Bonus prima casa under 36: ecco le istruzioni

Bonus prima casa under 36: ecco le istruzioni

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Dalle Entrate le regole per usufruire delle agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa da parte di giovani under 36 con ISEE sotto i 40.000 euro

Come previsto dal dl Sostegni bis (dl n. 73/2021), i giovani con meno di 36 anni e con un ISEE non superiore 40.000 euro che acquistano un’abitazione entro il 30 giugno 2022, possono ottenere il bonus “prima casa under 36“.

Il bonus prima casa under 36

Il bonus vuole incentivare l’acquisto della casa di abitazione da parte dei giovani e contrastare il disagio giovanile.

In pratica, è prevista un’agevolazione in favore degli under 36 acquirenti di una “prima casa” con un valore dell’indicatore della situazione economica equivalente ISEE non superiore a 40.000 euro annui.

Per tali giovani è prevista:

  • l’esenzione dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale;
  • in caso di acquisto soggetto ad IVA, il riconoscimento di un credito d’imposta di ammontare pari al tributo corrisposto in relazione all’acquisto;
  • l’esenzione dall’imposta sostitutiva per i finanziamenti erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione di immobili ad uso abitativo, al ricorrere dei medesimi presupposti.

La circolare n. 12/E delle Entrate

Con la circolare l’Agenzia delle Entrate intende fornire tutte le regole per usufruire dell’agevolazione, chiarendo che il bonus vale per:

  • gli atti stipulati tra il 26 maggio 2021 e il 30 giugno 2022;
  • anche le pertinenze dell’immobile agevolato (come il box);
  • gli immobili acquistati tramite asta giudiziaria.

E’ previsto, inoltre:

  • l’azzeramento delle imposte di registro, ipotecaria e catastale anche per gli atti soggetti a Iva;
  • l’esenzione dall’imposta sostitutiva per i mutui erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione di immobili a uso abitativo.

L’agevolazione NON è, invece, applicabile ai contratti preliminari di compravendita, essendo prevista per i soli atti traslativi o costitutivi a titolo oneroso.

Requisiti di accesso

Di seguito i requisiti per accedere al nuovo bonus:

  • i soggetti non devono ancora aver compiuto trentasei anni di età nell’anno in cui l’atto è rogitato;
  • un valore dell’indicatore della situazione economica equivalente (Isee) non superiore a 40.000 euro annui;
  • di essere in possesso della relativa attestazione in corso di validità (o di aver già provveduto a richiederla in data anteriore o almeno contestuale alla stipula dell’atto).

Vantaggi

Il bonus prima casa under 36 prevede diversi vantaggi, tra cui, innanzitutto:

  • l’esenzione dal pagamento dell’imposta di registro, ipotecaria e catastale;
  • il riconoscimento di un credito d’imposta pari all’imposta pagata per l’acquisto, in caso di acquisto soggetto a Iva, che potrà essere utilizzato a sottrazione delle imposte dovute su atti, denunce e dichiarazioni dei redditi successivi alla data di acquisto o usato in compensazione tramite F24;
  • agevolazioni anche per i finanziamenti collegati all’acquisto, alla costruzione e alla ristrutturazione dell’immobile: non è dovuta l’imposta sostitutiva delle imposte di registro, di bollo, ipotecarie e catastali e delle tasse sulle concessioni governative.

Per godere dell’esenzione il beneficiario dovrà dichiarare la sussistenza dei requisiti nel contratto o in un documento allegato.

I contratti preliminari di compravendita e le aste giudiziarie

La circolare, infine, pone l’attenzione anche sui contratti preliminari di compravendita che non possono godere delle nuove agevolazioni in quanto la norma fa riferimento ai soli atti traslativi o costitutivi a titolo oneroso.

Tuttavia, successivamente alla stipula del contratto definitivo di compravendita, è possibile presentare formale istanza di rimborso per il recupero dell’imposta proporzionale versata per acconti e caparra in forza dell’articolo 77 del TUR.

 

Clicca qui per scaricare la circolare n. 12/E

 

estimus
estimus

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *