gse-Certificati-bianchi -modulo-guida2

Certificati bianchi: aggiornato il modulo del contratto standard e la guida operativa

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Dal GSE l’aggiornamento del contratto standard e della guida operativa per l’emissione dei certificati bianchi ai sensi dell’articolo 14-bis del dm 11 gennaio 2017

Il GSE (Gestore Servizi Energetici) rende noto che, in linea con le indicazioni fornite dal Ministero della Transizione Ecologica, sono disponibili, nella sezione Servizi / Efficienza energetica / Certificati Bianchi:

  • la Guida operativa per l’emissione dei Certificati Bianchi ai sensi dell’articolo 14-bis del DM 11 gennaio 2017, aggiornata per tener conto delle novità introdotte dal DM 21 maggio 2021, come già evidenziate e rese disponibili con la pubblicazione della news “Certificati bianchi, ulteriori indicazioni relative alla sessione d’obbligo 2020” del 02/07/2020;
  • il fac-simile del Contratto per il rilascio dei Certificati Bianchi riconosciuti ai progetti di efficienza energetica, approvato ai sensi dell’articolo 5, comma 3 del DM 11 gennaio 2017 come modificato dal DM 21 maggio 2021.

La guida GSE sui certificati bianchi

La Guida Operativa è adottata dal Gestore dei Servizi Energetici – GSE S.p.A. per l’emissione, nei confronti dei Soggetti Obbligati definiti dall’articolo 3 del Decreto, dei Certificati Bianchi o Titoli di efficienza energetica (TEE) di cui al comma 1 dell’articolo 14-bis.

Tale Guida definisce le modalità per le richieste di emissione e di riscatto dei TEE di cui al comma 1 dell’articolo 14-bis e le relative tempistiche di regolazione delle somme di cui ai commi 6, 7 e 8 del medesimo articolo aggiornando la precedente Guida, già approvata con decreto direttoriale MiSE del 9 maggio 2019, con effetti decorrenti dalla data di pubblicazione del DM MiTE del 21 maggio 2021.

Il GSE si riserva la facoltà di aggiornare e modificare ulteriormente la Guida previa approvazione del Ministero della Transizione Ecologica.

La guida affronta i seguenti aspetti:

  • richiesta di emissione dei TEE di cui al comma 1 dell’articolo 14-bis;
  • modalità e tempistiche di regolazione dell’emissione dei TEE di cui al comma 1 dell’articolo 14-bis;
  • richiesta di riscatto dei tee di cui al comma 1 dell’articolo 14-bis;
  • modalità e tempistiche di regolazione del riscatto dei TEE di cui al comma 1 dell’articolo 14-bis.

I certificati bianchi, cosa sono

Il meccanismo dei certificati bianchi, entrato in vigore nel 2005, è il principale strumento di promozione dell’efficienza energetica in Italia.

I certificati bianchi sono titoli negoziabili che certificano il conseguimento di risparmi negli usi finali di energia attraverso interventi e progetti di incremento dell’efficienza energetica. Un certificato equivale al risparmio di una Tonnellata Equivalente di Petrolio (TEP).

Chiamati anche Titoli di Efficienza Energetica (TEE), i certificati bianchi sono il principale meccanismo di incentivazione dell’efficienza energetica nel settore industriale, delle infrastrutture a rete, dei servizi e dei trasporti, ma riguardano anche interventi realizzati nel settore civile e misure comportamentali.

Il GSE riconosce un certificato per ogni TEP di risparmio conseguito grazie alla realizzazione dell’intervento di efficienza energetica. Su indicazione del GSE, i certificati vengono poi emessi dal Gestore dei Mercati Energetici (GME) su appositi conti.

I certificati bianchi possono essere scambiati e valorizzati sulla piattaforma di mercato gestita dal GME o attraverso contrattazioni bilaterali. A tal fine, tutti i soggetti ammessi al meccanismo sono inseriti nel Registro Elettronico dei Titoli di Efficienza Energetica del GME.

Il valore economico dei titoli è definito nelle sessioni di scambio sul mercato.

 

Clicca qui per scaricare la guida GSE

Clicca qui per scaricare il fac-simile del Contratto per il rilascio dei Certificati Bianchi

 

solarius-pv
solarius-pv

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *