mappe-valore-immobiliare

Consultazione online delle mappe dei valori immobiliari: il nuovo servizio delle Entrate

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

E’ ora possibile consultare online le mappe dei valori immobiliari del territorio nazionale con i dati dichiarati nelle compravendite

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile la consultazione dei valori immobiliari che permette di visualizzare i dati dichiarati nelle compravendite, stipulati esclusivamente a partire dal 1° gennaio 2019, attraverso la navigazione online sulle mappe del territorio nazionale (ad eccezione di quelle nei Comuni delle Province autonome).

Il servizio e la tutela della privacy

Per usufruire delle nuove funzionalità bisogna accedere al portale dei servizi telematici dell’Agenzia (Entratel/Fisconline): il servizio consiste in un’applicazione web, con le usuali funzionalità di ricerca e di navigazione su mappa.

Immagine a colori che mostra una mappa dal servizio dell'Agenzia delle Entrate di consultazione online dei valori immobiliari

Esempio di mappa di consultazione dei valori immobiliari dal servizio online dell’Agenzia delle Entrate

Vengono mostrati i dati dichiarati nelle compravendite di immobili situati nella selezione di un ambito territoriale e nel periodo di stipula (mese e anno) di interesse, relativi ad esempio alla:

  • tipologia (residenziale, commerciale, produttivo, ecc.),
  • il numero degli immobili transati nell’atto,
  • il prezzo,
  • il comune e la zona OMI (Osservatorio del Mercato Immobiliare) di ubicazione degli immobili,
  • la categoria e la consistenza catastale di ciascuno immobile.

I dati sono visionabili in forma anonima a garanzia della privacy dei soggetti coinvolti nelle transazioni, infatti la consultazione può essere effettuata solo nel caso in cui nell’area e nel periodo di interesse selezionati, siano avvenuti almeno cinque atti traslativi.

La fonte dei dati è costruita incrociando:

  • gli archivi delle note di trascrizione degli atti di compravendita,
  • le note di registrazione degli stessi atti,
  • gli archivi censuari del Catasto fabbricati e l’archivio delle zone OMI.

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate

 

estimus
estimus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *