Home » BIM Topic » Computo, Contabilità, Capitolati, Direzione Lavori » Cost breakdown structure: cos’è e come crearla

Cost breakdown structure

Cost breakdown structure: cos’è e come crearla

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

La Cost breakdown structure (CBS) ripartisce i costi di un’opera in attività elementari. Scopri come crearne una e gestire al meglio i costi di costruzione

La stima dei lavori, dei materiali, delle attrezzature e della manodopera necessaria per realizzare un’opera e dei costi ad essa connessi è uno degli elementi più rilevanti e determinanti nel settore AEC, nonché uno dei principali ostacoli per la buona riuscita di un progetto per molti tecnici.
Nella realizzazione di un’opera infatti, qualunque essa sia, ci sono sempre dei limiti di spesa, rispetto ai quali si è vincolati, così tanto che tale vincolo potrebbe addirittura far stravolgere gli elaborati progettuali.

L’accuratezza della stima dei costi, che fornisce la previsione più probabile delle spese di un progetto prima che esso venga eseguito, è determinante per garantire che un progetto rimanga finanziariamente fattibile ed evitare sforamenti.

Ma tu sai come svilupparla al meglio e conosci come procedere per raggiungere gli obiettivi progettuali e gestionali? Hai mai sentito parlare della cost breakdown structure? Conosci le sue caratteristiche peculiari?

In questo articolo esploreremo come funziona e come, insieme ad un software di stima delle costruzioni, può aiutare i professionisti ad ottimizzare il processo di stima, sviluppandone un approccio efficace e funzionale agli obiettivi previsti.

Cos’è la Cost Breakdown Structure nel mondo delle costruzioni?

La “Cost Breakdown Structure” (CBS) letteralmente “struttura di ripartizione dei costi” è un documento sotto forma di mappa strutturata e gerarchica che descrive l’analisi dei costi di una costruzione, dettagliando tutti i costi da sostenere per la realizzazione dell’opera stessa.

Tale mappa si sviluppa in genere da una WBS a cui si associano i costi delle singole attività, ottenendo così non una semplice stima dei costi, ma un processo di stima controllabile e misurabile in ogni sua piccola componente. Basandosi sulle singole attività, si tratta di un processo di analisi top-down, ovvero dal basso verso l’alto: si parte dai dettagli elementari del progetto per poi procedere ad ottenere la stima nel complesso.

Tale metodo richiede più tempo, ma risulta essere più accurato rispetto ad altri processi di analisi in quanto si ottengono informazioni granulari sui costi coinvolti e ciò consente una maggiore precisione del costo complessivo.

Qual è la differenza tra CBS e WBS?

Abbiamo visto che una CBS si basa su una WBS (Work Breakdown Structure), in effetti potremmo definire una CBS come una WBS dettagliata con i costi. In particolare:

  • una WBS mostra tutte le attività elementari ed i compiti necessari in cui si scompone un certo lavoro o progetto;
  • una CBS integra con i costi ciascuna attività del progetto di costruzione.

Questi due strumenti sono complementari, se una WBS viene utilizzata per programmare, organizzare e gestire le attività da sviluppare, una CBS invece permette di gestire i costi di progetto, valutando imprevisti, scostamenti e ritardi.

CBS vs WBS

CBS vs WBS

Tipi di stime di costi di costruzione

In funzione della fase progettuale e degli obiettivi specifici da perseguire è possibile individuare diversi tipi di stime, nello specifico cinque. Ognuna di esse è funzionale al momento in cui viene implementata, vediamole tutte nel dettaglio:

  1. stima di fattibilità: caratterizza la fase di programmazione o, come dice il nome stesso, lo studio di fattibilità di costruzione. Basandosi sulle similitudini con altri progetti passati, fornisce un’idea approssimativa dei costi potenziali di un’opera, per cercare di comprendere se lo sviluppo progettuale è consono alle spese o se risulta troppo costoso da implementare;
  2. stima intermedia: non è ancora una stima molto dettagliata, essa inquadra le dimensioni di massima, la portata e la complessità dell’opera, individuandone anche eventuali problematiche;
  3. stima preliminare: utilizzando il progetto preliminare, si definiscono le quantità dei materiali previsti associandovi i relativi costi;
  4. stima sostanziale: si sviluppa non appena il progetto risulta globalmente concordato tra le parti. In questo momento infatti si vanno a valutare i costi dei vari materiali, delle attrezzature e/o lavorazioni e si decide se effettuare modifiche per limitare le spese;
  5. stima definitiva: è la stima più dettagliata, che si ha a seguito del completamento di tutte le modifiche e con la firma del contratto di appalto. È a partire da questa stima che l’impresa costruttrice inizia l’esecuzione dell’opera.

