Home » BIM Topic » BIM e cantiere » Construction project management: cos’è e 7 step per gestirlo

Construction Project Management

Construction project management: cos’è e 7 step per gestirlo

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Il Construction Project Management è il processo che permette di dirigere con successo un progetto di costruzione. Ecco 7 step per gestirlo al meglio

Il Construction Project Management può richiedere un carico di lavoro che può sembrare insormontabile, soprattutto quando ci si approccia per la prima volta a questo processo.

Ma se seguirai i consigli che ti fornirò in questo articolo e utilizzerai gli strumenti adatti ti assicuro che tutto diventerà più semplice e riuscirai a gestire senza problemi tutti gli aspetti legati alla progettazione delle tue opere.

Per organizzare al meglio il tuo lavoro e portarlo a termine nei tempi previsti, ti consiglio innanzitutto di affidarti sin da subito alle potenzialità di un construction management software, un sistema che racchiude in un unico potente strumento le funzionalità necessarie per programmare, monitorare e gestire le diverse fasi dei progetti di costruzione.

Non ci resta, quindi, che cominciare e scoprire insieme quali sono le strategie più efficaci per assicurare il successo delle diverse fasi del Construction Project Management!

Cos’è il Construction Project Management (CPM)

Il Construction Project Management (CPM) è la disciplina che include gli strumenti, i processi e le risorse tecniche necessarie per pianificare, eseguire e completare progetti di costruzione nel rispetto del budget e dei termini previsti.

Come avviene per qualsiasi altro tipo di progetto, anche i progetti edilizi si sviluppano in differenti fasi che fanno parte di un processo globale più complesso e hanno bisogno di essere accuratamente coordinate e gestite.

La gestione delle iniziative di costruzione si presenta, tuttavia, molto più articolata rispetto al Project Management tradizionale. Include, infatti, una più ampia varietà di vincoli (tra cui tempi, costi, qualità, sicurezza, risorse, materiali, manodopera, ecc.) e coinvolge una moltitudine di soggetti che intervengono a vario titolo nel processo di realizzazione dell’opera, a partire dall’ideazione fino al suo completamento (come progettisti, consulenti, appaltatori generali, subappaltatori, direttori operativi, ecc.).

La responsabilità della gestione dell’intero progetto viene comunque affidata alla figura del Construction Project Manager che ha il compito di:

  • analizzare e comprendere le difficoltà tecniche del progetto da realizzare;
  • determinare i metodi e le strategie di gestione più appropriate;
  • pianificare in modo dettagliato ogni singola fase della progettazione;
  • concordare i tempi, i costi e le risorse necessarie per la realizzazione dell’opera;
  • gestire la programmazione del cantiere e l’esecuzione dei lavori;
  • negoziare con appaltatori e fornitori e tenere sotto controllo il budget di costruzione;
  • collaborare con i professionisti dell’edilizia, delle costruzioni e della regolamentazione;
  • comunicare con il proprietario del progetto, il personale e le parti interessate a tutti i livelli;
  • garantire che ogni fase del progetto venga sviluppata nei tempi, nel budget e secondo gli standard previsti;
  • risolvere le eventuali problematiche che possono presentarsi nel corso della realizzazione dell’opera.
Construction Project Manager a lavoro

Construction Project Manager a lavoro

Per approfondire, leggi anche “Construction project planning and scheduling: la pianificazione come chiave del successo“.

Le 6 fasi della gestione dei progetti di costruzione

I processi di Construction Project Management sono guidati dalle scadenze. Iniziano sempre dalle fasi di ideazione e pianificazione e sono caratterizzati da un obiettivo finale da raggiungere al termine del ciclo di vita del progetto.

In genere questi processi si sviluppano in 6 fasi distinte, ciascuna delle quali contiene attività specifiche che aiutano a perseguire il risultato finale del progetto.

Le 6 fasi in cui si articola la gestione di un progetto edilizio sono quelle di seguito riportate:

  1. ideazione: è il punto di partenza in cui le parti interessate concepiscono l’idea di progetto, ricercano i luoghi per la costruzione, individuano una prima serie di standard e stabiliscono entro quanto tempo l’opera deve essere completata. Il Project Manager si interfaccia con il cliente per identificare le sue esigenze e stabilire in che modo il suo team intende soddisfarle;
  2. pianificazione: è una fase cruciale perché in essa vengono tracciate le linee guida del progetto di costruzione. Viene eseguito uno studio di fattibilità per definire il raggio d’azione del progetto, stabilire i risultati che si vogliono ottenere e identificare i potenziali partner. È la fase in cui gli appaltatori iniziano a presentare le loro offerte e le parti interessate valutano queste proposte per scegliere quella che meglio si adatta alle loro esigenze e al budget previsto. Attraverso un BIM project management software si implementa un piano di progetto che deve essere approvato da tutte le parti coinvolte per evitare malintesi e false aspettative nelle fasi successive;
  3. esecuzione: è il momento in cui inizia l’approvvigionamento di materiali, risorse e attrezzature per la realizzazione dell’opera, e vengono avviati i lavori di costruzione. Il successo di questa fase è strettamente legato all’accuratezza con cui viene eseguita la fase di pianificazione. Il Project Manager implementa il proprio piano di progetto, assegna i compiti ai vari membri del team e gestisce l’allocazione delle risorse. Tiene, inoltre, riunioni di gruppo per affrontare i problemi e aggiornare le parti interessate sullo stato di avanzamento del progetto;
  4. monitoraggio e controllo: è una che fase si sovrappone al processo esecutivo. Nel corso della costruzione dell’opera è importante osservare lo status delle consegne per rilevare possibili scostamenti dagli obiettivi predefiniti, nonché pianificare riunioni con cadenza regolare per risolvere le problematiche e rimanere in linea con quanto previsto;
  5. messa in servizio: una volta terminati i processi di costruzione e controllo si passa alla fase di “commissioning” che ha l’obiettivo di testare la qualità del prodotto finale, correggere eventuali errori e informare gli utenti su come utilizzare, gestire e mantenere l’edificio in condizioni ottimali;
  6. conclusione: è la fase in cui l’opera viene consegnata formalmente al proprietario e tutti gli stakeholder ne vengono informati. Prima della consegna effettiva, il Project Manager riunisce il team per esaminare cosa è andato bene e cosa, invece, potrebbe essere migliorato. Ciò consente di evitare errori simili in futuro, ma permette anche di implementare processi più stabili e creare team di lavoro più efficienti e produttivi.
Monitoraggio dello stato di avanzamento del progetto

Monitoraggio dello stato di avanzamento del progetto

Come gestire un progetto di costruzione passo dopo passo

L’obiettivo del CPM è garantire che tutti gli elementi del progetto siano supportati ed eseguiti in modo efficiente, e che l’intero processo di costruzione proceda secondo i piani, senza che si verifichino intoppi o imprevisti.

Ora che hai compreso a fondo il significato di Construction Project Management e analizzato le fasi in cui si sviluppa questo processo, ecco i 7 passaggi chiave che ti aiuteranno a semplificare notevolmente i tuoi flussi di lavoro e ottenere risultati di successo, qualunque sia il progetto di costruzione che ti ritroverai a gestire.

Step 1 – Creare un piano

Il primo importante passo per gestire efficacemente una qualsiasi iniziativa di costruzione consiste nel comprendere l’ambito e la portata del progetto, e pianificare dettagliatamente ogni singola fase per conseguire senza problemi l’obiettivo finale. È fondamentale confrontarsi con il cliente per determinare le sue aspettative e stabilire insieme i risultati da raggiungere. Un’attenta pianificazione ti consentirà di:

  • valutare la fattibilità del progetto;
  • stabilire il tempo necessario per la sua realizzazione;
  • definire come dovrà essere speso il budget;
  • implementare tutti i protocolli di sicurezza necessari;
  • individuare le metriche di prestazione chiave da tenere sotto controllo e definire come verranno monitorate nel corso del progetto;
  • stabilire in che modo le parti interessate, la direzione e i team coinvolti dovranno comunicare durante l’intero processo.

Step 2 – Assegnare i ruoli

Il secondo step ha lo scopo di stabilire chi fa cosa all’interno del progetto. Assegnare in modo chiaro ruoli e responsabilità è importante per definire i passaggi che richiedono l’approvazione della direzione o delle parti interessate. Aiuta, inoltre, a migliorare la produttività del team di lavoro, tenere alto il morale della squadra (perché tutti avranno un’attività da portare a termine), risparmiare tempo ed evitare inefficaci sovrapposizioni.

Step 3 – Organizzare riunioni preliminari

Prima di avviare effettivamente il progetto, è opportuno organizzare incontri frequenti con le parti interessate per rivedere il piano, controllare le responsabilità dei soggetti coinvolti ed intraprendere le dovute azioni correttive. Ciò impedirà che si presentino problemi nelle fasi future.

Step 4 – Aumentare la flessibilità

Nonostante l’oculata pianificazione, è possibile che non tutto vada sempre secondo i piani. È necessario, quindi, sviluppare un’adeguata capacità di affrontare i cambiamenti man mano che si presentano per trasformare le battute d’arresto in opportunità.

Step 5 – Implementare un sistema di gestione dei documenti

Nel corso del progetto, le parti interessate dovranno disporre della documentazione appropriata al momento giusto. Per questo motivo, è consigliabile implementare un efficiente sistema di BIM Document Management che aiuti a semplificare la creazione, la gestione, l’aggiornamento e la condivisione di tutti i documenti di progetto.

Step 6 – Migliorare la collaborazione e la comunicazione

Durante lo sviluppo dell’intero progetto, la comunicazione dovrebbe essere coerente, aperta, onesta e chiara. È fondamentale, quindi, sfruttare le tecnologie che promuovono la collaborazione e la consegna di dati in tempo reale in modo che i membri del team abbiano a disposizione informazioni sempre aggiornate e affidabili.

Step 7 – Automatizzare le attività di gestione

Per ottenere davvero il massimo dai processi di Construction Project Management, è importante farsi aiutare da strumenti avanzati che consentano di semplificare la gestione delle diverse attività. Le soluzioni basate sul cloud garantiscono che il Project Manager e l’intero team di progetto abbiano accesso a un’unica fonte di dati e siano aggiornati in tempo reale sullo stato di avanzamento di ogni operazione. Permettono, inoltre, di migliorare la comunicazione tra le parti interessate e di sviluppare le diverse fasi del progetto in maniera più fluida e senza ritardi.

Che tu sia un Project Manager alle prime armi o un professionista che cerca di aggiornare la sua strategia, utilizzando un software per il construction project management potrai avere a disposizione le funzionalità di cui hai bisogno per semplificare la gestione dei tuoi progetti e snellire l’avanzamento dei tuoi flussi di lavoro. Prova subito questo sistema e scopri come diventa facile assegnare i compiti, monitorare i progressi, condividere i documenti e risolvere tutte le problematiche che si presentano nel corso della progettazione.

 

usbim-resolver
usbim-resolver
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *