Come si calcola la rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale?

In particolare, la Circolare fornisce chiarimenti tecnici e modalità operative per l’applicazione dei diversi procedimenti di stima previsti dall’ordinamento catastale per queste tipologie di immobili.

L’Agenzia del Territorio ha pubblicato la Circolare n. 6/2012 del 30 novembre 2012, che contiene le modalità di determinazione della rendita catastale delle unità immobiliari a destinazione speciale, ossia quelle unità censite nelle categorie catastali “D” ed “E”.

In particolare, la Circolare fornisce chiarimenti tecnici e modalità operative per l’applicazione dei diversi procedimenti di stima previsti dall’ordinamento catastale per queste tipologie di immobili.

La Circolare è così strutturata:

  • Quadro normativo di riferimento
  • Le componenti immobiliari oggetto di stima catastale
  • L’approccio reddituale nel procedimento di determinazione della rendita catastale
  • L’approccio di mercato nel procedimento indiretto di determinazione della rendita catastale
  • L’approccio di costo nel procedimento indiretto di determinazione della rendita catastale
  • Il saggio di fruttuosità
  • Disposizioni finali

Clicca qui per scaricare la Circolare 6/2012, novembre 2012

 
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *