Home » BIM Topic » BIM e cantiere » 4 step per un construction management workflow efficace

4 step per un construction management workflow efficace

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Un construction management workflow è un processo che descrive le azioni utili a completare un progetto di costruzione. Ecco 4 step per farlo in modo efficace!

I flussi di lavoro sono essenziali per portare a termine con successo qualunque progetto. Permettono di organizzare persone, strumenti, risorse e attività per raggiungere in modo efficace gli obiettivi della progettazione.

Scopri in questo articolo quali sono gli step per creare un construction management workflow realmente efficiente e inizia sin da subito ad utilizzare una soluzione per il construction management per automatizzare tutti i tuoi flussi di lavoro e renderli ancora più intelligenti e produttivi.

Cos’è un construction workflow

L’espressione construction workflow, o flusso di lavoro di costruzione, indica la sequenza delle attività (chiamate task) che devono essere completate per raggiungere un determinato obiettivo durante il processo di progettazione e realizzazione di un’opera.

Si tratta, nello specifico, di azioni sequenziali attentamente pianificate e coordinate che aiutano i professionisti e le imprese del settore edile a standardizzare tutti i processi e operare in modo più efficiente e produttivo.

Ogni progetto di costruzione può includere molti flussi di lavoro specifici. Il loro scopo è descrivere nel dettaglio quali attività devono essere intraprese per completare correttamente le fasi del processo edilizio e identificare i soggetti e gli strumenti necessari per la loro esecuzione.

Creazione di un Construction Workflow

Creazione di un construction workflow

5 esempi di construction management workflow

Tra i construction management workflow che permettono di migliorare notevolmente la gestione di un progetto ritroviamo, ad esempio:

  1. il BIM Workflow: è un di flusso di lavoro che prevede l’applicazione della metodologia BIM (Building Information Modeling) ai processi di progettazione delle opere edili e infrastrutturali. Favorisce la collaborazione tra le parti interessate e supporta la creazione di dati intelligenti che possono essere utilizzati in ogni fase del ciclo di vita del progetto, a partire dalla pianificazione fino al suo completamento;
  2. la pre-costruzione: è la fase di pianificazione preliminare che serve a delineare l’ambito del progetto e a definire il programma per il team di costruzione. Dall’accuratezza con cui viene eseguito questo flusso di lavoro dipende il successo dell’intero progetto. Prevede, infatti, la definizione del budget, l’identificazione dei rischi, l’ottenimento di permessi e autorizzazioni, la programmazione dei lavori, l’approvvigionamento delle risorse, e così via;
  3. le RFI: nell’ambito delle costruzioni, le RFI (Request for information) sono dei processi formali in cui le parti coinvolte, come il progettista o l’appaltatore, chiariscono eventuali lacune informative presenti nei documenti di costruzione (come piani, disegni, specifiche e accordi). Le RFI vengono emesse generalmente nella fase iniziale del progetto. Se le incongruenze vengono affrontate prima dell’inizio dei lavori sarà possibile evitare problemi, errori e ritardi durante la fase di costruzione;
  4. gli ordini di modifica: le modifiche sono abbastanza frequenti in un progetto di costruzione. Possono comportare l’introduzione di lavoro aggiuntivo rispetto a quello concordato nel contratto d’appalto o, al contrario, la rimozione di parte del lavoro programmato. Un flusso di lavoro per la gestione degli ordini di modifica aiuterà le parti interessate ad affrontare in modo più efficiente le modifiche di progettazione e a registrare senza problemi tutte le variazioni apportate al contratto di costruzione originale;
  5. la gestione del cantiere: i flussi di lavoro di cantiere sono indispensabili per ottimizzare e standardizzare tutte quelle operazioni che devono essere eseguite ripetutamente. Con l’aiuto dei diagrammi di flusso sarà possibile organizzare in modo più strutturato il lavoro e rendere le diverse attività più semplici e comprensibili per tutti lavoratori.
5 Construction Workflow essenziali

5 Construction Workflow essenziali

4 fasi per implementare un construction management workflow efficace

Disporre di buoni flussi di lavoro permette di suddividere i progetti complessi in passaggi più semplici per consentire alle parti coinvolte di portare a termine con successo i propri compiti.

Per costruire un construction management workflow che sia veramente efficace è importante seguire alcune tappe fondamentali:

  1. identificare le attività da svolgere: indipendentemente dalla complessità del progetto, il primo passo è sempre quello di delineare con precisione le attività che devono essere svolte. È necessario, poi, organizzare queste attività secondo una sequenza logico-temporale. È importante non tralasciare nulla, mettere in ordine tutti i passaggi e includere anche tutte le azioni che devono essere eseguite prima e dopo un’attività principale come, ad esempio, ottenere l’approvazione delle parti interessate o eseguire tutti i controlli finali richiesti;
  2. reperire gli strumenti necessari: il secondo passaggio consiste nell’individuare gli strumenti necessari per portare a termine ogni operazione. È opportuno concentrarsi sulle risorse che al momento non sono disponibili (come software, modelli, file, ecc.) e creare un adeguato piano di approvvigionamento;
  3. attribuire ruoli e responsabilità: è il passaggio che prevede l’assegnazione dei compiti ai vari reparti e/o soggetti coinvolti. Per ogni ruolo è possibile definire delle responsabilità chiave che si adattano alla specifica posizione. Ciascun membro del team dovrebbe essere a conoscenza del proprio ruolo ed essere responsabile solo delle attività che rientrano nelle proprie mansioni. Assegnare correttamente compiti e responsabilità evita controproducenti sovrapposizioni e assicura enormi vantaggi in termini di efficienza e produttività;
  4. migliorare il flusso di lavoro nel tempo: con molta probabilità un construction workflow non sarà perfetto la prima volta che viene implementato. Tuttavia, attraverso il monitoraggio di opportuni indicatori di prestazione, sarà possibile testare e perfezionare nel tempo tutte le attività e apportare le modifiche e le migliorie eventualmente richieste.

Quali sono i vantaggi di un construction management workflow

I flussi di lavoro possono essere applicati a qualunque attività debba essere eseguita in un progetto di costruzione e permettono di ottenere una serie di vantaggi, in quanto:

  • assicurano che tutte le operazioni vengano sviluppate correttamente: i flussi di lavoro forniscono ai soggetti coinvolti nel processo di costruzione linee guida chiare su come eseguire le diverse attività. Permettono di pianificare in anticipo le operazioni da eseguire. Tutto questo assicura che il lavoro venga completato in modo coerente e corretto, e che ritardi ed errori di ogni genere siano ridotti al minimo;
  • fanno risparmiare tempo e denaro: un flusso di lavoro che sia realmente efficiente, permette di velocizzare tutte le operazioni e di risparmiare tempo prezioso da dedicare ad altri aspetti importanti del progetto. Con l’utilizzo di sistemi software per il construction management è possibile, inoltre, programmare le diverse attività, semplificare l’assegnazione dei ruoli, tenere traccia dei progressi e risolvere le problematiche che si presentano nel corso della progettazione. Tutto questo si traduce in un miglioramento dell’efficienza e una conseguente riduzione dei costi;
  • permettono di standardizzare i processi: i flussi di lavoro hanno la capacità di trasformare un miscuglio di attività individuali (tra di loro non collegate) in un processo perfettamente organizzato e standardizzato. Definiscono da chi, quando e come devono essere eseguite le singole operazioni per portare a termine un lavoro. Questo consente di evitare costosi ritardi e di ridurre al minimo i problemi e gli imprevisti;
  • migliorano l’efficienza e la produttività: i flussi di lavoro standardizzati riducono al minimo la necessità di rimodulare i passaggi per i progetti futuri. Assicurano, inoltre, che tutte le attività vengano svolte nei tempi previsti, migliorando notevolmente l’efficienza e la produttività;
  • riducono gli errori e le rilavorazioni: una corretta pianificazione del lavoro permette di individuare e risolvere in anticipo i potenziali problemi. I flussi di lavoro ben organizzati consentono, quindi, di ridurre gli errori di progettazione e la necessità di costose varianti in corso d’opera.

Se vuoi creare dei construction workflow efficienti e innovativi, e ottimizzare i tuoi processi di costruzione, prova subito un construction management software. Con questo sistema potrai assegnare, avviare, tracciare, gestire qualunque attività che riguardi i tuoi progetti. Le problematiche che solitamente si presentano nel corso della progettazione non saranno più un problema! Potrai trasformarle in semplici task da risolvere e monitorare il processo di risoluzione dall’inizio fino al suo completamento.

 

usbim-resolver
usbim-resolver
usbim-resolver
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *