Titoli edilizi

Da parcheggio utenza a deposito merci: è cambio d’uso rilevante?

L’utilizzo di un parcheggio interrato per la clientela non può essere utilizzato a deposito merci senza il permesso di costruire. Lo chiarisce il Tar Lombardia

Un’attività commerciale che dispone di un parcheggio coperto può eventualmente decidere di stoccarvi liberamente le merci, transennandone una parte senza alcuna modifica edilizia? Interessante domanda a cui ha risposto il Tar Lombardia con la sentenza n. 1440-2024.

Il caso di cambio di destinazione d’uso presentato oggi si aggiunge ai numerosi casi di abuso edilizio perpetrato, spesso, anche inconsapevolmente. Ma oggi hai a disposizione un valido strumento, il software per i titoli abilitativi in edilizia che rende il tuo lavoro più veloce con l’utilizzo di uno straordinario wizard che consente di individuare correttamente il titolo abilitativo in funzione dell’intervento da realizzare. Puoi inoltre archiviare facilmente i tuoi modelli da tenere in ordine e consultare agevolmente.

È possibile utilizzare alcuni posti auto nel parcheggio clienti come magazzino merci senza autorizzazione del Comune? Il caso

Un esercizio commerciale veniva raggiunto da un’ordinanza di demolizione e ripristino allo stato originario dei luoghi riferito al proprio parcheggio interrato dedicato all’utenza dello store.

Il motivo dell’ordinanza consisteva nel fatto che alcuni posti auto del parcheggio interrato erano stati transennati, senza la realizzazione di opere edilizie, per lo stoccaggio di merci.

Secondo il Comune, infatti, il piano interrato che doveva essere utilizzato quale parcheggio per i clienti della struttura commerciale, era occupato da un banco da lavoro, da bancali e merce ed era delimitato internamente mediante l’apposizione di teloni di plastica, il che avrebbe costituito cambio di destinazione d’uso senza autorizzazione.

La società proprietaria dell’attività commerciale faceva ricorso al Tar sostenendo che il cambio d’uso non doveva essere in ogni modo sanzionato, trattandosi di un mutamento senza opere nell’ambito della medesima categoria funzionale.

Tar Lombardia: il cambio di destinazione d’uso da parcheggio utenza a deposito merci risulta tra categorie differenti per cui occorre apposito titolo edilizio

Il Tar non è d’accordo con quanto sostenuto dalla società ricorrente:

Il cambio d’uso, ancorché apparentemente realizzato senza opere, assume rilevanza sotto il profilo edilizio ed urbanistico, trattandosi di un passaggio da parcheggio per l’utenza della struttura di vendita a superficie commerciale, con conseguente incremento di quest’ultima rispetto a quella autorizzata originariamente.

Si tratta quindi di un mutamento di destinazione fra categorie differenti, che richiede un apposito titolo edilizio.

Del resto, spiegano i giudici, l’art. 23-ter comma 1 del D.P.R. 380/2001 opera una distinzione tra:

  • la destinazione “produttiva e direzionale” (dove può essere collocato un parcheggio aperto al pubblico)
  • e quella “commerciale

ed attribuisce rilevanza edilizia al passaggio da una categoria funzionale all’altra, pur in assenza di opere (parere confermato anche dal CdS con la sentenza n. 904/2024).

Ne consegue che correttamente l’ordinanza impugnata richiama l’art. 31 del Testo unico dell’edilizia, giacché il cambio d’uso urbanisticamente rilevante fra categorie non omogenee realizza una variazione essenziale del progetto edilizio regolarmente assentito (cfr. l’art. 32 comma 1 del TUE).

Il ricorso non è, quindi, accolto.

Individuato il giusto titolo edilizio per il tuo progetto, è inoltre opportuno gestire adeguatamente la documentazione. A tal proposito, ti consiglio di accedere gratuitamente ad una piattaforma per la gestione delle pratiche e dell’ufficio tecnico on line dove organizzare, redigere e condividere facilmente tutta la documentazione.

 

Per maggiore approfondimento, leggi anche questi articoli di BibLus:

 

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Plusvalenza da Superbonus: nuova circolare del Fisco

Dal 2024 fa plusvalenza la vendita di immobili agevolati con Superbonus. Quando va pagata l'extra-tassa…

14 Giugno 2024

Case green: il ruolo degli sportelli unici per la prestazione energetica

La direttiva prevede la creazione su tutto il territorio nazionale di strutture di assistenza tecnica…

13 Giugno 2024

Come migliorare la certificazione energetica: il sondaggio ENEA-CTI

Sei un certificatore energetico? Rispondi al questionario promosso da ENEA e CTI per la prossima…

13 Giugno 2024

Che funzioni ha e come si compone un quadro elettrico?

Il quadro elettrico è tra gli elementi più importanti di un impianto elettrico, responsabile della…

13 Giugno 2024

L’innovazione del GIS and virtual reality nel settore delle costruzioni

Come combinare la visualizzazione realistica ed interattiva di modelli 3D, mappe e dati GIS grazie…

13 Giugno 2024

As-Planned vs As-Built: cosa devi sapere

As-Planned vs As-Built: scopri le differenze tra i programmi di pianificazione ed esecuzione nella gestione…

13 Giugno 2024