Antincendio: chiarimenti su porte esterne e marcatura CE

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Antincendio: la circolare dei Vigili del Fuoco fornisce delucidazioni circa la definizione di porta per uso esterno e relativa marcatura CE

A seguito di alcuni dubbi sollevati in merito alle criticità interpretative in relazione alla definizione di porte resistenti al fuoco per uso esterno, i Vigili del Fuoco hanno pubblicato la circolare del 17 giugno 2022, n. 8809 contenente alcune precisazioni circa la precedente circolare n. 16746 del 26 novembre 2019. Essa, infatti, stabiliva che per porta esterna si intendesse:

un serramento che separa due locali con condizioni climatiche diverse, come un vano climatizzato da un vano non climatizzato, oppure un vano dall’ambiente esterno alla costruzione.

Detta definizione portava, quindi, a considerare anche le porte di accesso agli appartamenti su pianerottoli e vani scala, ad esempio, come porte esterne e di conseguenza soggette alla marcatura CE, disattendendo quanto previsto dalla normativa europea.

La gravità di un incendio e la possibilità di danni a cose e persone dipende da come il fuoco possa reagire ai materiali e agli sbarramenti che incontra lungo il suo percorso distruttivo; è, quindi, fondamentale tenere conto di questo aspetto nella progettazione antincendio degli edifici.

Per far fronte a tutta una serie di obblighi progettuali, ti consiglio un software integrato per la progettazione antincendio, sempre aggiornato al nuovo codice di prevenzione incendi. E’ il programma che ti aiuta nella gestione dei documenti obbligatori richiesti dai Vigili del Fuoco e nella redazione del Documento di Valutazione del Rischio Incendio e del Piano di Emergenza ed Evacuazione.

Porte esterne e marcatura CE: la nuova circolare dei Vigili del Fuoco

La circolare in esame, avente ad oggetto “Porte resistenti al fuoco ricadenti nel campo di applicazione del Regolamento (UE) n. 305/2011 sui prodotti da costruzione (CPR) – Porte pedonali esterne, porte e cancelli industriali, chiarimenti ed indirizzi applicativi – Precisazioni lettera circolare n. 16746 del 26/11/2019”, intende dunque fornire utili indicazioni sulle porte per uso esterno ricadenti nel campo di applicazione del Regolamento (UE) n.305/201 e relativa marcatura CE.

Lo scopo del documento è quello di consentire la contestuale apposizione della marcatura CE e del marchio di conformità alla omologazione di una porta o di una finestra resistente al fuoco con doppio uso (sia per interno che per esterno).

Definizione di porta esterna

In merito alla definizione di porta per uso esterno è stato interpellato il Comitato Tecnico TC/33 del CEN che ha richiamato la norma armonizzata EN 14351-1 e ha precisato quanto segue:

una porta esterna è quella che, nell’involucro dell’edificio, separa il clima esterno da quello interno dell’edificio, senza tener in conto quelle condizioni climatiche diverse prodotte da impianti di condizionamento dell’aria su un solo lato della porta.

In conclusione, in base alla nuova definizione, avente natura meramente esemplificativa e ricognitiva della normativa comunitaria, si ha che le porte dei pianerottoli non separano gli ambienti dall’esterno dell’edificio e non sono, quindi, considerate esterne e non sono soggette a marcatura CE.

 

 

antifuocus
antifuocus

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.