All’interno di una CBS vengono inglobati generalmente i seguenti costi:

  • costi della manodopera: legati ai lavoratori che materialmente contribuiscono alla realizzazione della costruzione o a parti di essa;
  • costi dei materiali: per poter realizzare la costruzione è necessario acquistare forniture di materie prime, con cui procedere nelle varie lavorazioni;
  • costi delle attrezzature: macchinari, apparecchiature, utensili e dispositivi di lavoro e sicurezza da utilizzare durante le fasi lavorative;
  • spese generali: sono le spese gestionali dell’impresa, ovvero i costi svincolati dai costi diretti necessari per la produzione di beni o servizi.
Elementi della cost breakdown structure

Elementi della cost breakdown structure

Come creare una CBS: ecco una guida passo passo

Sviluppare un CBS e creare una struttura di ripartizione dei costi molto dettagliata richiede sicuramente più tempo in fase di programmazione, però ciò permette di procedere in maniera più svelta in fase esecutiva, riducendo enormemente gli intoppi.

Per procedere in maniera agevole all’implementazione corretta segui questa breve guida:

  1. crea una WBS: il primo passo per poter identificare i costi è sicuramente individuare le lavorazioni necessarie a realizzare un’opera. Per costruire una Work Breakdown Structure dovrai analizzare la costruzione nel suo complesso e strutturare una suddivisione della stessa in attività elementari;
  2. stima i costi delle lavorazioni: dopo le attività vanno definite tutte le spese ed i costi. Per tutte le lavorazioni sarà necessario considerare i costi diretti, quelli della manodopera, dei materiali, delle attrezzature, dei noli, etc.;
  3. controlla il budget: completata l’analisi dei costi delle lavorazioni fai sempre attenzione che il costo totale ottenuto sia sempre inferiore del budget previsto, anche perché se questo è molto rigido non potrai far altro che riorganizzare costi e lavorazioni;
  4. valuta gli imprevisti: definiti i costi di tutte le attività avrai creato la tua CBS ed avrai definito il costo complessivo dell’opera, ma è importante preservare un margine per gli imprevisti, tenendo conto di errori o varianti in corso d’opera e dei costi diretti ed indiretti che ne derivano.

Come gestire i costi di costruzione?

Per gestire al meglio i costi di costruzione è importante da un lato organizzare in maniera più efficiente i flussi di lavoro ed il processo progettuale ed esecutivo nella sua interezza e dall’altro sviluppare CBS accurate.

L’applicazione di programmi di progettazione ed esecuzione ben consolidati permette un maggiore controllo del processo edilizio evitando errori grossolani ed inconvenienti spiacevoli che causerebbero ritardi e costi maggiori. Ad essi si deve affiancare lo sviluppo di analisi dei costi strutturate, la cui implementazione al giorno d’oggi viene ottimizzata e di gran lunga semplificata dall’utilizzo di software di stima delle costruzioni; ma questo non basta per ottenere una gestione efficiente dei costi di una costruzione.

Per migliorare significativamente l’efficienza e l’accuratezza nella gestione finanziaria dei progetti edili sono fondamentali anche le piattaforme di gestione di progetti . Esse offrono una serie di strumenti come le funzionalità di collaborazione che consentono a diversi membri del team di lavorare simultaneamente sullo stesso file e di archiviare il lavoro in cloud, senza paura di perdere dati ed informazioni importanti. Ciò migliora la comunicazione interna e facilita la condivisione di informazioni cruciali tra gli stakeholder del progetto. Prendi decisioni informate, evita costi eccessivi e garantisci il successo dei progetti edili sperimentando tu stesso il supporto che questi strumenti forniscono!

 

primus
primus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *