Rapporto-GSE-Energia-nel-settore-Trasporti

Consumo energia nei trasporti: dal GSE il rapporto 2005/2020

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Il GSE ha pubblicato il nuovo rapporto statistico sui consumi di energia nel settore dei trasporti. L’utilizzo delle rinnovabili risulta in crescita nel 2020

Il nuovo rapporto pubblicato dal GSE (Gestore Servizi Energetici): “Energia nel settore Trasporti – 2005/2020” fornisce un quadro dei consumi energetici nel settore dei trasporti in Italia.

Il documento inoltre delinea le dinamiche energetiche nei trasporti che hanno caratterizzato gli anni più recenti, sulla base di dati statistici e di monitoraggio ufficiali armonizzati a livello europeo.

Il rapporto GSE sui consumi energetici 2005/2020

Il documento sui consumi energetici nel settore dei trasporti focalizza le principali grandezze in gioco e i trend rilevati negli anni più recenti.

In particolare il rapporto si articola in 3 capitoli:

  1.  “Consumi energetici nel settore trasporti in Italia”  – propone elaborazioni sviluppate a partire dai bilanci energetici Eurostat, finalizzate a evidenziare l’evoluzione dei consumi finali di energia nel settore dei trasporti e la loro incidenza sui consumi energetici complessivi nel periodo 2005-2019, anche attraverso confronti altri Paesi UE;
  2. Monitoraggio del target UE sul settore trasporti”  – descrive composizione e andamento dell’obiettivo settoriale al 2020 fissato per l’Italia dalla Direttiva 2009/28/CE (c.d. 10% target);
  3. Consumo di biocarburanti in Italia al 2020” – presenta i dati sui biocarburanti immessi in consumo in Italia nel 2020, con analisi di dettaglio sui principali Paesi di produzione e sulle materie prime utilizzate.

1 – Consumi energetici nel settore trasporti in Italia

La composizione dei consumi finali di energia 2005/2019  rilevati in Italia nel settore Trasporti, è sviluppata a partire dai bilanci Eurostat aggiornati al 2019.

In questi bilanci, i consumi associati alle fonti energetiche rinnovabili (FER) sono costituiti dai soli carburanti di origine biologica (biocarburanti: biodiesel, benzine bio).

I consumi nazionali di energia nel settore Trasporti, che ammontano a poco meno di 40 Mtep, nel 2019 rappresentano il 34,5% dei consumi energetici totali del Paese; si rileva una riduzione di 1,9 Mtep rispetto al 2010 (-5%) e di 5 Mtep rispetto al 2005 (-11%).

La maggior parte dei consumi finali settoriali è costituita da prodotti petroliferi (91% del totale) e in particolare dal diesel (54%), utilizzato in misura quasi tripla rispetto alla benzina; ciascuna delle altre fonti – biocarburanti, elettricità, gas – si attesta invece intorno al 3%.

Tra le modalità di trasporto, invece, i consumi maggiori sono associati alla strada (83% del totale), seguita dall’aviazione (poco più del 12%).

Consumi finali di energia e quota coperta dal settore Trasporti in Italia (Mtep) – elaborazioni GSE su dati Eurostat

2 – Monitoraggio del target UE sul settore trasporti

La Direttiva 2009/28 del Parlamento europeo e del Consiglio sulla promozione dell’uso delle fonti rinnovabili di energia assegna all’Italia due obiettivi vincolanti da conseguire entro il 2020:

  • raggiungere una quota dei consumi finali lordi complessivi di energia coperta da FER almeno pari al 17% (overall target);
  • raggiungere una quota dei consumi finali lordi di energia nel settore Trasporti coperta da FER almeno pari al 10% (target Trasporti).

Nel 2019 la quota dei Consumi finali lordi complessivi di energia nel settore Trasporti coperta da FER risulta pari al 9%, a fronte del 7,7% dell’anno precedente e del 10% da raggiungere al 2020.

Nel grafico, riportato di seguito, viene confrontato l’andamento osservato del target Trasporti (quota dei consumi finali di energia nei Trasporti coperta da FER) con la traiettoria prevista dal PAN (Piano d’Azione Nazionale per le energie rinnovabili).

Quota dei consumi finali di energia nel settore Trasporti coperta da FER (%)

Per il 2030, sulla scorta della direttiva europea sulle fonti rinnovabili (Direttiva 2018/2001, cosiddetta RED II), per il settore dei trasporti ci si è posti un obiettivo minimo – espresso, al solito, in termini di quota minima dei consumi coperta da fonti rinnovabili – pari al 14%.

Il PNIEC (Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima) italiano prevede una quota rinnovabile obbligatoria per gli operatori pari al 22% al 2030, sensibilmente superiore al 14% previsto dalla RED II.

3 – Consumo di biocarburanti in Italia al 2020

Nel 2020 sono stati consumati in Italia 1,5 milioni di tonnellate di biocarburanti, con un incremento pari a +1,5% rispetto all’anno precedente, quasi esclusivamente sostenibili (99,9%), di cui:

  • circa il 94% di tali volumi è costituito da biodiesel;
  • l’incidenza di bio-ETBE è assai più contenuta (1,5%);
  • quella di bioetanolo è prossima a zero.

Per quanto concerne il biometano, si iniziano ad osservare gli effetti del DM 2 marzo 2018, con i primi quantitativi di prodotto immessi in rete con specifica destinazione ai trasporti. Nel 2020 il biometano copre poco meno del 5% dei volumi complessivi di biocarburanti immessi in consumo, in forte crescita rispetto al 2019.

Biocarburanti sostenibili immessi in consumo in Italia per Paese di produzione (tonn1000)

 

Clicca qui per scaricare il rapporto GSE sui trasporti

 

solarius-pv
solarius-pv

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.