Home » Notizie » News, varie e brevi » Ultime notizie sul Condono edilizio

Condono-edilizio-2024

Ultime notizie sul Condono edilizio

Tempo di lettura stimato: 1 minuto

L’ultima ora e le ultimissime news aggiornate in tempo reale sul condono edilizio in Italia e le proposte in campo

    3 commenti
    1. Ernesto Maffei
      Ernesto Maffei dice:

      Penso sia necessario un intervento legislativo per una riordino edile. Oggi ci sono centinaia di miglia di abitazioni non in regola, domande di sanatoria fatte in base al condono del 1986 ( 37 anni fa) non definite che rendono illegale qualsiasi lavoro di manutenzione compreso quelli atti al contenimento energetico. Non è pensabile che un Comune in 37 anni non riesca a definire una pratica, gli uffici tecnici sono molto più efficienti di quanto si voglia far credere, il problema è che con le norme attuali i Comuni dovrebbero emettere migliaia di ordinanze di demolizione con un enorme danno economico per la collettività, quali sistemazione degli attuali abitanti, scomparsa delle seconde case e quindi perdita di presenze , perdita di entrate tributarie etc. Allora si dovrebbe pensare a regolarizzare quanto non crea danni alla collettività accertato con idonea perizia tecnica, regolarizzazione catastale, assicurazione casco per danni sia all’abitazione che a terzi. Verrebbero immesse sul mercato tante abitazioni oggi non commerciabili. si darebbe un grosso impulso al mercato della manutenzione edile e si eviterebbero molte spese per lo Stato per interventi di aiuto dopo le ricorrenti catastrofi naturali.

      Rispondi
    2. Giuseppe Uggeri
      Giuseppe Uggeri dice:

      Salve mi scuso se scrivo, mi servirebbero alcune informazioni su un abuso edilizio, credo !

      Abito in un condominio di 4 appartamenti in zona provincia di Brescia, realizzato intorno al 1982 da mio padre, con tutti i permessi in regola, i tre immobili sono cosi suddivisi uno è stato venduto intorno al 2002, in uno abito io in uno abita mia mamma e uno è in affitto e abbiamo scelto di vendere l’appartamento in affitto

      L’immobile in vendita non è stato mai ristrutturato e non sono mai state fatti lavori di ampliamento o rinnovo è cosi come è stato costruito da mio padre

      Prima di vendere abbiamo guardato bene la planimetria e ci sono alcune imprecisione solo che non comprendo se sono abusi edilizi o no

      Sulla planimetria risulta un muro, che separa il corridoio ingresso e le camere da letto, spostato rispetto al progetto, il muro è di circa 2 metri per 10 cm, non è portante è in mattoni, il muro è spostato di 22 cm circa rispetto a dove dovrebbe essere sulla planimetria

      Seconda cosa nella stanza da letto una parete che sul progetto è dritta presenta una sporgenza dove passa la canna fumaria delle caldaia poste al piano terra

      La finestra della cucina non risulta centrata perfettamente di circa 10 cm rispetto alla planimetria

      La mia domanda è per queste incongruenze devo per forza fare una sanatoria ? Non e possibile chiedere un condono ? E queste irregolarità non sono in prescrizione ?

      Mi scuso per le domande un po ingenue non sono il mio settore e non le capisco, mi sto solo informando per i costi

      Mille grazie
      Giuseppe Uggeri

      Rispondi
      • Redazione di BibLus
        Redazione di BibLus dice:

        Ciao, Giuseppe! È da premettere che un abuso edilizio, qualunque esso sia, non va mai in prescrizione! Le piccole incongruenze planimetriche che descrivi tra il progetto allegato al titolo edilizio del fabbricato e lo stato di fatto dell’immobile, pur costituendo piccoli abusi, vanno sanati con il pagamento di un’ammenda. Ma oltre alla sanatoria, dovrai anche provvedere ad aggiornare la planimetria catastale. Per il resto, ti consiglio di confrontarti con un tuo tecnico di fiducia.

        Rispondi

    Lascia un Commento

    Vuoi partecipare alla discussione?
    Fornisci il tuo contributo!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *