Home » Notizie » Certificazione energetica » Come migliorare la certificazione energetica: il sondaggio ENEA-CTI

Come migliorare la certificazione energetica

Come migliorare la certificazione energetica: il sondaggio ENEA-CTI

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Sei un certificatore energetico? Rispondi al questionario promosso da ENEA e CTI per la prossima revisione dell’APE, anche in vista del recepimento della direttiva “case green”

L’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) e il CTI (Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente) stanno preparando l’edizione 2024 del Rapporto Annuale sulla Certificazione Energetica degli Edifici.

Nell’edizione di quest’anno si è ritenuto utile approfondire il flusso di azioni che partendo dalla fase di qualifica del Certificatore Energetico e passando per la raccolta dati e la loro imputazione nei software, portano all’APE e alla sua consegna ai catasti regionali.

Pertanto, il presente questionario è rivolto esclusivamente ai Certificatori Energetici degli edifici come definiti dal D.P.R. 75/2013 e richiede al massimo 10 minuti per la sua compilazione.

La compilazione è possibile fino a tutto il prossimo 24 giugno.

Il fine ultimo, anche in ottica di una potenziale revisione del processo di redazione del futuro Attestato che potrà avvenire con il recepimento della nuova Direttiva sulle Prestazioni Energetiche degli edifici, è quello di individuare elementi di miglioramento del flusso e della qualità dei dati che si ritiene siano il primo mattoncino, in capo al certificatore, di un sistema complesso che in ultima analisi serve per valutare i risultati delle politiche energetiche del Paese e costruire le future strategie.

I dati saranno raccolti e riassunti in forma anonima (nessun indirizzo e-mail verrà acquisto) e aggregata (in tabelle e/o grafici) e verranno inclusi nel Rapporto sulla Certificazione energetica degli edifici del 2024, a cura dell’ENEA e del CTI nel rispetto della normativa sulla Privacy. CTI ed ENEA ringraziamo per la collaborazione.

 

 

TerMus

 

TerMus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *