Home » Notizie » Certificazione energetica » I consigli ENEA per l’uso sostenibile dei condizionatori

Condizionatore-consigli-pratici-ENEA

I consigli ENEA per l’uso sostenibile dei condizionatori

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Come risparmiare fino al 7% sul totale della bolletta elettrica con una scelta oculata del tipo di condizionatore, la corretta installazione e manutenzione dell’impianto

L’ENEA, con cadenza annuale, offre consigli utili sull’uso degli impianti di climatizzazione per raffrescare le abitazioni in modo efficiente, per migliorare il comfort, risparmiare in bolletta e salvaguardare l’ambiente.

Secondo un’indagine ISTAT,  il 48,8% delle famiglie dispone di un sistema di climatizzazione estiva, una percentuale che sale al 51,2% nel Mezzogiorno (49,1% al Nord e 44,2% al Centro). A livello regionale, la diffusione maggiore si registra in Veneto (70%), con la Valle d’Aosta in coda con il 4,7% delle famiglie che ne dispone.

Ecco i consigli degli esperti ENEA per ottenere benefici ambientali e risparmi fino al 7% sul totale della bolletta elettrica.

Consigli pratici per la scelta e l’installazione dei condizionatori

Non tutti i dispositivi utilizzati per il raffrescamento sono uguali: grazie ai rendimenti elevati, i climatizzatori a pompa di calore ad alta efficienza richiedono meno energia rispetto ai condizionatori di vecchia generazione, riducendo le bollette e contribuendo a ridurre le emissioni di CO2 e l’impatto ambientale“, spiega Nicolandrea Calabrese, responsabile del Laboratorio ENEA di Efficienza energetica negli edifici e sviluppo urbano. “Bisogna inoltre considerare il vantaggio di poter sfruttare lo stesso impianto per riscaldare e raffrescare. Se abbinati con impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica, rappresentano una valida tecnologia per la realizzazione degli edifici a zero emissioni richiesti dalla nuova Direttiva UE EPBD ed il raggiungimento degli obiettivi del Green Deal europe“.

Condizionatori con tecnologia inverter

Un condizionatore che presenta una tecnologia di controllo inverter, permetterà di avere prestazioni ottimali in qualsiasi condizioni di impiego. Questi modelli, particolarmente funzionali, costano di più rispetto a quelli dotati di tecnologia on-off ma il consumo energetico e la rumorosità sono minori, a fronte di un maggior comfort all’interno degli ambienti serviti.

Classe energetica

Indipendentemente dalla tecnologia, sono sempre da preferire i modelli in classe energetica superiore alla A, in quanto, oltre a una riduzione delle emissioni di CO2 in atmosfera, consumano molto di meno. Ad esempio, un modello in classe A+++ consumerà fino al 40% in meno di elettricità rispetto a uno di classe B.

Posizione

La posizione dell’installazione del nostro climatizzatore è molto importante. L’ENEA, comunica, che è molto utile collocare il climatizzatore nella parte alta della parete, in quanto l’aria fredda tende a scendere e si mescolerà più facilmente con quella calda che invece tende a salire.

Schermature

Chiudere le persiane, abbassare le tapparelle o schermare i serramenti nelle ore centrali delle giornate estive ci consentirà di ridurre gli apporti solari in ingresso all’abitazione e, conseguentemente, ci consentirà di ottenere un risparmio in bolletta.

Temperatura interna

La normativa prevede che durante la stagione estiva la temperatura interna non deve scendere sotto i 24-26 °. Inoltre, per scongiurare la sensazione di caldo opprimente potrebbe bastare l’attivazione della funzione “deumidificazione”, in quanto l’umidità presente nell’aria fa percepire una temperatura ben più elevata di quella reale.

Climatizzatore per ogni stanza

Installare un condizionatore potente in corridoio sperando che rinfreschi l’intera abitazione è inutile: l’unico risultato sarà quello di prendersi un colpo di freddo ogni volta che si attraversa il corridoio andando da una stanza all’altra, in quanto sarà l’unico ambiente ad essere raffrescato.

Coibentazione dei tubi del circuito refrigerante all’esterno dell’abitazione

Per evitare inutili dispersioni è necessario isolare termicamente i tubi del circuito refrigerante presenti all’esterno dell’abitazione.

Timer e la funzione notte

Grazie a queste funzioni è possibile ridurre al minimo il tempo di accensione dell’apparecchio e aumentare il comfort. Inoltre, la funzione “notte” o “sleep” regola, nelle ore notturne, la temperatura ambiente in modo da rispondere alla variazione della temperatura corporea.

Check-up dell’abitazione

Una diagnosi energetica dell’edificio è il primo passo utile per valutare lo stato dell’isolamento termico di pareti e finestre e l’efficienza degli impianti di climatizzazione. La diagnosi suggerirà gli interventi da realizzare valutandone il rapporto costi-benefici. Oltre ad abbattere i costi per la climatizzazione estiva degli ambienti anche fino al 40%, gli interventi sono ancora più convenienti se si usufruisce delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici.

In merito, ti consiglio un software per la certificazione energetica, la verifica delle prestazioni energetiche degli edifici e la progettazione di interventi di efficientamento energetico Superbonus ed ecobonus, sempre aggiornato alle ultime novità normative.

Corretta manutenzione dei condizionatori

Il condizionatore, come tutti gli elettrodomestici, richiede una pulizia e una manutenzione minima per funzionare correttamente per molto più tempo. È importante controllare la tenuta del circuito del gas, in quanto la normativa prevede l’obbligo del libretto impianto e di controlli periodici per gli impianti con una potenza superiore a 10 kW per quelli invernali e a 12 kW per quelli estivi.

Incentivi per l’acquisto di condizionatori

Per gli acquisti effettuati entro il 31 dicembre 2024 è possibile beneficiare di una detrazione fiscale del 50% oppure del 65% a seconda dell’intervento realizzato e della tipologia di apparecchiatura acquistata:

  • 50% per l’acquisto di condizionatori effettuato nell’ambito di opere edilizie per ristrutturazione o manutenzione straordinaria;
  • 65% per l’acquisto di condizionatori a pompa di calore ad alta efficienza in sostituzione di uno di classe inferiore.

Leggi l’approfondimento su Bonus condizionatori 2024

 

termus
termus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *