Home » Notizie » Opere edili » Dehors e distanze legali: deve rispettarle?

Dehors e distanze legali

Dehors e distanze legali: deve rispettarle?

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

CdS: il dehors costituisce attrezzatura a servizio dell’attività commerciale, per cui non deve rispettare le distanze legali

Possiamo considerare il dehors (struttura ombreggiante per la ristorazione all’aperto) una costruzione riconosciuta giuridicamente a tutti gli effetti?

Abbiamo già parlato di questa tipica struttura che spesso scorgiamo all’aperto, nei pressi di un’attività commerciale dedita alla ristorazione. Questa volta analizzeremo una sentenza del Consiglio di Stato, la n. 304/2023, che tratta i dehors e il rispetto delle distanze legali tra costruzioni.

Dehors: arredo o costruzione?

Alcuni residenti di un fabbricato condominiale impugnavano presso il Tar Lazio il permesso di costruire rilasciato dal Comune per l’allestimento di un dehors al servizio di un bar sito al piano strada del fabbricato, proprio in corrispondenza dei loro soprastanti appartamenti di proprietà.

Si trattava di una struttura a forma di parallelepipedo:

  • di dimensioni approssimative di circa 7,70 x 2,50 metri e della superficie complessiva di 19,40 m²;
  • realizzata in profilati di metallo, dotata di una copertura di tela impermeabile e di pareti laterali costituite da teli di plastica trasparente;
  • posizionata a una distanza variabile da 1,77 a 2.00 m dall’edificio che ospita il bar e gli appartamenti dei ricorrenti.

I ricorrenti lamentavano, quindi, la violazione delle distanze legali (D.M. n. 1444/1968).

Inserire un progetto in un contesto reale non è operazione facile data la quantità di norme e regolamenti da rispettare, tra cui le distanze legali tra costruzioni, ma oggi desidero consigliarti il software per la progettazione architettonica BIM in grado di rappresentare velocemente le possibili soluzioni progettuali con una drastica riduzione di possibili errori.

La decisione del Tar sul dehors

Il Tar respingeva il ricorso, ritenendo che il permesso di costruire fosse stato motivato in modo congruo con riferimento al disciplinare del vigente Piano di arredo urbano, non impugnato dagli interessati. In breve, la struttura così assentita sarebbe stata non una costruzione vera e propria, che come tale sarebbe stata soggetta al regime delle distanze legali, ma piuttosto un’attrezzatura speciale, che invece non era soggetta alla verifica dei distacchi dal confine e dalle altre costruzioni.

La questione trovava il suo epilogo in ricorso in appello presso Palazzo Spada.

La sentenza del CdS: il dehors non può essere considerato come costruzione vera e propria in senso giuridico

In primo luogo, i giudici chiariscono che la struttura in discussione:

non va qualificata come costruzione vera e propria in senso giuridico, ma costituisce, come affermato correttamente dal giudice di I grado, un’attrezzatura speciale a servizio di attività commerciale, nel caso concreto del bar dei controinteressati.

La categoria in questione è legittimata dal combinato disposto dei punti (e.5) ed (e.6) del comma 1 dell’art. 3 (Definizione degli interventi edilizi) del TUE (D.P.R. 380/2001):

  • il punto (e.5) include tra le nuove costruzioni gli “ambienti di lavoro”, specificando che gli stessi possono essere costituiti anche da prefabbricati o strutture di qualsiasi genere;
  • il punto (e.6) stabilisce che ricade nella potestà regolatoria dei comuni l’individuazione delle pertinenze ai fini urbanistici, sottratte alla disciplina delle nuove costruzioni, con il limite per cui esse non devono superare il 20% del volume dell’edificio principale.

È quindi possibile realizzare una struttura di questo tipo, rispettando non le distanze di cui al D.M. 1444/1968, ma quelle stabilite in concreto per la categoria dal Comune interessato.

Nel caso in esame, non risulta che le distanze previste dal Piano dell’arredo urbano, come tale non impugnato, siano state violate, e quindi il permesso è stato legittimamente rilasciato.

In secondo luogo, la non necessità di rispettare le distanze di cui al D.M. 1444/1968 risulta in base ad un’altra ragione, trattandosi, come non è controverso, di costruzione realizzata sul suolo pubblico, che a tale normativa non è soggetta per giurisprudenza costante.

Per concludere, i giudici evidenziano che la possibilità di realizzare un dehors su suolo pubblico è poi espressamente prevista dal disciplinare al Piano, che nell’ipotesi subordina semplicemente la realizzazione del manufatto al rilascio dell’autorizzazione ad occupare il suolo pubblico stesso, autorizzazione di cui nemmeno è stata dedotta la mancanza.

Il ricorso non è, quindi, accolto.

 

Per maggiore approfondimento, leggi anche questi articoli di BibLus-net: “Dehor e decoro urbano: c’è differenza tra vetro e pvc?

 

 

 

edificius
edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *