Inarcassa: entro il 2 novembre l'invio della dichiarazione 2020

Inarcassa: entro il 2 novembre l’invio della dichiarazione 2020

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Dichiarazione Inarcassa 2020 del reddito professionale e/o del volume d’affari: da quest’anno è obbligatoria la comunicazione della PEC

Inarcassa ricorda (con un comunicato sul proprio sito) che la scadenza per l’invio della dichiarazione è il 2 novembre 2021 (il 31 ottobre è domenica) e raccomanda di non attendere gli ultimi giorni a ridosso della scadenza, onde non incorrere in disservizi dovuti ad un eventuale intenso traffico dei sistemi.

Le novità per la dichiarazione 2020

La comunicazione deve essere inviata anche se le dichiarazioni fiscali non sono state presentate o sono negative.

A partire dal 2021, evidenzia Inarcassa, è inoltre obbligatoria la comunicazione dell’indirizzo PEC o della sua variazione nel modello di dichiarazione, pena l’emissione delle sanzioni.

I professionisti che per l’anno 2020 si sono avvalsi del regime fiscale agevolato (regime forfetario) per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità, sono tenuti a compilare lo stesso quadro LM della dichiarazione Redditi 2021 e devono compilare la dichiarazione riportando il reddito professionale/volume di affari derivante dall’esercizio della professione.

La colonna 4 del quadro fiscale LM (righi dal 22 al 27) prevede l’inserimento dei compensi percepiti a seguito di cessione dei diritti d’autore o utilizzo di opere dell’ingegno correlate allo svolgimento dell’attività professionale che concorrono quindi alla formazione del Volume d’affari imponibile del contributo integrativo e del Reddito professionale imponibile del contributo soggettivo.

Chi deve inviare la dichiarazione

Sono tenuti a trasmettere la dichiarazione on line i seguenti soggetti:

  • ingegneri e architetti contestualmente iscritti agli albi professionali e titolari di partita IVA nell’anno 2020, a prescindere dal codice di attività, anche se non iscritti a Inarcassa;
  • società di professionisti;
  • società tra professionisti;
  • società di ingegneria;
  • eredi dei professionisti deceduti nel corso del 2020.

Chi è esonerato dall’invio

Sono, invece, esonerati dal dover inviare la comunicazione gli ingegneri ed architetti NON iscritti a Inarcassa che:

  • per l’anno 2020 siano privi di partita IVA;
  • sono iscritti anche in altri Albi professionali e che, a seguito di espressa previsione legislativa, abbiano esercitato il diritto di opzione per l’iscrizione ad altra Cassa Previdenziale con decorrenza anteriore al 2020.

Come inviare la dichiarazione

La dichiarazione deve essere presentata obbligatoriamente mediante invio telematico, accedendo all’apposita sezione su Inarcassa On Line (bisogna avere a disposizione le credenziali di accesso); fanno eccezione gli eredi dei professionisti deceduti, che possono trasmettere il facsimile del modello cartaceo (disponibile nella sezione “documenti utili”), a mezzo di raccomandata semplice.

Quando inviare la dichiarazione

Il termine ultimo per l’invio è il 2 novembre 2021; solo per gli eredi dei professionisti deceduti il termine per l’invio della comunicazione e per il pagamento degli eventuali contributi è prorogato di 12 mesi dalla data dell’avvenuto decesso.

 

Clicca qui per accedere al sito Inarcassa

 

compensus
compensus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *