Opere edili

Conservazione del patrimonio culturale: ecco la UNI EN 17820

Pubblicata da UNI la norma sulla gestione delle collezioni di opere d’arte mobili. Leggi per conoscere i dettagli del nuovo documento per la conservazione del patrimonio culturale

L’Italia, celebre per la sua ricca tradizione artistica e culturale, possiede un patrimonio culturale inestimabile che va tutelato, conservato e reso accessibile a tutti. È fondamentale garantire che musei, gallerie d’arte ed altre istituzioni culturali possano svolgere appieno il loro ruolo, diffondendo la cultura in modo completo ed inclusivo.

UNI, attraverso la commissione “Prodotti, processi e sistemi per l’organismo edilizio“, dimostra un’attenzione particolare a questa tematica. Infatti, recentemente, è stata recepita anche in Italia la norma EN 17820. Nel dettaglio, ci riferiamo alla:

  • UNI EN 17820:2023Conservazione del Patrimonio Culturale – Norme per la gestione delle collezioni di opere d’arte mobili“.

A tal riguardo, vorrei ricordarti che la progettazione degli spazi espositivi e degli allestimenti museografici costituisce una operazione delicata e complessa che non va sottovalutata, ma affrontata con i giusti strumenti. Per una progettazione ottimale ed efficace, vorrei suggerirti un software per la progettazione architettonica 3D/BIM, semplice e intuitivo, dotato di una tecnologia Real Time Rendering che ti consentirà di realizzare progetti sempre più fedeli alla realtà con il vantaggio di poter verificare la validità delle soluzioni progettuali anche relativamente agli effetti di luce sia artificiale che naturale in tempo reale.

La UNI EN 17820:2023 per la gestione ottimale delle collezioni di opere d’arte mobili

Il documento stabilisce termini e standard per la gestione delle collezioni di opere d’arte mobili. Questo documento si applica agli enti che possiedono collezioni, come archivi, biblioteche, musei e gallerie, sia per opere fisiche che digitali. La norma promuove l’adozione di politiche e procedure essenziali, incoraggiando revisioni e miglioramenti costanti.

Le istituzioni culturali che custodiscono collezioni di opere d’arte mobili hanno la responsabilità di gestirle in modo pianificato e sistematico, al fine di garantirne la conservazione e l’accessibilità nel tempo. La UNI EN 17820 fornisce un quadro di riferimento per questa gestione, partendo dagli obiettivi dell’organizzazione fino alle politiche e ai procedimenti fondamentali da stabilire. L’obiettivo è anche quello di promuovere la valutazione continua di queste politiche e protocolli.

Molte istituzioni culturali hanno sviluppato i propri approcci alla gestione delle collezioni, mentre alcuni Paesi regolamentano questo aspetto per le istituzioni governative e pubbliche, stabilendo standard di qualità e facendo riferimento a codici di pratica ben riconosciuti, come il codice etico ICOM per i musei del Consiglio Internazionale dei Musei. La UNI EN 17820 si propone di integrare tali regolamenti e codici, fornendo un quadro di riferimento e specifiche operative per una buona pratica. Il documento comprende una sezione introduttiva sui principi normativi, seguita da appendici che contengono le principali politiche e protocolli minimi che tutte le istituzioni culturali con collezioni devono applicare, insieme alle politiche locali e nazionali.

All’interno della UNI EN 17820 sono riportati i seguenti riferimenti normativi:

  • EN 15946 “Conservazione dei beni culturali – Principi di imballaggio per il trasporto”;
  • EN 16095 “Conservazione dei beni culturali – Registrazione dello stato dei beni culturali mobili”;
  • EN 16648 “Conservazione del patrimonio culturale – Metodi di trasporto”;
  • EN 16790 “Conservazione del patrimonio culturale – Gestione integrata degli infestanti (IPM) per la tutela del patrimonio culturale”;
  • EN 16853 “Conservazione del patrimonio culturale – Processo di conservazione – Processo decisionale, pianificazione e attuazione”;
  • EN 16893 “Conservazione del patrimonio culturale – Specifiche per l’ubicazione, la costruzione e la modifica degli edifici o dei locali destinati/o alla conservazione o all’uso delle collezioni del patrimonio”;
  • EN 17429 “Conservazione del patrimonio culturale – Appalto di servizi e opere di conservazione”;
  • ISO 21110 “Informazioni e documentazione – Preparazione e risposta alle emergenze”.

 

La UNI EN 17820:2023 sulla gestione del patrimonio culturale mobile è scaricabile a pagamento sul sito UNI

 

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Obbligo di rimozione amianto per privati: quando vige?

Scopri tutto sull'obbligo di rimozione amianto per privati: regolamentazioni, procedure, sanzioni e bonus disponibili per…

20 Giugno 2024

Il principio DNSH negli investimenti PNRR in fognatura e depurazione

Vademecum del MASE per il rispetto del principio DNSH negli investimenti in fognatura e depurazione…

20 Giugno 2024

Appalti pubblici: tutto quello che devi sapere

Appalti pubblici: definizione, tipologie, normativa, fasi, metodi di aggiudicazione, durata e documenti. Tutto quello che…

20 Giugno 2024

Impianti antincendio: tipologie e caratteristiche

Gli impianti antincendio sono sistemi progettati per combattere tempestivamente un incendio, ma quali tipologie comprendono…

20 Giugno 2024

Pergolato senza permesso: cosa prevede la normativa

È possibile installare un pergolato senza permesso? A quali condizioni? Scopri cosa prevede la normativa…

20 Giugno 2024

Tettoia: tra pertinenza, accessorio e nuova costruzione

Una tettoia quando di dimensioni impattanti sul territorio non può risultare né come pertinenza né…

20 Giugno 2024