Ecobonus

Tregua fiscale: come regolarizzare le irregolarità formali

Ecobonus: nessuna tregua fiscale o sanatoria in caso di tardive o omesse comunicazioni all’Enea. I chiarimenti nella circolare delle Entrate

Alla luce dell’attuale contesto di crisi economica causata dai residui effetti dell’emergenza da Covid-19 e dall’aumento del costo di gas ed energia, la legge di Bilancio 2023 (legge n. 1971/2022) ha previsto alcune misure che hanno lo scopo di supportare le imprese ed i contribuenti: si parla di tregua fiscale.

Nella nuova circolare n. 2/E l’Agenzia delle Entrate spiega tutte le possibilità e le modalità per usufruire delle agevolazioni previste dalla legge di Bilancio 2023, destinate a supportare imprese e famiglie in crisi.

Se hai ancora dubbi su come procedere e gestire le pratiche legate alle detrazioni fiscali in edilizia, desidero consigliarti un software Superbonus 110 che può risolvere i tuoi problemi e portare a buon fine il godimento delle agevolazioni. Avrai a tua disposizione tutte le linee guida per gestire al meglio le pratiche sia dal punto di vista burocratico-amministrativo che da quello tecnico-economico.

Circolare n. 2/E, le indicazioni per beneficiare delle nuove misure di tregua fiscale

La circolare n. 2/E riporta le istruzioni per i contribuenti che intendono beneficiare delle misure agevolative; si tratta di una continuazione della precedente circolare n. 1/E sulla definizione degli avvisi bonari, ossia la definizione agevolata delle somme dovute successivamente al controllo automatizzato delle dichiarazioni.

Nella nuova circolare, inoltre, viene fatto un approfondimento in tema di  “omessa comunicazione ad Enea”.

Ecobonus: nessuna tregua fiscale in caso di omessa comunicazione all’Enea

Tra le informazioni per i contribuenti che intendono beneficiare delle misure di tregua fiscale, è da sottolineare l’inapplicabilità della tregua fiscale o della sanatoria per la mancata comunicazione ad Enea necessaria per usufruire delle agevolazioni per gli interventi di riqualificazione energetica di edifici (di cui all’articolo 1, commi da 344 a 347, della legge n. 296/2006): l’ecobonus.

Ricordiamo, infatti, che per perfezionare l’accesso alla detrazione entro 90 giorni dalla fine dei lavori è necessario trasmettere all’Enea:

  • le informazioni contenute nell’attestato di prestazione energetica, attraverso l’allegato A al “decreto edifici” (D.M. 19 febbraio 2007);
  • la scheda informativa (allegato E o F al “decreto edifici”), relativa agli interventi realizzati.

Come confermato anche nella circolare dell’8 luglio 2020, n. 19/E, la certificazione all’Enea costituisce, infatti, uno dei documenti necessari per poter beneficiare della detrazione spettante per le spese sostenute per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Il Fisco chiarisce che sono escluse dalla sanatoria le comunicazioni necessarie a perfezionare alcuni tipi di opzione o l’accesso ad agevolazioni fiscali, per le quali è previsto l’istituto della remissione in bonis per consentire ai contribuenti di sanare la violazione entro il termine della prima dichiarazione utile: tra le comunicazioni escluse dalla sanatoria rientra quella destinata all’Enea.

Pertanto, vista la similitudine con la sanatoria del 2019, si ritiene che la tardiva od omessa comunicazione all’Enea non rientra tra le violazioni formali oggetto di definizione agevolata.

Per la redazione dell’attestato di prestazione energetica ti consiglio di affidarti ad un software per l’APE in grado di predisporre tutta la documentazione e in tutta tranquillità, al riparo da possibili errori e sempre in linea con le norme vigenti.

Le misure di tregua fiscale

Il documento spiega in maniera semplice come usufruire delle norme agevolative destinate a supportare imprese e famiglie in crisi; quali:

  • regolarizzazione delle irregolarità formali relative a imposte sui redditi, Iva e Irap commesse fino al 31 ottobre 2022;
  • ravvedimento speciale previsto per le violazioni sulle dichiarazioni relative al periodo d’imposta 2021 e precedenti;
  • adesione e definizione agevolata degli atti del procedimento di accertamento;
  • regolarizzazione degli omessi pagamenti di rate dovute a seguito di acquiescenza, accertamento con adesione, reclamo o mediazione e conciliazione giudiziale.

Il documento contiene, inoltre, indicazioni su:

  • cancellazione dei debiti minori di importo fino a 1.000 euro affidati all’Agente della riscossione dal 2000 al 2015;
  • definizione agevolata dei carichi affidati dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022;
  • misure in materia di contenzioso pendente (definizione agevolata delle controversie tributarie, conciliazione agevolata delle controversie tributarie innanzi alle Corti di giustizia tributaria, rinuncia agevolata dei giudizi tributari pendenti innanzi alla Corte di Cassazione).

Come sistemare le irregolarità formali

Per regolarizzare le violazioni formali occorre versare un importo pari a 200 euro per ciascun periodo d’imposta cui si riferiscono le violazioni e rimuovere le irregolarità od omissioni. Il versamento va eseguito in due rate di pari importo, rispettivamente entro:

  • il 31 marzo 2023;
  • il 31 marzo 2024.

Esempi

Con una serie di esempi l’Agenzia delle Entrate intende chiarire quali violazioni possono essere sanate e quali no.

Ravvedimento operoso speciale

Parliamo di una delle misure introdotte dalla legge di Bilancio 2023 al fine di regolarizzare le violazioni in merito alle dichiarazioni validamente presentate relative al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2021 e ai periodi di imposta precedenti.

Grazie al ravvedimento operoso speciale, i contribuenti possono versare entro il 31 marzo 2023:

  • un importo pari a un diciottesimo del minimo edittale delle sanzioni previsto dalla legge;
  • l’imposta;
  • gli interessi dovuti.

Attraverso il ravvedimento è possibile regolarizzare le violazioni:

  • “sostanziali” dichiarative;
  • sostanziali “prodromiche” alla presentazione della dichiarazione.

Adesione agevolata e definizione agevolata

La legge di Bilancio ha previsto la definizione agevolata degli atti del procedimento di accertamento riferibili ai tributi amministrati dall’Agenzia delle Entrate: in tale ipotesi il beneficio derivante dalla definizione agevolata consiste nell’applicazione delle sanzioni previste nella misura di un diciottesimo della sanzione prevista dalla legge.

Regolarizzazione degli omessi pagamenti di rate

La procedura prevista prevede la possibilità di regolarizzare, mediante il versamento integrale della sola imposta, l’omesso o carente versamento delle rate successive alla prima relative alle somme dovute a seguito di accertamento con adesione o di acquiescenza degli avvisi di accertamento e degli avvisi di rettifica e di liquidazione, nonché a seguito di reclamo o mediazione, scadute al 1° gennaio 2023 e per le quali non sono stati ancora notificati la cartella di pagamento ovvero l’atto di intimazione.

Stralcio dei debiti fino a euro 1.000 e definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione

Previsto lo stralcio dei debiti fino a 1.000 euro affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2015.

 

 

 

Lascia un Commento

La tua email non sarà resa pubblica I campi segnati sono richiesti*

Condividi
Pubblicato da Redazione Tecnica

Articoli recenti

Condono edilizio 2024: arriva il decreto “salva-casa”, testo in PDF

Pronto il condono edilizio 2024: il decreto "salva-casa" interviene su doppia conformità, tolleranze costruttive, attività…

24 Maggio 2024

CER e autoconsumo: il vademecum ANCI per i Comuni

La guida per i Comuni che vogliono sfruttare le opportunità legate all'autoconsumo e alle Comunità…

23 Maggio 2024

Un caso studio su Virtual Reality e Risk Assessment

Scopri come l'integrazione tra la Virtual Reality e il Risk Assessment ottimizzano l'efficienza e la…

23 Maggio 2024

Coefficiente di scambio termico: come si calcola?

Il coefficiente di scambio termico misura la capacità di un conduttore termico ad essere percorso…

23 Maggio 2024

Tettoia o portico, quale la differenza?

Il CdS traccia un identikit per la distinzione tra tettoia e porticato: la prima di…

23 Maggio 2024

Piattaforme di lavoro elevabili: guida INAIL su normativa e sicurezza

Disponibile il quaderno INAIL sulle piattaforme di lavoro elevabili. Scopri le novità normative dal confronto…

23 Maggio 2024