Home » Notizie » Computo, Contabilità, Capitolati, Direzione Lavori » Contratto di appalto: cos’è, tipologie e fac simile

Contratto di appalto

Contratto di appalto: cos’è, tipologie e fac simile

Tempo di lettura stimato: 7 minuti

Il contratto di appalto è un accordo scritto tra committente e appaltatore. Scopri la guida completa e gli strumenti per redigerlo correttamente

Il contratto di appalto è un accordo, di norma tra due parti, il committente e l’appaltatore, che stabilisce i termini e le condizioni per l’esecuzione di lavori o servizi. Questo tipo di contratto è ampiamente utilizzato nel settore delle costruzioni e delle forniture, ma può essere applicato anche in altri settori.  Di seguito approfondiremo in una guida completa la sua definizione, le sue diverse tipologie, le principali differenze tra contratti di appalto pubblici e privati e gli elementi essenziali che dovrebbero far parte di ogni contratto di appalto.

Cos’è un contratto di appalto?

Un contratto di appalto è un accordo scritto che va a regolamentare il rapporto tra committente e appaltatore per la definizione di un’opera e stabilisce in maniera dettagliata le condizioni di esecuzione dei lavori tra cui:

  • l’oggetto dell’appalto;
  • l’ammontare dell’appalto;
  • le modalità di esecuzione dei lavori;
  • gli obblighi delle parti;
  • le responsabilità delle parti;
  • le condizioni di pagamento.

Questo contratto fornisce una base legale per entrambe le parti coinvolte e garantisce che i lavori vengano eseguiti secondo gli standard e i tempi concordati. Quanto maggiore è il grado di definizione del contratto tanto maggiore sarà la tutela delle parti.

Contratto di appalto lavori edili

Il contratto di appalto lavori edili è un accordo tra due o più parti nel quale l’appaltatore assume l’obbligo di eseguire il lavoro in cambio di un corrispettivo economico. Nel caso particolare di lavori edili, il contratto si riferisce a tutte quelle opere, lavorazioni e interventi utili a realizzare e/o modificare un edificio. 

Che tipo di contratto è il contratto di appalto?

Esistono diverse tipologie di contratto di appalto:

  • appalto a corpo: il contratto che definisce un importo fisso ed invariabile riferito globalmente all’opera nel suo complesso ovvero alle Categorie (o Corpi d’opera) componenti;
  • appalto a misura: questo tipo  di contratto consente di individuare un prezzo per ogni unità di misura di lavorazione o di opera finita, da applicare alle quantità eseguite di lavorazione o di opera. Pertanto, l’importo di un appalto a misura risulta variabile;
  • appalto misto (a corpo e misura): combina elementi di entrambe le tipologie precedentemente menzionate.

Contratti di appalti pubblici e privati: definizioni, differenze e analogie

I contratti di appalti pubblici riguardano lavori o servizi che vengono eseguiti per conto di enti pubblici, come governi locali, amministrazioni statali o enti governativi. Questi contratti sono soggetti a regolamenti specifici e a norme giuridiche che mirano a garantire la trasparenza, l’efficienza e la concorrenza nel processo di appalto. Nei contratti di appalti pubblici, le parti devono rispettare le leggi e le norme vigenti in materia di lavori pubblici. Queste includono:

  • il Codice dei contratti – d.lgs. n. 36/2023;
  • le norme vigenti derivanti sia da leggi che da decreti, circolari e regolamenti con particolare riguardo ai regolamenti edilizi, d’igiene, di polizia urbana, norme sulla circolazione stradale, a quelle sulla sicurezza ed igiene del lavoro vigenti alla data di esecuzione dei lavori;
  • le norme tecniche emanate da C.N.R., U.N.I., C.E.I.;
  • delibere, pareri e determinazioni emanate dall’Autorità Nazionale AntiCorruzione (ANAC).

I contratti di appalti pubblici devono includere disposizioni specifiche riguardanti:

  • ammontare dell’appalto;
  • affidamento e contratto;
  • forma e principali dimensioni delle opere;
  • modifiche e varianti in corso di esecuzione;
  • osservanza del capitolato speciale d’appalto e di particolari disposizioni;
  • documenti che fanno parte del contratto e discordanze;
  • qualificazione e requisiti per gli esecutori di lavori;
  • garanzie provvisorie e definitive;
  • attività del direttore dei lavori;
  • anticipazione – modalità e termini di pagamento del corrispettivo;
  • subappalto;
  • penali;
  • consegna lavori – inizio e termine per l’esecuzione;
  • la definizione del programma di esecuzione dei lavori.

I contratti di appalti privati invece riguardano lavori o servizi che vengono eseguiti per conto di soggetti privati, come aziende, organizzazioni non governative o privati cittadini. Nei contratti di appalti privati, le parti devono rispettare le leggi e le norme vigenti in materia di appalti privati. Queste includono:

  • articoli 1665 e seguenti del codice civile;
  • il Codice dei contratti – d.lgs. n. 36/2023 ove compatibile;
  • il d.P.R. n.207/2010, per gli articoli non abrogati;
  • le norme vigenti derivanti sia da leggi che da decreti, circolari e regolamenti con particolare riguardo ai regolamenti edilizi, d’igiene, di polizia urbana, norme sulla circolazione stradale, a quelle sulla sicurezza ed igiene del lavoro vigenti alla data di esecuzione dei lavori;
  • le norme tecniche emanate da C.N.R., U.N.I., C.E.I.

I contratti di appalti privati devono includere disposizioni specifiche riguardanti:

  • ammontare dell’appalto;
  • affidamento e contratto;
  • forma e principali dimensioni delle opere;
  • modifiche e varianti in corso di esecuzione;
  • osservanza del capitolato speciale d’appalto e di particolari disposizioni;
  • documenti che fanno parte del contratto e discordanze;
  • qualificazione dell’appaltatore;
  • fallimento dell’appaltatore;
  • risoluzione del contratto;
  • coperture assicurative;
  • disciplina del subappalto;
  • consegna lavori – inizio e termine per l’esecuzione;
  • programma di esecuzione dei lavori – sospensioni.

Analogie tra contratti di appalti pubblici e privati

Nonostante le differenze normative e giuridiche, i contratti di appalti pubblici e privati presentano alcune analogie. Entrambi i tipi di contratto prevedono:

  • la definizione dell’oggetto dell’appalto;
  • la specifica dell’ammontare dell’appalto;
  • la regolamentazione delle modifiche e delle varianti in corso di esecuzione;
  • l’osservanza del capitolato speciale d’appalto e di particolari disposizioni;
  • la definizione dei documenti che fanno parte del contratto e delle eventuali discordanze;
  • la disciplina del subappalto;
  • la definizione dei termini di consegna dei lavori e delle sospensioni;
  • la definizione del programma di esecuzione dei lavori.

Chi stipula il contratto di appalto?

Il contratto di appalto viene stipulato tra il committente e l’appaltatore. Il committente è la parte che richiede i lavori o i servizi e assume l’appaltatore per eseguirli. L’appaltatore, è la parte che accetta di eseguire i lavori o i servizi in cambio di un compenso.

Cosa non deve mancare nel contratto di appalto?

Un contratto di appalto completo e ben redatto dovrebbe includere questi 7 elementi:

  1. oggetto dell’appalto: descrizione dettagliata dei lavori o dei servizi da eseguire;
  2. ammontare dell’appalto: importo totale che il committente pagherà all’appaltatore per i lavori o i servizi;
  3. modalità di esecuzione dei lavori: indicazione dei tempi, delle modalità e delle condizioni per l’esecuzione dei lavori;
  4. responsabilità delle parti: definizione delle responsabilità e degli obblighi sia del committente che dell’appaltatore;
  5. condizioni di pagamento: specifica delle modalità e dei termini di pagamento concordati tra le parti;
  6. termini e condizioni: inclusione di clausole che regolano eventuali variazioni, risoluzione del contratto, garanzie e altre disposizioni legali;
  7. documenti allegati: elenco dei documenti che fanno parte integrante del contratto, come il capitolato speciale d’appalto e il progetto esecutivo.

Fac simile di un contratto di appalto privato e pubblico

Di seguito sono riportati dei fac simile di un contratto di appalto per lavori pubblici e uno per i lavori privati che possono essere utilizzati come modelli di riferimento. È importante personalizzare il contratto in base alle specifiche esigenze e alle leggi locali.

Fac simile contratto di appalto per lavori privati-PriMus-C

Fac simile contratto di appalto per lavori privati-PriMus-C

Fac simile contratto di appalto per lavori pubblici-PriMus-C

Fac simile contratto di appalto per lavori pubblici-PriMus-C

Guida completa al contratto di appalto

Per garantire che i lavori vengano eseguiti correttamente e nel rispetto delle norme, è fondamentale redigere e sottoscrivere contratti completi ed esaustivi. Di seguito esploreremo cosa devono contenere i contratti di appalto.

Documenti che fanno parte del contratto e discordanze

I contratti in edilizia sono composti da diversi documenti che definiscono i termini e le condizioni dell’accordo tra le parti coinvolte. Questi documenti possono includere:

  • il capitolato speciale d’appalto;
  • l’elenco prezzi;
  • i disegni tecnici;
  • le specifiche tecniche;
  • e altri allegati.

È importante che tutti i documenti siano coerenti tra loro e non presentino discordanze. In caso di discordanze, è necessario segnalare immediatamente la situazione alla stazione appaltante o al committente privato per apportare le opportune modifiche.

Responsabilità di entrambe le parti

La responsabilità di entrambe le parti in un contratto di appalto è cruciale per garantire che le operazioni si svolgano senza intoppi e secondo quanto concordato. Questa sezione del contratto deve chiaramente definire gli obblighi e le responsabilità sia del committente che dell’appaltatore:

  • responsabilità del committente: includere dettagli riguardanti ciò che il committente deve fornire o fare per supportare il processo di appalto. Questo può includere la fornitura di materiale, l’accesso al sito di lavoro e la conformità alle scadenze di pagamento;
  • responsabilità dell’appaltatore: comprende la consegna dei materiali, l’impiego di manodopera qualificata, il rispetto dei regolamenti di sicurezza, e l’adempimento agli standard di qualità richiesti.

La sezione sulla responsabilità delle parti nel contratto di appalto è essenziale per evitare malintesi e conflitti futuri, assicurando che tutte le parti coinvolte comprendano appieno i loro ruoli e obblighi. Una chiara delineazione delle responsabilità contribuirà a garantire una collaborazione efficiente e la riuscita del progetto.

Qualificazione dell’appaltatore

La qualificazione dell’appaltatore è un aspetto fondamentale nella scelta dell’esecutore dei lavori. Negli appalti privati l’appaltatore deve possedere le competenze e le qualifiche necessarie per svolgere il lavoro in modo adeguato. Nell’ambito pubblico la qualificazione può essere ottenuta attraverso la partecipazione a gare d’appalto, la presentazione di certificati di qualità o l’adesione a associazioni professionali. La qualificazione dell’appaltatore è un requisito essenziale per garantire la corretta esecuzione dei lavori.

Fallimento dell’appaltatore

In caso di fallimento dell’appaltatore, è importante stabilire le procedure da seguire per tutelare i diritti delle parti coinvolte. È necessario definire chiaramente le responsabilità e le modalità di risoluzione del contratto in caso di fallimento dell’appaltatore. Questo garantirà che i lavori possano essere completati senza interruzioni e che i diritti delle parti siano adeguatamente protetti.

Risoluzione del contratto

La risoluzione del contratto può avvenire per diverse ragioni, come il mancato rispetto dei termini e delle condizioni stabilite nel contratto o il mancato pagamento dei lavori eseguiti. È importante definire le cause e le modalità di risoluzione del contratto. In caso di risoluzione del contratto, è necessario stabilire le conseguenze e le responsabilità delle parti coinvolte.

Garanzie

La garanzia è una forma di protezione per il committente dopo il completamento dei lavori. Questa garanzia viene richiesta all’appaltatore fin dalla stipula del contratto e viene rilasciata da una banca o da un’assicurazione. Assicura al committente che, in caso di difetti o problemi riscontrati dopo la consegna dei lavori, sarà possibile ottenere un risarcimento del danno subito.

Disciplina del subappalto

Il subappalto è una pratica comune nel settore dell’edilizia, ma è importante stabilire delle regole chiare per disciplinare questa pratica. È necessario definire le responsabilità e gli obblighi delle parti coinvolte nel subappalto, nonché le modalità di selezione dei subappaltatori. Questo garantirà una corretta gestione dei lavori e la tutela dei diritti delle parti coinvolte.

Consegna lavori – Inizio e termine per l’esecuzione

La consegna dei lavori è un momento cruciale nel processo di costruzione. È importante stabilire le procedure e i tempi per la consegna dei lavori nel contratto. Questo garantirà che i lavori vengano eseguiti nel rispetto dei tempi stabiliti e che le parti coinvolte siano adeguatamente informate sulle tempistiche di esecuzione.

Coperture assicurative

È importante che tutte le parti coinvolte abbiano le coperture assicurative adeguate per proteggere i propri interessi. Le coperture assicurative possono includere la responsabilità civile, l’assicurazione dei danni materiali e l’assicurazione dei lavoratori.

I contratti di appalto sono strumenti fondamentali per garantire la corretta esecuzione dei lavori e la tutela dei diritti delle parti coinvolte. È importante redigere e sottoscrivere contratti completi ed esaustivi, che definiscano chiaramente i termini e le condizioni dell’accordo.

Per evitare errori e rispettare le normative vigenti, puoi utilizzare il software capitolati speciali che semplifica la redazione di tutta la documentazione richiesta per le opere pubbliche e private e garantisce l’assoluta conformità e correttezza d’esecuzione dei contratti di appalto.

 

primus-c
primus-c

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *