Home » Notizie » Titoli edilizi » CILA per ristrutturazione bagno: quando serve e come farla

CILA-per-ristrutturazione-bagno

CILA per ristrutturazione bagno: quando serve e come farla

Tempo di lettura stimato: 7 minuti

Per ristrutturare il bagno serve la CILA? Scopri le regole per un intervento a norma e scarica i modelli dei titoli abilitativi richiesti

Negli ultimi tempi, i bagni hanno acquisito un ruolo di rilievo nella progettazione degli spazi abitativi, diventando uno degli ambienti più frequentemente soggetti a interventi di ristrutturazione.

Per pianificare dettagliatamente ogni fase di progettazione e gestire in maniera innovativa la documentazione e la pratica relativa alla ristrutturazione del bagno, utilizza il project management software che ti consente di creare procedure dettagliate per ogni pratica, fornendo strumenti per la pianificazione delle attività e il monitoraggio dei tempi e dei costi.

Ma per la ristrutturazione del bagno serve la CILA? Vediamo cosa prevede la normativa per non incorrere in reati di abusivismo edilizio.

Cosa si intende per ristrutturazione del bagno?

Quando si parla di ristrutturazione del bagno, ci si riferisce a una vasta gamma di interventi che includono:

  • la sostituzione dei pezzi igienici, dei pavimenti e dei rivestimenti esistenti;
  • la sostituzione della vasca con un piatto doccia;
  • il completo rifacimento degli impianti;
  • la sostituzione di tratti di tubazioni;
  • la tinteggiatura delle pareti e del soffitto.

Questi interventi edili possono essere suddivisi in lavori di manutenzione ordinaria e lavori di manutenzione straordinaria.

Ristrutturazione bagno: manutenzione ordinaria o straordinaria?

La distinzione tra manutenzione ordinaria e straordinaria è definita nel D.P.R. 380/2001 testo unico edilizia.

La manutenzione ordinaria comprende interventi che non comportano modifiche strutturali agli edifici o agli impianti preesistenti. Questi lavori possono consistere in riparazioni, aggiornamenti e sostituzioni delle finiture, nonché nella manutenzione o integrazione degli impianti esistenti, come ad esempio il cambio di rubinetteria o la tinteggiatura delle pareti.

Diversamente, la manutenzione straordinaria coinvolge modifiche significative alla struttura o ai sistemi esistenti. Questo tipo di intervento potrebbe includere la ridefinizione della disposizione dei sanitari, l’installazione di sanitari e cabine doccia di dimensioni diverse e altre modifiche sostanziali.

Ristrutturazione bagno: normativa di riferimento

Nel processo di ristrutturazione di una struttura esistente, anche se l’intervento si limita a un singolo ambiente come il bagno, è essenziale rispettare le norme igienico-sanitarie, edilizie e di sicurezza che regolano le caratteristiche degli alloggi e delle stanze.

Le normative principali da considerare includono:

  • il D.M. 5 luglio 1975, che disciplina la materia a livello nazionale;
  • il regolamento edilizio locale specifico di ogni Comune.

Costi e bonus per la ristrutturazione del bagno

La ristrutturazione del bagno comporta una serie di spese tra cui:

  • diritti di istruttoria del Comune;
  • spese per l’acquisto dei materiali;
  • costi per la manodopera necessaria ai lavori;
  • parcella del tecnico incaricato. Per calcolare adeguatamente l’importo dovuto al professionista, ti consiglio di utilizzare il software per il calcolo parcelle, che ti permette di determinare con precisione la tariffa in base alla tipologia di intervento.

Tuttavia, esistono anche incentivi fiscali e bonus che permettono di detrarre una parte delle spese sostenute.

In particolare, per la ristrutturazione del bagno è possibile beneficiare del bonus ristrutturazione che prevede una detrazione IRPEF del 50% sulle spese sostenute, con un massimo di € 96.000, per interventi quali il rinnovamento, la messa a norma e il rifacimento dell’impianto idrico-sanitario.

Inoltre, con il bonus mobili, è possibile ottenere una detrazione fiscale del 50% sull’acquisto dei mobili destinati all’arredo del bagno, fino a un massimo di spesa di 5.000 €. Tuttavia, per poter usufruire di questa agevolazione, è necessario che l’acquisto dei mobili avvenga contestualmente a interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, o ristrutturazione edilizia dell’immobile. Al contrario, le opere di manutenzione ordinaria, come la tinteggiatura delle pareti o la sostituzione della rubinetteria, non sono invece ammissibili per la detrazione.

Edilizia libera, CIL o CILA per la ristrutturazione del bagno?

Per valutare se è richiesto un titolo abilitativo per la ristrutturazione del bagno, è fondamentale identificare la natura dell’intervento da eseguire, vale a dire se rientra nella categoria della manutenzione ordinaria o straordinaria.

Quando la ristrutturazione del bagno implica la sostituzione di tubature, impianti e massetto, si tratta di una manutenzione straordinaria che richiede l’ottenimento della CILA, la Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata.

Questo requisito è giustificato dalle disposizioni del Decreto SCIA 2, che elenca le varie opere di manutenzione straordinaria soggette alla CILA, tra cui rientra la “realizzazione e integrazione di servizi igienico-sanitari“.

Al contrario, se l’intervento è di dimensioni più limitate e coinvolge solo la sostituzione di sanitari e rivestimenti, allora si tratta di una manutenzione ordinaria. In questo caso, le attività rientrano nell’ambito dell’edilizia libera e non richiedono autorizzazioni specifiche.

Tuttavia, in quest’ultimo scenario, alcuni comuni potrebbero richiedere la compilazione della CIL (Comunicazione di Inizio Lavori), facilmente reperibile sul sito internet del Comune.

Per maggiore praticità utilizza il modello PDF editabile della CIL o utilizza il software per i titoli abilitativi per ti guida nella corretta redazione e compilazione della comunicazione.

Ecco il modello PDF della comunicazione inizio lavori CIL.

Quando serve la CILA per la ristrutturazione del bagno: esempi pratici

Alcuni interventi di ristrutturazione del bagno che non richiedono la presentazione della CILA includono:

  • sostituzione dei sanitari vecchi;
  • trasformazione della vasca inutilizzata in una doccia;
  • tinteggiatura delle pareti.

D’altra parte, alcuni esempi pratici di lavori di ristrutturazione del bagno che richiedono la presentazione della CILA sono:

  • sostituzione totale degli impianti;
  • realizzazione di nuove condutture.

Per progettare questi interventi, ti consiglio di utilizzare il software per la progettazione degli interni che ti permette di progettare interni da disegni CAD o modelli BIM, ottenere piante 2D e viste 3D e produrre render fotorealistici, fornendo una visione chiara e dettagliata del progetto.

Inoltre, per progettare, calcolare e dimensionare gli impianti direttamente in BIM, utilizza i MEP tools di Edificius con cui puoi verificare e calcolare ogni elemento del progetto e con un click ottenere il modello 3D aggiornato, le relazioni tecniche, le tavole grafiche e il computo.

Ristrutturazione bagno: render realizzato con software Edificius

Ristrutturazione bagno: render realizzato con il software Edificius

Come richiedere la CILA per ristrutturazione bagno

La Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA), introdotta nell’art. 6-bis del D.P.R. 380/01, non è una richiesta di autorizzazione formale, ma piuttosto una segnalazione che si inoltra al comune competente nel momento in cui si intendono effettuare determinati interventi su un immobile senza modificarne la struttura.

La procedura per la presentazione della CILA prevede il deposito presso lo Sportello Unico per l’Edilizia (SUE) del comune in cui si trova l’immobile interessato dall’intervento. Alcuni comuni consentono l’invio telematico della documentazione, mentre altri richiedono la consegna manuale o via PEC.

Alla CILA devono essere allegati vari documenti, tra cui:

  • relazione tecnica asseverata dal tecnico abilitato;
  • documentazione catastale (visura, planimetria);
  • elaborati grafici (stato di fatto e situazione di progetto);
  • documentazione sullo stato legittimo dell’immobile;
  • documentazione sulla sicurezza;
  • documentazione sulla regolarità contributiva;
  • ricevuta di pagamento di eventuali diritti di segreteria da pagare al comune;
  • atto di provenienza;
  • documenti di identità (del proprietario dell’immobile, del tecnico esperto).

Una volta presentata al comune, la CILA non richiede ulteriori autorizzazioni e consente all’interessato di iniziare i lavori immediatamente, nello stesso giorno in cui viene consegnata all’ufficio tecnico.

Come fare la CILA per ristrutturazione bagno

Per compilare in modo corretto la pratica edilizia CILA, è consigliabile seguire un preciso flusso di lavoro che prevede una serie di passaggi essenziali.

Ecco gli step da seguire:

  • conferimento incarico e responsabilità;
  • verifica dello stato legittimo dell’immobile;
  • effettuazione del rilievo e delle indagini necessarie;
  • digitalizzazione dei dati e delle informazioni raccolte;
  • analisi dei requisiti e delle esigenze del committente;
  • progettazione degli interventi necessari;
  • nomina delle figure tecniche coinvolte (direttore dei lavori, impresa, coordinatore per la sicurezza, coordinatore per l’esecuzione);
  • presentazione dell’istanza per le autorizzazioni e gli atti di assenso necessari;
  • avvio dei lavori previsti.

Puoi approfondire ulteriormente con uno specifico focus su come fare una CILA.

Per gestire l’intero processo di presentazione della CILA in modo efficiente, utilizza un BIM management system online che ti permette di organizzare la struttura delle cartelle in base al tuo flusso di lavoro, inserire tutti gli elaborati di progetto, gestire online i modelli 3D di progetto, le tavole grafiche e tutta la documentazione richiesta. Potrai compilare la CILA direttamente online con i tuoi colleghi!

Obbligo CILA per ristrutturazione bagno: conseguenze

Se necessaria, la mancata presentazione della CILA porta all’illegalità dell’opera stessa, configurando un potenziale caso di abuso edilizio. Ciò espone il proprietario a rischi consistenti in termini di multe e sanzioni penali.

In base all’art. 6-bis del D.P.R. 380/01, la mancata presentazione della comunicazione di inizio lavori asseverata comporta una sanzione pecuniaria di 1.000 euro. Tuttavia, tale sanzione può essere ridotta di due terzi nel caso in cui la comunicazione venga effettuata spontaneamente mentre i lavori sono in corso (CILA tardiva).

Oltre alle implicazioni di natura legale, l’assenza della CILA può causare problemi dal punto di vista tecnico: senza un adeguato controllo e supervisione, i lavori eseguiti potrebbero non essere conformi alle normative vigenti e risultare potenzialmente non sicuri.

Inoltre, trascurare la presentazione della CILA può avere ripercussioni sul valore del patrimonio immobiliare. Gli immobili privi della documentazione corretta risultano irregolari, determinando una significativa svalutazione dell’immobile.

Esempio CILA per ristrutturazione bagno

Per compilare, gestire e archiviare il modello CILA adatto alla ristrutturazione del bagno, puoi ricorrere al software per titoli abitativi che ti fornisce il modello unico aggiornato e ti guida nella sua compilazione.

Nello specifico, selezionando il modello della CILA, visualizzi i paragrafi che compongono il modello scelto e compili le diverse sezioni del modello con input guidato. Alla fine, archivi e gestisci il modello in formato elettronico e potrai esportare il documento in PDF o PDF/A.

Modello CILA: software Praticus-TA

Modello CILA: software Praticus-TA

Il software ti permette inoltre di acquisire i dati da documenti già redatti, ti basterà selezionare il documento di interesse e i dati saranno esportati sul nuovo.

Di seguito, puoi scaricare un fac-simile della CILA.

Per maggiore praticità, può esserti utile il modello PDF editabile della CILA.

Sentenze sulla richiesta della CILA

Di seguito ti propongo una serie di sentenze in cui si affrontano interventi per cui è richiesta o meno la CILA.

Aumento vani in appartamento: CILA o PdC?

La sentenza penale n. 14964/2023 della Corte di Cassazione fornisce importanti indicazioni sull’aumento di vani in appartamento e la necessità di CILA o PdC.

Nel contesto della ristrutturazione del bagno, è cruciale considerare le implicazioni legali e ingegneristiche legate alla demolizione e ricostruzione delle tramezzature interne. Questa pratica, finalizzata alla ridistribuzione degli spazi abitativi, potrebbe richiedere un chiarimento sul titolo edilizio necessario, specialmente se comporta la creazione di nuovi ambienti come bagni aggiuntivi o stanze. La decisione della Corte conferma che modificare le tramezzature per creare nuovi vani, senza alterare la volumetria complessiva né la destinazione d’uso originaria dell’immobile, rientra nella categoria di manutenzione straordinaria. La sentenza chiarisce che per spostare i tramezzi e ridistribuire gli ambienti con un potenziale aumento dei vani, potrebbe essere sufficiente presentare una CILA, a condizione che non vi sia un incremento del volume originario dell’immobile né un cambio d’uso.

D’altra parte, se tale intervento comporta un mutamento della volumetria complessiva o una modifica della destinazione d’uso, potrebbe rendersi necessario il permesso di costruire.

Altre sentenze

Altre sentenze di interesse:

Praticus-TA
Praticus-TA
0 commenti

Lascia un Commento

Cosa ne pensi?
Lascia un commento sull'articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *