantenimento delle condizioni interne di benessere.

Sede-ACCA

Impatto sul benessere in casa

In casa, il design biofilico può avere un impatto significativo sulla qualità della vita. Incorporando piante e luce naturale, è possibile creare un ambiente accogliente e ristoratore. Le pareti possono essere decorate con carta da parati ispirata alla natura, e la camera da letto può accogliere piante che influenzano positivamente la qualità del sonno. Questo approccio trasforma la casa in un luogo di positività e serenità, in cui la natura è parte integrante della vita quotidiana.

Luce naturale e materiali

La luce del sole è un elemento chiave del design biofilico. Purtroppo, molte case non dispongono di illuminazione naturale sufficiente. In questi casi, carte da parati luminose possono contribuire a illuminare gli spazi. I materiali naturali, come il legno e i tessuti grezzi, migliorano la qualità dell’aria e contribuiscono a un’atmosfera salutare.

Conclusioni

Il design biofilico è molto più di una tendenza estetica; è un approccio che promuove il benessere delle persone attraverso la connessione con la natura. Incorporando elementi naturali negli ambienti interni, possiamo ridurre lo stress, migliorare la salute e creare spazi che rispecchiano la nostra connessione innata con il mondo naturale. Quindi, se stai progettando un nuovo edificio o semplicemente vuoi migliorare il tuo ambiente, considera il design biofilico come un approccio che può fare la differenza nella tua vita quotidiana. E non dimenticare di esplorare le potenzialità di Edificius, software di progettazione architettonica 3D, per implementare queste idee in modo efficace e innovativo.

 

edificius
edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *