Dal Ministero del Lavoro primi chiarimenti sull’ applicazione della L. 123/2007 (Legge delega)

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, con la lettera circolare n. 25/I/0010797 del 22 agosto 2007, fornisce i primi importanti chiarimenti sulla L. n. 123/2007.

Il Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, con la lettera circolare n. 25/I/0010797 del 22 agosto 2007, fornisce i primi importanti chiarimenti sulla L. n. 123/2007 “Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia”.
In particolare il Ministero si sofferma sul nuovo provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale previsto dall’art. 5 della citata legge delega.
Tale articolo prevede che il personale ispettivo può procedere alla sospensione dell’attività imprenditoriale in tutti i settori produttivi.
Questa misura interdittiva, che era già stata introdotta dall’art. 36-bis, L. n. 248/2006 per il settore edile, diviene così applicabile a tutte le attività imprenditoriali.
La circolare precisa che il provvedimento di sospensione comporta l’immediata cessazione dell’attività dell’impresa, limitatamente alla “specifica unità produttiva”, rispetto alla quale vanno verificati i presupposti di applicazione e circoscritti gli effetti.
In altre parole, il provvedimento di sospensione dell’attività deve riguardare non tutta l’azienda ma solo quell’unità produttiva dove sia stato riscontrato l’impiego di personale non risultante dalle scritture, o da altra documentazione obbligatoria, in misura pari o superiore al 20 per cento del totale dei lavoratori regolarmente occupati (nella specifica unità produttiva).

DocumentoDimensioneFormato
Lettera circolare n. 25/I/0010797 del 22 agosto 20071,71 MbPDF
 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.