Home » BIM Topic » News, varie e brevi » Convegno su Alta Velocità e futuro delle infrastrutture ferroviarie con l’openBIM

Convegno openBIM infrastrutture ferroviarie

Convegno su Alta Velocità e futuro delle infrastrutture ferroviarie con l’openBIM

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Al convegno CIFI del 9 febbraio focus sul progetto della linea AV/AC Napoli Bari, sul recupero di ferrovie secondarie come asset strategico per la rigenerazione territoriale, su come un flusso di lavoro BIM/GIS può avvantaggiare la digitalizzazione openBIM delle infrastrutture ferroviarie

Organizzato dal CIFI (Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani) sezione di Napoli si svolgerà venerdì 9 febbraio ad Avellino, con inizio alle ore 09:45, il convegno “L’Alta Velocità e le connessioni con le aree interne: una opportunità per l’Irpinia“.

Si tratterà di un importante momento di riflessione sullo sviluppo infrastrutturale italiano, attraverso un confronto tra diversi stakeholder sulle politiche e sui progetti in corso (linea AV/AC Napoli-Bari, elettrificazione della linea SA AV BN, Parco della stazione di Avellino, rigenerazione urbana e recupero delle stazioni sulla linea Avellino – Rocchetta S.A.), approfondendo argomenti come digitalizzazione, sostenibilità, sviluppo territoriale legati al mondo delle infrastrutture ferroviarie per offrire uno scenario attualizzato del valore della sostenibilità e dell’innovazione delle infrastrutture in Italia.

La linea ferroviaria dell’Alta Velocità/Alta Capacità Napoli-Bari è infatti il più grande investimento infrastrutturale in fase di realizzazione in Italia. Un’infrastruttura di mobilità strategica per l’intero Sud Italia; moderna, altamente sostenibile ed accolta con molto favore soprattutto in Irpinia, territorio che, pur vivendo i limiti tipici delle aree interne, è ben consapevole delle trasformazioni sociali ed economiche che l’Alta Velocità può generare per uno sviluppo locale.

Linea ferroviaria AV/AC Napoli-Bari

Programma del convegno

Il convegno, presentato e moderato da Modestino Ferraro, Preside di CIFI Sezione di Napoli, dopo i saluti istituzionali vedrà gli interventi:

  • La nuova linea AV/AC Napoli – Bari (Ciro Napoli, Giuseppe Cirillo RFI – Direzione Investimenti – Area Campania, Sardegna e Adriatica)
  • Tratta Apice-Hirpinia: aspetti tecnici dell’Opera (Carlo Rollo WEBUILD – Responsabile Servizi Tecnici)
  • Caratteristiche generali delle TBM EPB utilizzate per lo scavo delle gallerie di linea (Marco Ricci Consorzio Hirpinia – Construction Director)
  • Lavori di elettrificazione e riclassificazione della linea Salerno Avellino Benevento (Andrea Lo Schiavo, Massimo Mancini RFI – Direzione Investimenti – Area Campania, Sardegna e Adriatica)
  • Italia City Branding 2030 – Parco della Stazione per un turismo sostenibile (Federico Bargone e Enrico Auletta Sbarch_Bargone Architetti Associati)
  • Il Polo Urbano del Gruppo FS e la rigenerazione del territorio  (Tommaso Diomaiuta FS Sistemi Urbani – area sud e isole)
  • Progetto di recupero delle stazioni della linea ferroviaria Avellino-Rocchetta S.A. (Angelo Verderosa Verderosa Studio e Costructura consulting s.c.)
  • Piano Integrato Stazioni: esempi di progetti in corso di realizzazione (Antonello Martino e Roberto Vangeli RFI – Ingegneria e Investimenti Stazioni – Direzione Stazioni)
  • Un esempio concreto di rifunzionalizzazione della stazione: il progetto Avellino Scalo (Alessandro Graziano Visit Irpinia)
  • La digitalizzazione openBIM delle infrastrutture ferroviarie: Geo Digital Twin (Alfonso Perna ACCA software)
  • La regione policentrica Avellino tra Salerno e Benevento (Emma Buondonno Assessore Urbanistica, Governo del Territorio, Pianificazione e PUC, Mobilità – Comune Avellino).

L’evento è patrocinato da Provincia di Avellino, Comune di Avellino, RFI, FS Sistemi urbani, Ordine Ingegneri Avellino e Ordine Architetti Avellino, con la partecipazione in qualità di partners di S.B.arch., Consorzio Hirpinia AV, Costructura consulting s.c. e ACCA software.

La partecipazione al convegno è gratuita e riconosce 3 CFP agli iscritti all’Albo dell’Ordine degli Ingegneri e 4 CFP agli iscritti all’Albo dell’Ordine degli Architetti. Obbligatorio dare evidenza della propria partecipazione attraverso la registrazione.

Registrati ora gratuitamente

openBIM e infrastrutture ferroviarie: il ruolo chiave dell’evoluzione digitale

È sempre più chiaro quale sarà il futuro della progettazione: non si potrà prescindere dall’uso dei modelli BIM e dalla misurazione della sostenibilità tramite il gemello digitale dell’opera e del cantiere (Digital Twin). Nell’intervento al convegno su openBIM infrastrutture ferroviarie, ACCA affronterà la tematica dell’evoluzione dei modelli GIS, sempre più presenti nel settore infrastrutturale e sempre più connessi con i sistemi digitali di progettazione, presentando usBIM.geotwin, la soluzione nata dalla sinergia di ACCA con Esri® per creare e gestire Digital Twins Geospaziali integrando dati GIS con modelli IFC openBIM, menzione speciale ai recenti buildingSMART International Awards 2023.

Il posizionamento dell’opera nel contesto del territorio urbano ed extraurbano è diventato indispensabile per costruire un’infrastruttura flessibile e facilmente adattabile ai cambiamenti di territori e comunità. In questo i Digital Twins georeferenziati rappresentano la tecnologia chiave per comprendere appieno le potenzialità della digitalizzazione openBIM: attraverso la loro capacità di rappresentare in modo dettagliato l’infrastruttura ferroviaria in uno spazio virtuale, i Geo Digital Twins offrono una visione olistica, permettendo una gestione più efficiente e tempestiva delle attività di manutenzione e migliorando la sicurezza complessiva.

 

Il convegno rappresenta un’opportunità unica per imparare direttamente da esperti del settore, acquisire nuove competenze e scoprire come l’adozione dell’openBIM e del Geo Digital Twin può trasformare il modo in cui progettiamo, costruiamo e gestiamo le infrastrutture ferroviarie. Non perdere l’occasione di partecipare! Iscriviti subito.

Registrati ora gratuitamente

CIFI
Il Collegio degli Ingegneri Ferroviari Italiani (C.I.F.I.), è una delle Associazioni tecniche e professionali più antiche e più importanti d’Italia, la cui attività ha carattere fondamentalmente culturale e di sostegno morale alla professione. Il Collegio riunisce oltre 2400 Soci individuali che si occupano di ferrovie e di trasporti e oltre 150 soci collettivi, tra cui aziende industriali e di trasporto e Istituti universitari.

 

usBIM.geotwin

 

usBIM.geotwin

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *